De me regord la sliza

di Anna Gherardi


di Anna Gherardi 

De me regord la sliza

D’envèren quanca l’eva fiocaat i rèdès ai giügnava de fó a tiràs li boci de niif.

An se lagava dagió coi brasc’ slargàac’ par vidi la nosa forma sü 'ndèla niif e 'nse müsürava chi ca l’era püsé olt

Dopo me faava la sliza; sü'n dèl slitii quac’ cal ghe ne stava sü e i cülmartei ca se fava…..

Ilura al vegneva sempre gio acqua réet a li rogi e quanca l’era propi fréc’ prüma de fiocaa al se fava sü ol glasc’ tüt atoren a la rogia, sura i sass, atoren ai fii de l’erba u an quai bachèt. Nu am ie toleva gió e m’iè sciüsciava come s’ai fodéss carameli.

Quali olti la rogia la se stupava, al vegneva fo l’acua e la pasava gio réet al pràat e de nòcc col frécc la gelava: ilura sé ca l’era bèl fa la sliza sura al glasc’, se ‘ndava püése a fort.

Nuu rédèsi am gheva sü ol pedagn (li femmi li duperava caach li braghi ilura), sóta ‘l pedagn li colsi longhi de lana, ma li ruava ca sü 'ndèla vita come chili de adèss; iera tacadi sü al maglii con ‘n alastec con taac’ böc’ e duu butù, üü sü ‘ndèl maglii e üu sü ‘ndela colsa.

Sal te pasava gio le cólsi te cambiavet böc’ sü 'ndèl alastec, ma li cülati i era sempre descuerciadi, siché i era sempri moreli dal frécc parché a fa la sliza am dava gió dal slitii e 'n s'era sempre col cül sü 'ndèla glasc’ o 'n mèzz a la niif.

Dopo i te n’cüsina sè li trava pó fó e s’ie fava sügaa sura la pigna 'ntaat ca ‘se scoldava i pee denaz al föoc.

Slittare di mia memoria

D'inverno dopo una nevicata i bambini giocavano fuori casa a tirarsi le palle di neve.

Ci lasciavamo cadere con le braccia allargate per vedere la nostra sagoma sulla neve e misuravamo chi era più grande.

Dopo slittavamo; sullo slittino in tanti e quanti capitomboli facevamo.

Allora scorreva sempre acqua nei ruscelli e quando era parecchio freddo, prima di nevicare, si ghiacciavano e si formava il giaccio tutto attorno alle roggie, sopra i sassi, attorno ai fili d'erba o ai ramoscelli del circondario. Noi li staccavamo per succhiarli come se fossero caramelle.

Qualche volta la roggia si otturava, e l'acqua scorreva nel prato adiacente e di notte con il freddo ghiacciava: allora si che era bello slittare sopra il ghiaccio, si scivolava meglio e si andava più veloci.

Noi bambine avevamo la gonna (le donne allora non usavano ancora i pantaloni), sotto la gonna avevamo le calze lunghe di lana, ma non arrivavano mai vita come quelle di adesso; erano attaccate alla maglietta con un elastico con tante asole e due bottoni , uno sulla maglietta e uno sulla calza.

Se ti scappavano giù le calze cambiavi asola sull'elastico, ma le chiappe erano sempre scoperte, così erano sempre violacee dal freddo perché a slittare si cadeva dallo slittino ed eravamo sempre con il culo sul ghiaccio in mezzo alla neve.

Dopo in casa, nella cucina si levavano e si appendevano sopra la stufa per farle asciugare  intanto che si scaldavano i piedi davanti al fuoco.