Fradèl dèla mia sorèla 


  di  Vittorio Crapella  -16-09-2019 

'N fradel de 'na mia sòrela 

'Na òlta, ghera 'na fémna chè la se ciamàva Ida, l'era forbée di Piaa, ca la gheva ´n sòci de Sondri.

'N dì l'era ilò ai giardìi de Sondri a parlàa 'nséma a chèsto, e ´ndel fratèp al pasa da ilò ol Pedo di Bèca, cal'la cónós bée, i ghà li bàiti tacadi sǜ a Feit. 

I 'ndava àa ca fàa patùsc ' 'nséma, quai olti si se rügat a itè ma pò ognantǜu i restáac' sül sò. 

Embée, al ghè dìs: "Véila Ida, te m'evet pò dìc' chè te ghevet ca negǜu ma vedi chè te sée en bùna compagnia".

La Ida la ghè restàda, ma en prèsa la ghà truáat 'na scǜsa e la ghà respundǜt: 

"Ah ma chèsto lè 'n fradèl dè 'na mia sorèla". 

Ol Pedo, con 'n grignèt, al fà: 

"Ò capìit, mostàscina, fra póoch 'n se trua pò sǜ a Feit e te me disare pò chi ca lè ol fradèl de la tua sorèla, adès o da 'nàa de corsa senò la curiera la me và e ghè rui ca a ciapàla." 

 

 'l ghè nè amò

 

FRATELLO DI UNA MIA SORELLA

Una volta c'era una donna che si chiamava Ida, credo fosse della famiglia dei Piani, che aveva un amico di Sondrio.

Un giorno era ai giardini di Sondrio a parlare con questo, e nel frattempo passa di lì il Pietro di Bèca, che la conosceva bene, avevano le baite attaccate sul maggengo di Feit.

Andavano anche a raccogliere lo strame assieme, qualche volta hanno intrapreso relazioni amorose ma poi è finita lì.

Ebbene, gli disse: "Salve Ida, mi avevi detto che non avevi nessuno ma vedo che sei in ottima compagnia".

Ida fù presa alla sprovvista, ma in fretta ha trovato una scusa e gli rispose: 

"Ah ma questo è un fratello di una mia sorella".

Pietro, con un sorriso, gli fa: "Ho capito, furbetta, fra poco ci troveremo poi sul maggengo a Feit e mi racconterai poi chi è il fratello della tua sorella, adesso devo andare di corsa altrimenti perdo la la corriera, non riesco a prenderla.