Ghera 'na òlta 'n sàs

di Vittorio Crapella - 04-09-2018


GH'ERA 'NA ÒLTA 'N SÀS  

'N sàs sǜ 'ndel bósc’, dòpo ca l'acqua la gh'à tiráat ià la tèra ca gh'era sùra, 'l se vardava 'ntóren.

L'era ilò sùra 'n sentér pièe de òtri sàs, 'nsèma a dei ciǜf de èrbi e 'l gh'eva 'ntóren áa quài fiór béi coloràc'.

Adès, ca 'l vansàva sǜ dala tèra, 'l vedeva giò el sentér pièe de òtri bòc’ ca i se möeva sèmpri, e lüü 'l se sintìva amò ligáat scià dali scéspedi.

'l ghe vée la òia de boreláa giò per stáa con tüc' i òtri sàs sùra 'l sentér e 'l dis:

"Ca fóo chilò con chìsti èrbi e con chisc' fiór ?, vöi a mi 'ndáa coi mée fradèi."

'L se dàc' 'na scürlìda e 'l sè lagáat slizáa giò, e sübet, a lüü, 'l se truat ilò 'nsèma ai òtri.

La cuminciáat a vès müiut dai légn tiráac' dala gèet, dai fèr dei pèe dei cavai e dai scarpù de chi ca i pasàva ilò.

'L trùava ca pü requi, 'n bòt üü o 'n bòt l'òtro i l'è rèbaltàva en scià e'n la.

La póo duüt soportáa la pàlta quànca 'l piöeva e li sciòti deli vàchi ca li pasàva e 'n tüt stò rebelòt la pèrs áa quài tòchei.

Spès 'l vardava sǜ òl lṍöch 'ndùa l'era prüma, l'arès vulüt amò chèl pòst ma 'l pudìva ca pü ch'èsta òlta lagàs slizáa sǜ.

Iscè 'l sücét a táac' ca i stà bée en de 'n pòst ma i völ 'ndáa en de ‘n òtro parché 'l ghe pàr sèmpre ca l'èrba del visìi le püsée vérda.

(by Vittorio C. - 04-09-2018)

 

'l ghè nè amò

C'ERA UNA VOLTA UN SASSO

Un sasso sul bosco, dopo che l'acqua gli ha tirato via la terra che aveva sopra, si guardava attorno.

Era li sopra un sentiero pieno di altri sassi, assieme a dei ciuffi d'erba e circondato anche da fiori belli colorati.

Adesso, che avanzava fuori dal terreno, vedeva giù il sentiero pieno di altri sassi che si muovevano sempre, e lui si sentiva legato, ancora trattenuto dalle zolle erbose.

Gli viene voglia di rotolare giù per stare assieme a tutti gli altri sassi sopra il sentiero e disse:

"Cosa faccio qui con queste erbe e con questi fiori ?, voglio anch'io andare con i miei fratelli."

Si diede una mossa e si è lasciato scivolare giù, e subito, anche lui, si trovò assieme agli altri.

Ha cominciato ad essere mosso dai legni tirati dalla gente, dai ferri dei piedi dei cavalli e anche dagli scarponi di chi passava da lì.

Non trovava più un momento di riposo, una volta uno una volta l'altro, lo ribaltavano in qua e in la.

Ha poi dovuto sopportare il fango di quando pioveva e lo sterco delle mucche che passavano e in tutto questo trambusto ha perso anche qualche pezzo.

Spesso guardava su il posto dove era prima, avrebbe voluto ancora quel posto ma non poteva più questa volta lasciarsi scivolare in su.

Così succede a tanti quando stanno bene in un posto ma ne vogliono un altro perché gli sembra sempre che l'erba del vicino è più verde.