I rumóor

traduzione dal libro Nembro di Graziano Murada


di Vittorio C. 20-12-2020

I rumóor

L'è sìra, 'l fṍöch cal brüsa la légna dè làres al pàr cantàa, sel sènt s-cópètàa cóma 'na müsica.

Ol fǜm dol fuglàa, prǜma dè svanìi 'ndèli sfèleri sóta 'l téc’, al pàr scarabóciàa niòli cóma de sòmartìi.

L' ódóor dol quadro de fée ca 'l bói, l'impinìs l'ària dè 'n prüfüm cal va 'ngóla.

Ol silènsi l'ingrandìs 'l rumóor dei carṍi ca ià 'nviàat ol tùrno dèl lóor laoréri de rüsiàa itè 'mèz ai legn, iscè ai té alegri tǜta la nòc’.

Sǜ 'ndèli laméri e süi tràaf dol téc’ se sènt pàs 'mpruis e śvelc' dè 'na quai gìra 'n cerca dol pàst dèla nòc’ o dè quai amór.

Lontàa se sént amò l'ültèma cansù di grìi.

A 'l véet la cuminciàat a sifóola la sua sunada, 'l mutìf dèl solènch.

Gió desót 'ndèla masù li vàchi li pòosa 'ntàat ca li rümiàa l'èrba dela pastüra maiada scià longo 'l dì e i źampógn al còl, ai se móof apèna par cercàa spàzi trà li nóti dol spartìit, ca de nòc’, la banda la ulüut sunàa.

Sùu ca óo smentegàat, ca óo tràc' fò dala stànsa di regòrc', spantegac' iscè a quai manéeri èn quai àngol 'ndùa se bàt ià li róbi inǜteli, végi, ca li pàr pǜ èn asén da pudìi üsàa.

Parché se trà ca ià nóma i stràsc' véc', i giṍch e li róbi cunsümàdi dal tèep, ma a òlti àa i regòrc'.

Chèsta lè 'na brüta liànda dèl'óm dè dèsfesciàs deli róbi de 'n bòt, par lagali 'ndàa 'nsèma al téep cóma sà 'l fós nóma dei òtri.

Mi sóo ca da méno.

Òo batüut ià 'ndì urtìghi chèl 'nsèm de róbi del pasàat cal ma ninàat e parfìna tempràat.

'Ndèla prèsa dè crès óo tràc' itè par i s-carc' dèla vìta li emoziù, i saóor, i prüfüm e i sùu dè chèl ca óo visüut, ca l'era tüt nóma mè.

Adès ca sóo réet a ruàa 'ndèla stagiù dei marüuc', me 'ncorgi chè la córsa fácia l'è 'ndacia tròp debòt.

Ghè sóo curüut réet al nìent, óo tiràat l'àm ité 'ndèl màar dèli róbi de tüc' i dì, iscè da smentegàa dè vardàa la contèntèzàa dèi ridisìi, dè dàa 'na càra al regiór, dè mèt 'na màa sǜ 'ndèla spàla dè chi ca i cercàva confòrt, dè 'ndàa a truàa 'n amìis, dè fèrmam a vardàa 'l tramónt, dè remàscià 'n fióor par la mia fèmma.

Adès l'è tardi par pudìi tornàa 'nréet a próet.

Speri ca i mée fiöi i'mpari la leziù par mìga fàa i stès eróor dol pà.

 'l ghè nè amò

I rumori

E’ sera, il fuoco brontola, si ode lo scoppiettio musicale della legna di larice.

Il fumo del camino disegna nuvole autunnali prima di dissolversi nei pertugi sotto il tetto.

L’odore del fieno che fermenta riempie l’aria di balsamo pungente.

Il silenzio amplifica il concerto delle tarme che hanno avviato il turno di lavoro che ci accompagnerà per tutta la notte.

Sulle lamiere del tetto si odono i passi veloci e nervosi di qualche ghiro alla ricerca del pasto notturno o di qualche amore.

In lontananza si sente l’ultima canzone dei grilli.

La brezza fischia, intonando il motivo della malinconia.

Nella stalla sottostante le vacche riposano ruminando l’erba giornaliera e i campanacci al collo tintinnano, cercando spazio tra le note dello spartito che l’orchestra notturna ha messo in scena.

Suoni che ho dimenticato, che ho rimosso dalla stanza dei ricordi, sparpagliandoli alla rinfusa in qualche angolo dove si gettano le cose inutili, vecchie e non più di moda.

Perché non si buttano solo gli abiti, i giochi, le cose consumate dal tempo, ma, a volte, anche i ricordi.

Questa maledetta abitudine dell’uomo di non tenere accanto gelosamente le memorie e custodirle, preferendo consegnare il passato agli annali, come se appartenesse ad altri.

Io non sono da meno.

Ho gettato alle ortiche quel trascorso che mi ha cullato e persino forgiato.

Nella fretta di crescere ho lasciato tra gli scarti della vita le emozioni, i sapori, i profumi e i suoni di un vissuto che mi apparteneva.

Ora, che mi sto avvicinando ad una stagione oltre la maturità, mi accorgo che la corsa fatta è stata troppo frenetica.

Ho rincorso chimere, aspirazioni, ho gettato l’ancora dentro il mare dell’ovvietà, dimenticando di guardare il sorriso dei bimbi, di dare una carezza all'anziano, di mettere una mano sulla spalla di chi cercava conforto, di andare a trovare un amico, di fermarmi a guardare il tramonto, di raccogliere un fiore per mia moglie.

Ora, è tardi per rimediare.

Spero che i miei figli imparino la lezione e non commettano gli errori del padre.