'L campanìl e la nóos pórtàda dal còrf

di Vittorio Crapella - 07-11-2018


Voce di Vittorio Crapella

'L CAMPANÌL E LA NÓOS PÓRTÀDA DAL CÒRF 

En de'n paés apröf al campanìl òlt dèla gésa gh'era 'na bèla piànta de nóos, li söi nóos li dàva gió sǜ la téra e táati li finiva par vès maiàdi dai còrf.

'N dì 'n còrf l'à ciapáat 'ndel bèch 'na nóos e lè ulàt sùra 'l campanìl itè 'n de'n böc’ del mür 'ndùa gh'era àa 'na crépa e 'l còrf l'à lagàat dà gió la nóos ca l'è 'ndàcia pròpi gió iló.

Òl còrf, dòpo vìi vardáat 'ndèla crépa sènsa ruàch a tiràa sǜ la nóos, l'è uláat ià e se l'è ca pü idüt.

Iscé la nóos, lìbera dal bèch del còrf, la pensáat ca chèl pòst l'era bèl par stàa iló apröf àach ali campàni.

La nóos la gh'è dìs al campanìl: "Ò ca pudüt restàa sǜ la téra sóta li fói dèla piànta dei méei e adès ca'l còrf 'l mà pórtáat chiló te preghi laghem stàa con ti".

'L mür, ca l'à sentüut, l'era ca táat contèet, ma 'l padrù l'era òl campanìl chè mòss a compasiù l'acetàat ca la nóos la restàves 'ndùa l'era dàcia gió.

Dòpo 'n póo de tèep la nóos l'à cuminciáat a urìss e mèt fò li radìs 'ndeli sféleri dei sàs; dal böc’ 'l bütàva fò i sö brochéi ca iè diventáac' debòt béi grànc' e gròś.

Àa li radìs li sè 'ngrandìdi e li sfòrsava cùntra i sàs ca a pòoch a pòoch ià svergoláat òl mür ca pó l'à finìit par derocàa.

Iscé, àa sa 'n póo en ritàrt, òl campanìl l'à capìit 'l parché 'l mür l'era ca táat contèet e l'à 'mparáat ca piasè sènsa dàgn se po ca fàn.

(by Vittorio Crapella - 07-11-2018)                                          'l ghè nè amò

IL CAMPANILE E LA NOCE PORTATA DAL CORVO

In un paese vicino al campanile altro della chiesa c'era una pianta di noce, le sue noci cadevano sulla terra e tante finivano per essere mangiate dai corvi.

Un giorno un corvo ha preso nel becco una noce ed è volato sopra il campanile dentro un buco del muro dove c'era una crepa e il corvo ha lasciato cadere la noce proprio li dentro.

Il corvo, dopo aver guardato nella crepa senza riuscire a recuperare la noce, e volato via e non si è più visto.

Così la noce, libera dal becco del corvo, ha pensato che quel posto era bello per stare li vicino alle campane.

La noce disse al campanile: "Non ho potuto rimanere sulla terra sotto le foglie della piante dei miei e adesso che il corvo mi ha portato qui ti prego lasciami stare con te".

Il muro, che ha sentito, non era molto contento, ma il padrone era il campanile che mosso a compassione ha accettato che la noce rimanesse dove era caduta.

Dopo un po' di tempo la noce ha cominciato ad aprirsi e allungare le radici nelle fessure tra i sassi; dal buco crescevano i suoi ramoscelli che presto diventarono lunghi e grossi.

Anche le radici si sono ingrossate e forzavano contro i sassi che a poco a poco hanno deformati il muro che poi diroccò.

Così, anche se un po' in ritardo, il campanile ha compreso il perché il muro non era contento e ha imparato che favori senza subire danni non si posso fare.