'l pomèer dol Paradìis

di Angelo Giugni - luglio 2022


'L pomèer dol Paradìis

Aa de sta pianta, come del fiól de Guglielmo Tell, 'l se regorda pü nigüü. 
La Storia l'è stácia fina scriüuda ma chi ca l'era ca búu de léisc ai lá cüntada sü diversamènt e mi lóo sentüda iscé: alùra...ol scióor di Paribèl en de la sua vila de Milaa al ghera 'n gran giardii.

Rösi, palmi, rùgoi, fasolèer, ogni bendidio; ma l'era püsé che otro apasiunáat del sò frütéto ca'l ghe dava früta da inizi Lüi con i prümm albicocch ala fii de Mácc', aretüra, coi póm ca'l conservava en cantìna, de 'na varietá speciàla ca'l ghera nóma lüu ca'l l'era fácia ignii da l'Inghiltèra con la naaf. 

Iera póm talmènt róss de ess quasi vióla e ol scióor di Paribèl al diseva ca iera bùu fó de mèret.

Nigüu al podeva di ca'l fódess ca véra, parchè nigüu, gnaa la sua femma ne la sua fióla, ai podeva tastái.

L'era gelóos di sò póm oltre ogni imaginaziù. 
Ol frutéto l'era cintaat e nöma ol giardinéer, en bosácc de Ca di Cutri, al gheva la ciaaf dol cancèl.

Quanca i póm iera sciá marüut i soldaat del Paribèl i gheva l'órden de tignii d'ócc che'l giardinéer al pruávess ca a tastàa 'n póm, gnaa chi camolàat dàc' gió bàs ca iera destinàat pütosto ai cunìcc' o al ciù.

Ol fiòl del giardinèer, Primo, al vedeva tüti li siri ol sò pà tornàa strácch me n'asen, aviliit par li gran fadighi e i quatro franch ca l'era guadagnàat ca iera abòtt a malapena par 'n póo de farìna gialda, quai fasöi, 'n tocch de formái e 'na butiglia de róss 'na domenega forse e na domenega no. 

Ol Primo l'era ca gopp me'l so pá; al ghera sèdess agn e l'era bèl quasi 'me la statua de San Quintiliano en del Domm.

L'era inamóraat de la fiöla del sò padrü e ogni olta ca'l ghe portava la colaziù i lecc' o ca'l ghe svöidava l'urinari el sò cöor al batéva tánt fòort ca'l ghera pùra de svegliaa ol pá de lee ìla stansa de fiánch.

La Sveva, iscé la se ciamava l'ünica fiöla del Paribèl, l'era po ca indiferènta ala belèza dòl fiöl del giardinèer e la sèra ach 'ncurgiüda de èss ricambiáda 'ndi sentimeèt, ma la pödeva ca dagla dal par niént a sto bèl bagái sensa pasaa, ai sò öcc, par 'na femma 'n póo tròp generósa.

'N dì de Otori la vardava fó trista de la finèstra de la sua camera e la vedeva el sò bèl ca chèl dì l'ütava ol pá en dòl früteto, quanca la gha üut 'na ilüminaziù: "mandate da me il figlio del giardiniere per una commissione" lá osàat ai soldàat. 

Quanca ol bagaiòt l'è ruaat, tütt afanàat per la gran corsa sü per li scáli, ala pòrta vèrta de la camera de la s-cèta l'è mancàat pooch ca'l restéss iló sècch.

La Sveva l'era iló co'na vestaglia méza trasparénta. Al là vardaat mezz münüut en di öcc e po la gha dìcc:

"se stasera mi porterai nel frutteto a mangiare le mele rosse di mio padre , mi toglierò anche questa".
Ala sìra, pena al sè fácc' nòcc, ol Primo lá derviit ol cáncèl con la ciaaf del sò pá e al sè mèss a speciaa e con chèl pìt de lüus de la lüna, la scirniit dal pomèer ol püsé bèl di póm.

Al l'era péna remàat gió ca la sentüut sul còl ol fiaat de la Sveva.

Al sè voltàat a piaa e sensa dii niént al gha mèss ol póm denaz ala búca.

Lee la ghà dacc gió 'n bèl più e con la buca piena la facc "mmmhh" e dopo 'n póo de mastegádi la gha dìcc "delizioso, assaggia anche tu amore".

Lüu al sè mèss a maia 'l sò pomm sensa 'ncorges sa l'era ghèrp, duls o farinóos parché al vardava lee ca la se sbiotava a piaa e po ca la cuminciava a sbiótaa a lüu.

L'è stácia 'na nòcc de pasiù dal taat tèep ca ieva speciaat e al cuminciava quasi a fa dì che ai sè 'ndormentaat. 

Ol Paribèl chèla domaa l'era decidüut de fa na colaziù speciala, en bel póm pèna töcc' gió da la piánta.

La sua fióla la s'era pèna svegliada e l'era 'ndacia a faa la pìsa dereet an nisciolèer. 

Al rua iló e al vìtt ol Primo biott gió sóta al pomèer. "Cosa stai facendo tu, qui?" la domandaat ol scióor.

Ol Primo, tütt 'nsógnèet, al gha respóndüut "al me scüsi Signore ho lavorato dietro al pomèer tutta la notte e mi devo essere indormentato n'átom" e 'ntaat al sè ne 'ncorgiüut de ess biòtt, "che süada ca mi è toccato fare... tròp caldo però per essere Somartii".

'N póo par la pùra 'n póo par ol frécc' lá tacàat a sbarbelaa 'nde chèl momènt la salta fó la Svéva.

Ol Paribèl sül momènt al lá gnaa idüda. Al vardava gió báss ol sgaüsc del póm, al pódeva ca credech, vargüu l'era pruàat a faa chèl ca gnaa ol püsé stüpet o coragióos di géet l'aréss mai fácc.

Lá ciamaat sübet chèl rembambìit d'en soldàat de guardia ca de sicüur al s'era 'ndormentàat.

"Angelo, per Dio, prendi la spada e decapita questi due ladri... traditori".

Ol soldaat lè restàat 'n póo spiazàat parché lüu 'l ghera sciá la sciábola e l'alabarda e i dùu iá üut ol tèep de scapàa. 

Ol rèst de la stòria lè sübet cüntada: dopo ess restàat piacàat 'n quai dì, la Sveva la ghe ruada a fàss dàa 'n quai vergót da la sua mama e 'ntaat ol Primo la recüperaàat 'n càr e n'asen e i sè enviàat par 'ndaa al cunfii.

Tornàat in Alboságia la portàat la femma a Cá di Cutri. Lee la cuminciava a vìcch ol dübi che l'amóor al ghe saréss costàat caar e 'ntàat ol Primo lè spariit, l'era giá la segónda òlta en de chi dì e po, come l'otra òlta, lè tornàat tütt süàat.

"Ven Eva", el gha dicc', e al lá portada gió da li pàart de Cá dol Pèna en dua ol sò pá al ghera 'na lìsca.

"L'è noma 'n sciücch, la piàata loo dü-üda lagáa a Milaa, ma óo tigniüut tati radiis, de chì an quai agn 'nsediróo abastansa piàati ca 'n gará tücc i póm ca'n völl, mei di sciòor".
Tücc' i dübi de la Sveva sül domaa iè sübet svaniit.

Il melo del Paradiso

Anche di questa pianta, come del figlio di Gulielmo Tell, non si ricordano più nessuno.
La storia è stata perfino scritta ma quelli che non erano capaci di leggere la raccontano diversamente ed io lo sentita così: allora... "il signor Paribelli nella sua villa di Milano aveva un gran giardino.
Rose, palme, piante di rovere, piante di fagioli, ogni ben di Dio; ma era più che altro appassionato del suo frutteto che gli dava frutta da inizio luglio con i primi albicocchi alla fine fio maggio, perfino, con le mele che conservava in cantina, di una varietà speciale che aveva solo lui che aveva fatto arrivare dall'Inghilterra con la nave.
Erano mele talmente rosse quasi violacee e il signor Paribelli diceva che erano buonissime.
Nessuno poteva dire che non fosse vero, perché nessuno, nemmeno sua moglie e sua figlia, potevano assaggiarli. 
Era geloso delle sue mele oltre ogni immaginazione.
Il frutteto era recintato e soltanto il giardiniere, un abitante di Albosaggia della frazione Ca di Cutri, aveva la chiave del cancello.
Quando le mele erano quasi mature i soldati di  guardi del Paribelli avevano il compito di tenere d'occhio il giardiniere non si permettesse di assaggiare nemmeno una mela, nemmeno di quelle cadute per terra intaccate dalla camola che erano destinate per i conigli o il maiale.
Il filgio del giardiniere, Primo, vedeva tutte le sere suo padre tornare a casa stanco morto come un asino, avvilito per le grandi fatiche e con quattro soldi guadagnati che erano abbastanza a malapena per un po' di farina gialla, qualche fagiolo, un pezzo di formaggio e una bottiglia di rosso una domenica forse e una domenica per nulla.
Primo non era gobbo come suo padre; aveva sedici anni ed era bello quasi come la statua di San Quintiliano esposta nel Duomo.
Era innamorato della figlia del padrone e ogni volta che le portava la colazione a letto e le svuotava l'orinale, il suo cuore batteva talmente forte che aveva paura di svegliare il padre di lei nella stanza accanto.
Sveva, così si chiamava l'unica figlia di Paribelli, non era indifferente alla bellezza del figlio del giardiniere e sapeva anche di essere ricambiata nei sentimenti, ma non poteva dargliela per nulla a questo bel ragazzo senza passare, ai suoi occhi, per una donna un po' troppo generosa.

Un giorno di ottobre guardava triste dalla finestra della sua camera e vedeva il bel ragazzo che aiutava il padre nel frutteto, quando le è venuta un'idea illuminante: "mandate da me il figlio del giardiniere per una commissione" ha urlato ai soldati di guardia.

Quando il ragazzo è arrivato, tutto affannato per la grande corsa a salire le scale, alla porta aperta della camera della ragazza, è mancato poco prendesse un infarto.
Sveva era con una vestaglia semi trasparente. l'ha guardato mezzo minuto negli occhi e gli disse:
"se questa sera mi porterai nel frutteto a mangiare le mele rosse di mio padre, mi toglierò anche questa".
Alla sera, appena si è fatto notte, Primo ha aperto il cancello con le chiavi di suo padre e si è messo in attesa e con quel poco di luce del chiaro di luna, ha scelto dal melo la mela più bella.
Aveva appena colto la mela che si sente il respiro al collo di Sveva.
Si è voltato piano e senza dire nulla gli ha messo la mela davanti alla bocca.
Lei l'ha addentata dando un bel morso e con la bocca piena fece "mmmhh" e dopo aver masticato disse: "delizioso, assaggia anche tu amore".

Lui si è messo a mangiare la mela senza accorgersi se fosse acerbo, dolce o farinoso perché guardava lei che si spogliava pian piano mentre cominciava a spogliare anche lui.
È stata una notte di passione da tanto attesa e cominciava a farsi giorno che si sono addormentati.
Paribelli quella mattina aveva deciso di fare una colazione speciale, una bella mela appena colta dalla pianta.

Sua figlia si era appena svegliata ed era andata dietro un nocciolo a fare la pipì.

Arriva lì e vede Primo nudo sotto il melo. "Cosa stai facendo tu, qui?" gli ha chiesto il signore.

Primo, insonnolito, gli risponde: "mi scusi signore ho lavorato dietro al melo tutta la notte e mi devo essere addormentato un attimo" e intanto si è accorto di essere nudo, "che sudata mi è toccato fare ... troppo caldo per essere in autunno".

Un po' per la paura un po' per il freddo ha cominciato a battere i denti nel mentre spunta anche Sveva.

Paribelli al momento non l'ha nemmeno vista. Guardava per terra il torsolo della mela, non poteva crederci che qualcuno potesse aver fatto quello che nemmeno il più stupido  o coraggioso avrebbe potuto fare.

Ha chiamato subito quel rincretinito di un soldato di guardia che sicuramente si sarà addormentato.
"Angelo, per Dio, prendi la spada e decapita questi due ladri ... traditori".

Il soldato è rimasto spiazzato perché lui aveva la sciabola e l'alabarda e i due hanno avuto il tempo per fuggire.

Il resto della storia è subito raccontata: dopo esse rimasti nascosti per alcuni giorni, Sveva è riuscita a farsi dare qualcosa da sua madre e intanto Primo ha recuperato un carro e un asino per esiliare.

Tornati in Albosaggia ha portato la moglie a Ca di Cutri. Lei cominciava ad avere il dubbio che l'amore gli sarebbe costato caro e intanto Primo è sparito, era già la seconda volta in quei giorni e poi, come l'altra volta, è tornato tutto sudato.

"Vieni Eva", le disse, e la condusse dalle parti di Ca dol Pena dove suo padre aveva una striscia di terreno.

"È solo il ceppo, la pianta l'ho dovuta lasciare a Milano, ma ho tenuto tante radici, da qui a qualche anno innesterò abbastanza piante di melo che avremmo tutti le mele che vorremmo, meglio dei signori".

Tutti i dubbi di Sveva in merito al futuro sono subito svaniti.