La bólp e 'l còrf

di Vittorio Crapella - 21-07-2018)


LA BÓLP E 'l CÒRF 

'N còrf gròš l'ula sùra 'n càap de gràa doràt, quànca 'l vìt dèla géet ca i marenda a l'umbrìa sóta 'na noghèra.

"Che cólp de furtüna !" 'l pensa 'l còrf; "Chèla géet la me lagharà de sücür 'n quài vargót de bùu !"

'L se mèt a pulèr sǜ en dena broca dèla noghèra sùra de lór a speciàa.

'L stà ilò con tàata paziènza e a la fìi 'l vée ricómpensat.

Quànca chi sóta i'à töc' sǜ e i'è 'ndàc', l'è rèstat ilò 'n tóchélàsc' de fórmai.

"Gh'ò fàc' própi bée a stàa ilò a speciàa", 'l còrf l'à pensàat, 'ntàat 'ndàva gió a cràpa bàsa a tö sǜ col bèc òl fórmai.

"Cóma sóo 'ntevedüt", e 'l còrf 'l va amò sǜ 'ndel ràm a pugiàs.

L'era réet per vulìi maiàa 'l fórmai quànca 'na bólp la zómpa fò dal càap.

"Che bùu ódór !" la se dìs e la se lèca scià li bèscioli.

Cóme sa la gh'avès già en bùca vargót de bùu la òlsa sǜ la cràpa par usmàa l'ària.

L'è stàc' ilùra ca l'à idüt òl còrf col fórmai itè 'ndel bèc.

Ghe 'öl de savìi ca li bólp i'è gólósi de fórmai e i'è àa fürbi ma fürbi bée.

"Ehi, còrf", la ciàma, "ma che bèl puìi ca te sée, li töi piümi i'è iscé nìgri e lüsénti, 'l tò bèc l'è iscé bèl cürvat, e te gh'ée dùu öc' grànc' e bèi redónc'."

'L còrf lusingàat par chìi cumplimèc'; 'l òlsa sǜ la cràpa e 'l cumincia a fàa cóma 'n paù sǜ en del ràm e 'l spera ca la bólp la gh'è fà sǜ amò la serenàda.

E la bólp la parla amò: " 'N puìi iscé bèl 'l gh'à da vìc' àach 'na óos de cantàdór. Sa pódarìs sintìt cantàa, sarìs cóntèeta par tüt ól dì."

A chisti paröli ìl còrf, la mès fò 'l denàz tüt 'mpétit, l'urìs 'l bèc e fa 'na grachiàda bèla fórta.

'L tóchèl de fórmai 'l gh'è vée fò dal bèc, 'l dà gió e 'l finis itè 'ndèla bùca dèla bólp ca l'era ilò sóta a speciàa.

"Te ringràzi, càar còrf", la dic' chèla, "adès te cónóset 'l prézi par vès vanitós."

'Ntàat ca la grigna sóta i bàf, la manda gió 'l fórmai e la va da 'ndùa l'era 'gnüuda e 'l còrf 'l resta sǜ en del ràm tüt 'nsürit sènsa pü fa gnàa 'n vèrs.

(Vittorio Crapella - 21-07-2018)

 

 'l ghè nè amò

LA VOLPE E IL CORVO

Un grosso corvo volava sopra un campo di grano dorato, quando vide delle persone che facevano merenda all'ombra di un noce.

"Ma che colpo di fortuna !" pensò il corvo. "Quella gente mi lascerà di sicuro qualche cosa di buono !"

Si appollaiò su un ramo proprio sopra di loro e aspettò.

Attese con tanta pazienza che alla fine venne ricompensato.

Quando quelli sotto se ne andarono, lasciarono un grosso pezzo di formaggio.

"Ho fatto proprio bene ad aspettare", pensò il corvo, mentre scendeva a capofitto per afferrare col becco il formaggio.

"Come sono intelligente", e il corvo tornò sul ramo ad appoggiarsi.

Stava per iniziare a mangiare il formaggio quando una volpe salta fuori dal campo.

"Che delizioso profumo !" disse fra se e si leccò le labbra.

Con l'acquolina in bocca alza la testa per annusare l'aria.

Fu allora che vide il corvo con il suo formaggio tra il becco.

Dovete sapere che le volpi sono ghiottissime di formaggio e inoltre sono furbissime.

"Ehi, corvo", esclamò, ma che bel uccello che sei, le tue penne sono così nere e lucenti, il tuo becco è così bello ricurvo, e hai due occhioni belli rotondi."

Il corvo era eccitatissimo per questi complimenti; alzò la testa e cominciò a pavoneggiarsi sul ramo sperando che la volpe continuasse ad elogiarlo.

E la volpe parlò di nuovo: "un uccello così bello deve avere anche una voce da cantore.

Se solo ti potessi sentire cantare, sarei felice per tutto il giorno."

A queste parole il corvo, sporse il petto, aprì il becco e gracchiò rumorosamente.

Il pezzo di formaggio gli cadde così dal becco.. per finire in bocca della volpe che aspettava lì sotto.

"Ti ringrazio, caro corvo" disse quella, "adesso conosci il prezzo della vanità."

Ridacchiando sotto i baffi, ingoiò il formaggio e si allontanò mentre il corvo rimase sul ramo tutto mogio senza più gracchiare.

puoi leggere e ascoltare la poesia di Paolo Piani