La càora pèrsa

di Vittorio Crapella - 03-12-2021


La càora pèrsa

L'era ca catìif ol cascìi ca 'l portàva tüti li dómàa li càori 'ndèla vàl grànda ma 'l gheva 'l grànt difèt dè ca scoltàa li racomdaziù dél pà e la màma.

'L pà al ghè diseva dè mìga bandunàa mài ol malghèt de càori parché l'era fàcel smarìn 'na quai una gió par i canalù dola vàl.

La màma, poorèta, 'ndèl dàch 'n mantèl benedèt par sparmìl dai malógn, la ghè diseva ach: "Ubidìs e stàch atent, nesé!"; 'ntààat la pregàa la Madóna parché la vardés gió par cüstodil.

Ol bagài però, apèna 'l pödeva al lagàva iló nòma ol càa a cüràa 'l roscial de càori, e al córeva a giügàa coi sóo compàgn 'ndèl mùut iló aprṍof.

'N dì dè setèmbre, vèrs sìra, ura de tornà 'nréet, al rema scià li càori, ai iè cünta e ai iè varda ma 'n ne mancava una, la pǜsé bèla.

Tüt strimìt al penśéer dèla puniziù, 'l poorèt là portàat ol malghèt 'ndèla masù dol paées e lè tornàat dè córsa sǜ 'ndèla móntàgna ca l'era già scǜür e lǜü, sü par chi brìch a ósàa par ciamàa chèla càaora.

Bindìna, dal fónt dè 'na piudiscia, al sènt ol bèeśol dèla nṍgia.

Lè 'ndàc' gió a rèent ai cràp fìna ca'l ghà ruat a truala e al sé le mès sǜ 'ndèli spàli.

'Ntàat ca'l vegneva 'n sù a grànt fadìga, da l' òtro versant dèla vàl, al sènt 'na óos gròsa dèli caverni ca la diseva: "Pìsech adòs!" Al che la nṍgia là bèśolàat, quasi coma 'n lamèet: "Pödi mìga, pödi pròpi ca, 'l ghà sü adòs 'n vistìit benedèt!"

Ol cascìi l'à capìit dè vìch sǜ 'ndèli spàli ol diàol 'ncarnàat e ca i là salvàat i pàgn fac' sü dala màma èn dol tèep benedèt.

La batüut giò bàs la càorascia e a piàisc’ dèla pùra, lè curüut gió 'n paées.

Prǜma dè ruàa gió là 'ncuntràat ol pà e la màma ca i'era 'ndac' a cercàl tüc' trebülàac'.

Ai ghèva scià 'nsèma lóor la caora, truàda réet al sentéer, 'ntàat ca da parlée la tornàva vèrs la masù.

Ai cüntávasǜ ca da ilùra ol cascìi là 'mparàat a scoltàa chèl ca ol pà e la màma i ghè diseva e chèeto càas, dela càora pèrsa, l'era regòrdat da tǜc’ cóma esémpi par 'mparàa a ubidìi.

 'l ghè nè amò

La capra persa

Non era cattivo il pastorello che portava ogni mattina le capre nella valle grande, ma aveva il gran difetto di non ascoltare i consigli dei genitori. 

Il padre gli raccomandava di non abbandonare mai il gregge di capre perché era facile smarrirne qualcuna nelle forre della valle.

La madre, poveretta, nel dargli un mantello benedetto per proteggerlo dai malanni, gli diceva anche: "Ubbisisci e curale bene, capito"; intanto pregava la Madonna perché lo proteggesse. 

Il ragazzo però, appena poteva, lasciava li solo il cane a custodire piccolo gregge e correva a giocare con i compagni nell'alpe lì vicina.

Un giorno di settembre, verso sera, orara di ritornare a casa, raduna le capre, le conta e le guarda ma ne mancava una, la più bella. 



Atterrito al pensiero della punizione, il poveretto riportò le capre nella stalla del paese e tornò di corsa sulla montagna che era già buio e lui vagava per i burroni lanciava il suo richiamo per chiamare quella capra.

Finalmente dal fondo di un dirupo gli giunse il belato della capretta. 

Aggrappandosi alle rocce, la raggiunse e se la mise sulle spalle. 



Mentre risaliva con gran fatica, dall'altro versanrte della valle, sente una voce gorssa e cavernosa giunse che diceva: "Piscialgi addosso!" Al che la capretta belò lamentosa: "Non posso, non posso proprio! Porta un vestito bemedetto!"

Il pastorello comprese di avere sulle spalle il diavolo incarnato e che l'avevano salvato salvo i panni filati dalla madre in tempo benedetto. 

Gettò per terra la caprona, e a gran corsa, piangendo di paura, scese al paese. 

Prima di giungervi, incontrò i genitori che, in grande apprensione, erano usciti a cercarlo. 

Con loro avevano la capretta smarrita, trovata sul sentiero, mentre da sola tornava all'ovile.

Raccontavano che da allora il pastorello seguì i consigli del padre e della madre; e il  caso, della sa, era additato a tutti come esempio ammonitore.