La lüüs 'n fónt al böc'

di Vittorio Crapella - 31-12-2018


La lüüs 'n fónt al böc' 

Quai àn fà i'era táac' iló denàz ala galerìa e i vedeva ité 'n fónt la lüüs, ilura i diseva ca l'era ca pü iscé düra e ca li róbi li cuminciava a 'ndàa méi.

Sò ca cóma la sìes 'ndàcia a finìi, ölarisi ca ca la lüüs la fós stàcia i ciàar dól tréno ca 'l ruàva e lór iló a vardàa 'ncantac' la lüüs.

Adès dòpo la lüüs i ghà 'n mèet nóma da crès, da maiàa par diventàa grànc', e cóma i maia, i n'à mài abòt.

A crès l'è amò la lüüs, ògna chèl póo de tèep, chèla la crès e beśògna pagàla sèmpre de pü.

Ma i'à ca capìit ca par fàa crès li róbi prüma beśògna 'ngrasàa, vangàa, pó sómnàa e pó e pó.. e dòpo se pö remàa scià vargót, ma prüma beśògna vìi piegáat la schéna.

Chi ca l'à pruáat a piegàa la schéna i gh'à ca táata òia de paròli, i'è stràch, i völarìs pósàa en pàas par chèl pòoch ca 'l gh'è rèsta.

'Na òlta i'era afeziunac' ala tèra par pudìi fà scià de pü e fórsi i bégàva àach par li finàazi; adès en tròp i'à scambiáat la téra cola la bòcia e par chèsta i se la ciapa e i se i'è suna àa de sànta rèśù.

Pó i la mèt sèmpre sül piàa dól biànch e dól nìgro ma la véra quistiù l'è ca sal gh’è ne ca ité de sücür al ne pö ca vignìi fó e i cuntinuarà a pensàa chi a crès chi ala bòcia e chi a idìi la lüüs en fónt al böc' de la galerìa.

Vittorio C. - 31-12-2018

 

 'l ghè nè amò

La luce in fondo al buco

Qualche anno fa tanti erano lì davanti al tunnel e vedevano dentro in fondo la luce e dicevano che non era più così dura e che le cose cominciavano ad andare meglio.

Non so come sia andata a finire, non vorrei che quella luce fosse stato quella dei fari del treno che arrivava e loro lì a guardare incantati la luce.

Adesso dopo la luce hanno in mente solo di crescere, di mangiare per diventare grandi, e come mangiano, non ne hanno mai abbastanza.

A crescere è ancora la luce, ogni quel po' di tempo, quella cresce e bisogna pagarla sempre di più.

Ma non hanno capito che per fare crescere le cose prima bisogna concimare, vangare, poi seminare e poi e poi ... e dopo si può raccogliere qualcosa, ma prima bisogna aver piegato la schiena.

Chi ha provato a piegare la schiena non ha tanta voglia di parole, è stanco e vorrebbe riposare in pace per quel poco che gli resta.

Una volta erano affezionati alla terra per poter produrre di più e magari litigavano anche per i confini; adesso troppi hanno sostituito la terra con il pallone e per questo se la prendono e se le danno pure di santa ragione.

Poi la mettono sempre sul piano del bianco e del nero ma la vera questione è che se non c'è ne dentro di certo non ne può venire fuori e continueranno a pensare chi a crescere chi alla palla e chi a vedere la luce in fondo al tunnel.