La mòrt dèl pà

di Vittorio Crapella - 13-08-2018


LA MÒRT DÈL PÀ

Sóo sèmpre stacc' 'nsèma al me pà, la mia màma i ma dic' che le mòrta quànca mi gh'ò idüt la lüüs.

Dóevi vès bélébèe piscén quànca sóo nasüut, parchè mi dèla mia màma me regòrdi ca niént.

'L me pà l'era 'n grànt laorentù e mi ghe sóo sémpre 'ndàc' réet e mà laorat pràac', càap, bósc', fàc' patüsc', fée, sǜ par i magènch e àa sǜ par i mùut co'li vàchi, a fàa sǜ fórmai e pó e pó; nóma laoràa e niént òtro.

Àa 'n de stì ültèm téep ca l'era gràma a tiràs réet, 'l gh'eva en mèet nóma de laoràa e remàa scià amò ròba; 'l me diseva: " chèl pràat dèl Pedo, tacàatt al nòś mà da töl nùu e pó àa chèla bàita dèl Zifirìi che i völ dala ià."

Lótrér dendómàa quànca ó idüut la lüüs amò 'n bót, ciàmi 'l pà par levàa sǜ ma gnàa bào, 'l da ca vèers; ilùra prùi a tucàl, oh se se, fréc’ frégento, l'era pó mòrt a lûü.

Sóo 'ndàc' dal me cüsìn a digol e lûü 'l me dis: " ghe pensi mi, ma da töc' la càsa par mètel gió e pó ghe 'l disi al Nòs Prevèt."

'L ma töc' ià 'n pées, mi própi arìs ca saüt da che pàart tènt.

Quànca la dic' dèla càsa ò capìit chèl ca 'l pödeva vès, ma dèl Nòs Prevèt me sóo domandat chi ca l'era.

Evi sentüut nóm cóma Sciór Piàa e a idüut, ilùra me sóo dic': " Nòs magàri le püsée de Sciór."

Òl me pà al gh'era pó a lûü i sö àgn, 'na bèla età; gh'ò pó a mi bélébèe àgn ma lûü l'era püsèe vèc' amò de mi, fösbèe vinti e pàsa àgn püsèe.

Se ghè 'ngüra ca la mòrt gnàa ca 'n besciöl ma 'l me pà l'eva pó fàc' òl sò téep.

Quàn'ca l'è ruàat la càsa l'era própi bèla, mi , ma àa 'l me pà, 'na ròba iscè lüsènta m'n'era mài idüut.

Iér vèrs li trèi l'è pó ruàat a 'l Nòs Prevèt, vistìt própi dèla fèsta, mi gnàa 'l Sciór Piàa l'evi mài idüt vistit iscè bée; gh'evi reśù a pensàa ca Nòs l'era püsèe de Sciór.

'Nséma al Prevèt gh'era àa dùu redeśòc', ûü 'l gh'eva scià 'n bachèt 'n póo lónch con tacat sǜ 'n ómìi de lègn sèc' sechénto.

Mi gh'ò ca domandat nient, gh'evi tròp respèt.

Vargü ià pó ciapat sǜ la càsa e i s'è 'nviat sǜ cóma quànca 'n va sǜ par 'l magènch ma 'l me cüsìn 'l ma dìcc' 'ndùa 'n s'era réet a 'ndàa; sóo pó stàc' a chèl che 'l ma dic', órmài pódevi ca fàa òtro.

'N se pó ruàat ilò 'ndùa gh'era 'na piàza grànda denàz a 'na cà de chili própi gràndi.

Sèmpre òl me cüsìn al ma pó cüntàat sǜ che ilò ditè l'era 'l pòst 'ndùa 'l Prevèt 'l fà li söi funsiù.

Iscè tra mi e mi ò pensat a vargòt cóma 'na quài osterìa dèl Nòś Prevèt.

Apèna dité ò idüut ca da sentàs 'l ghe n'era, ò idüt àa chèl ca 'l pareva vès 'n tàol ma l'era, a me dic', 'n póo piscèn.

La cà ditè l'era àa tròp òlta, mi sóo pó ca 'l parchè ma contèet 'l Prevèt contèec' tüc'.

Rèet al taòl 'l nudrigava nóma 'l Prevèt e sùra ò idüut 'n bèl càles ca 'l lüsiva, 'l pareva de òr.

Ó sübet pensàat ca magàri arìs pudüut bìen 'n tràc' prüma o dòpo.

Òl Prevèt 'l sè metüut réet a cüntala, 'l pareva ca 'l parlaves da par lüu ma dopo ó sentüt che vargü i disiva vargòt a lór.

Ó cercàat da capìi a mi chèl ca 'l cüntava sǜ ma ò capìit 'n póo pòoch, certi ròbi li pareva a giüsti, d'òtri 'nscàmbi li ghé stava gné 'n cél gné en tèra.

Ó idüt 'l Prevèt a urìi fò i bràsc' e vardàa en sǜ coi öc' al cél; 'l sóo ca chèl ca la vulüt dìi, magàrì l'öleva fàch capìi de taśìi gió 'n póo a chi gió en fónt ca i pareva òtro che en de 'n'osterìa.

Cuntinuavi a pensàa: " adès 'l sarìs ùra de pó maiàa vargòt", en chèla gh'ò idüut 'l Prevèt a mèet en bùca 'n bucù e pó sübèt 'l n'à büüt 'n tràc'.

Ó cóma tiràt òl fiàat, 'l m'era dàc' scià sìit a ca mi.

'Ntàat ca òl Prevèt 'l fónfógnava sùra 'l taòl 'l pàsa üu con scià amò 'n bachèt, chèsto amò püsèe lónch, con tacat gió 'n bórsàt; gh'era chi ca ne meteva gió e chi ca ne tirava sü; mi volevi tön sǜ ma l'umìi dèl bachèt i lè tira 'ndrèet e 'l me varda stòrt.

Mi sò rèstat cóma chèl dèla maschèrpa e ò ca pudüut gnàa vìch òl piaśé da méet la màa 'n chèl bórsàt.

Bindina, 'l Prevèt 'l se mès réet a dàc vargòt da maiàa, ó idüt ca gh'era ca beśógn dèl ciapèl, i è 'nbucàva tüc'.

Àa ca mi 'l ma mès en bùca vargótina ma ò ca fàc' en téep a gustàa negòt, l'è deleguat tròp debòt e pó gh'evi itè en cràpa nóma de pudìi bìif, arìs vulüt sübèt chèl calès, ma negót da fàa, l'era amò ilò sùra al taòl.

Gnàc òl téep de pensàch ca òl Prevèt 'l le ciàpa scià con tüti döi li màa e 'l trinca fò tüt.

Ölevi dìc vargót ma me sóo tegnüut, i taśeva tüc e me la sóo ca sascàat da dìc ca 'n volevi 'n pìt a mi.

Sevi pó réet a pensàa cóma la pödeva pó 'ndàa a finìi, ca òl Prevèt al và ilò 'ndèla càsa dèl pà e 'l ghe trà adòs quài góti de acqua con 'n pinilìi.

Me sóo tegnüut ma ölevi dich: "basta acqua al pòor pà ca 'l 'na ciapat abòt, densù, dengió, réet a vàchi e réet a fée e pó e pó amò."

Oh se se, pensavi l'avès finit 'nvéci da l'acqua l'è pasat al füm e a ilò ölevi dich: " a füm òl me pà 'na ca beśógn, con tüt chèl ca la maiàat a fàa pulènta, a cagiàa o a nóma par scoldàs, laghèl bói, adès 'l stà bée 'ndùa l'è."

Iscè dòpo vì maiàat 'n bèl negót e bûüt negótento ià töc sǜ la càśa e fò da chèla bètola dèl Nòs Prevèt.

Trà mi e mi me sóo dic' ca se arìs apèna apèna pudüut sarìs pü stàc' ilò gnàa dòpo mòrt.

Sèmpre òl me cüsìn 'l ma anticipat sübèt apèna de fò ca adès 'l me pà me'l portàva par mètel gió en dèl böc' sòta tèra. 'N se pó pasat itè da ilò ma 'n se ruàat sübèt .

Pensàvi ca i l'arìs töc sǜ dala càsa e mès gió en dèl böc.

Ó ca fàc' en tèep gnàc a urìi bùca che àa la casèta iscè bèla l'era già gió en dèl böc a lée; mi ca gh'evi 'n mèet de pó mètech sǜ dói aśóli al cùerc' e fàch itè 'n bèl scrignöl da chi de lüso, ca se podeves àa sentàs sùra!

La me 'ndàcia màal.

Órmài, ca te völèt pó fàch, 'ndem a cà ca l'è ùra de darìgola ai bes-ciàm.

A pensàc bèe al feneral dèl me pà me sò pó ca divertit tàat ma almànch 'óo idüut de chili róbi ca me sarìs gnàa 'nsommiàt ca li ghè fódés.

 

 'l ghè nè amò

 

 

Ho sempre vissuto con mio padre, mia mamma mi hanno detto che è morta quando io ho visto la luce.

Dovevo essere molto piccolo quando ho visto la luce, perché della mia mamma non mi ricordo nulla.

Mio padre un gran lavoratore ed io gli sono andato dietro e abbiamo lavorato prati, campi, boschi, fatto strame, fieno, sui maggenghi e anche sugli alpeggi con le mucche, a fare formaggio e poi e poi; solo lavorare e niente altro.

Anche in questi ultimi tempi che faticava a camminare, aveva in mente solo di lavorare e acquistare altri terreni; mi diceva: " quel prato del Pedo, attaccato al nostro dobbiamo comprarlo noi e poi anche quella baita del Zifirìi che la vogliono vendere."

L'altro ieri di mattina quando ho visto la luce ancora una volta, chiamo mio padre per alzarsi ma non risponde, allora provo a toccarlo, oh è freddo completamente, era morto anche lui.

Sono andato da mio cugino a dirglielo e lui mi disse: " Ci penso io, dobbiamo prendere la bara per metterlo giù e poi avviso anche il Nostro Prete."

Mi ha tolto un peso di dosso, io proprio non avrei saputo da che parte prendere.

Quando ha parlato della bara ho capito cosa intendeva, ma del Nostro Prete mi sono chiesto chi poteva essere.

Avevo sentito nomi come Scior Piàa e anche visto e allora mi sono detto: "Nostro magari è di più che Scior."

Mio padre aveva poi anche lui i suoi anni, una bella età; anch'io ho parecchi anni ma lui era più vecchio di me, forse anche venti e passa anni di più.

Gli si augura la morte a nessuno neanche ad una bestia ma mio padre aveva poi fatto la suo tempo.

Quando hanno portato la bara era proprio bella, mi, ma anche mio padre, una cosa così lucente non l'avevamo mai vista.

Ieri verso le tre è arrivato il nostro Prete, vestito proprio dalla festa, io nemmeno il Scior Piàa l'avevo sito vestito così bene; avevo ragione a pensare che Nostro era di più di Scior.

Assieme al Prete c'erano anche due ragazzi, uno aveva un bastone un poco lungo con attaccato un omino di legno tutto secco.

Io non gli ho domandato niente, avevo troppo rispetto.

Qualcuno ha poi preso la bara e si sono avviati come quando si va per il maggengo ma il mio cugino mi ha informato dove stavamo andando; sono poi rimasto a quello che mi ha detto, ormai non potevo fare altro.

Siamo poi arrivati in una piazza grande davanti a una casa enorme.

Sempre mio cugino mi ha spiegato che li dentro è dove il Prete fa le sue funzioni.

Così tra me e me ho pensato come se fosse una qualche osteria del nostro Prete.

Appena entrati ho visto che c'era da sedersi e ho visto anche quello che poteva essere un tavolo ma era, a mio dire, un po' piccolo.

La casa dentro anche troppo alta, io non so il perché ma se gli va bene al Prete va bene a tutti.

Attorno al tavolo trafficava solo il Prete e sopra ho visto un bel calice lucente, pareva d'oro.

Ho subito pensato che magari avrei potuto berne un sorso prima o dopo.

Il Prete si è messo a parlare, sembrava parlasse da solo ma poi ho sentito che alcuni dicevano qualcosa anche loro.

Ho cercato di capire anch'io cosa raccontava ma ho capito un po' poco, certe cose mi sembravano anche giuste, altre invece non stavano né in cielo né in terra.

Ho visto il Prete ad aprire le braccia con gli occhi rivolti al cielo; non so quello che volesse dire, magari voleva far capire di tacere un po' a quelli giù in fondo che sembravano altro che in una osteria.

Continuavo a pensare: " adesso sarebbe ora di mangiare qualcosa ", nel frattempo ho visto il Prete mettere in bocca un boccone e poi subito ha bevuto un sorso.

Ho tirato un sospiro, mi era venuta sete anche a me.

Intanto che il Prete faceva qualcosa sopra il tavolo passa uno con ancora un bastone, questo un po' più lungo, con attaccato fuori in fondo una piccola borsa di pezza; c'era chi ne metteva giù e chi ne tirava su, io volevo prendere su qualcosa ma l'omino del bastone la ritirato indietro subito guardandomi storto.

Sono rimasto stupito e non ho potuto neppure avere il piacere di mettere la mano in quel borsello.

Finalmente il Prete si è messo da distribuire qualcosa da mangiare, ho visto che non serviva nessuna scodella, li imboccava tutti.

Anche a me mi ha messo in bocca qualcosina ma non ho fatto in tempo a gustare nulla, si è sciolto troppo in fretta e poi avevo in testa solo di poter bere, avrei voluto subito quel calice, ma niente da fare, era ancora li sopra il tavolo.

Neanche il tempo di pensarci che il Prete ha preso a due mani il calice e si beve tutto.

Volevo dirgli qualcosa ma mi sono trattenuto, tacevano tutti e non me la sono sentita di dirgli che ne avrei voluto un po' anch'io.

Stavo pensando come poteva poi andare a finire che il Prete va presso la bara di mio padre e gli butta addosso delle gocce d'acqua con un pennellino.

Mi sono trattenuto ma volevo dirgli: "basta acqua a quel povero padre che ne ha presa abbastanza, sui monti, qui al piano e dietro a fieno e poi e poi ancora."

Oh si si, pensavo avesse finito invece dall'acqua è passato al fumo e anche qui è mancato poco che gli dicessi: "anche fumo mio padre non ne ha bisogno, con tutto quello che ha mangiato nel far polenta, a fare il formaggio o anche solo per scaldarsi, lasciatelo stare adesso sta bene dov'è."

Così dopo aver mangiato niente e bevuto ancor meno hanno ripreso la bara e fuori da quella casa del nostro Prete.

Tra me e me mi sono detto che se avessi appena potuto non sarei più ritornato lì nemmeno dopo morto.

Sempre mio cugino mi anticipa subito appena fuori che adesso mio padre lo portavano per metterlo in una fossa sotto terra. Ci siamo incamminati ma siamo arrivati presto.

Pensavo che l'avrebbero tolto dalla bara prima di metterlo nella fossa.

Ho fatto in tempo nemmeno ad aprire bocca che hanno messo tutto nella fossa anche la bara; io che avevo pensato di metterci due asole al coperchio per farci dentro uno scrigno di quelli di lusso, che poi ci si poteva anche sedere sopra, mi è andata male.

Ormai, cosa potevo fare, andiamo poi a casa che è ora di dare da mangiare alle bestie nella stalla.

A pensarci bene al funerale di mio padre non mi sono divertito tanto ma almeno ho visto talmente tante cose strane che mai avrei potuto immaginare nemmeno sognando.

(by Vittorio C. - 13-08-2018)