La rògia e la bradèla


di Anna Gherardi 2018

LA RÓGIA E LA BRAÈLA

Tüti li cuntradi li gheva la sua fontana 'nghée se 'ndava a tö l'acqua coli sadeli e'l bagiól par portali, chèsto prüma ca i meteves l'acqua 'n cà.

Apröof ali fontani al ghera ol sò lavatoi e l'acqua ca la sculava fò dala fontana la 'ndava giò 'ndèl lavatoi e dopo dal lavatoi la 'ndava giò 'ndèla rógia; ma prüma de fa sǜ ol lavatoi se meteva giò la bradèla ndèla rógia, sè 'mpozzava 'n pìt l'acqua con quai sàs e se l'avava i strasc' 'ngiönögiadi giò 'ndèla bradèla.

Prüma se meteva stì pagn a mulginàa giò ndèl sadèl con 'n póo de saù deleguat ndèl'acqua.

Ol saù se'l fava sǜ col gràs dol ciù, dopo 'n certo punto 'n sè mès a crumpàa 'na polver da lavàa ca la sè ciamava Tide.

Dopo stì pagn sei fregava col saù e la spazèta, se'i 'nsaunava, pò se'i meteva stendüuc' al sùul sura l'erba dol pràat par fai vignìi fò bée dal stróc'.

Dopo se'i remava sù, se'i bagnava e dopo se'i sbateva, se'i rèsentava, se'i storgeva dopo se'i destendeva sǜ 'ndèl fìl a sügà, d'estàat de fò al sùul e de'nveren sǜ ndi baladù ma quanca l'era própi frec' i vigniva 'mpalac' dala glasc', ilura se doeva portai giò 'n cüsina a finìi da fai sügàa.

A i reèdes i giügava ontera giò par l'acqua,  'nsoma la rógia l'era 'na roba bèla e buna.

Dopo a 'ncerto punto da quanca i se mès a laoràa i löch noma i vec', iscé de spetorgna coma pasatéep o se nò vargüu coma 'n segont laoràa, la rógia i la ca pü duperada; nügüu ila pü tegnuda nètada e adès al vée ca pü giò gnàa 'na góta de acqua.

L'era restàat noma ol póor Dino cal cuntinuava a vardàch réet.

Al pasava sǜ a cerca l'acqua e 'nviala giò réet ala rógia, forse parché l'era rèstàat 'mpóo coma 'n redès, al ghera sempre piasüut vardàch réet a l'acqua fin ca le scampàat.

Al gheva resù, coma al saris bèl sintìi amò ol rumóor dela rógia piena de acqua a pasaa giò.

'Nvece adeès ila piacada sóta l'asfalt de la strada, iscé quanca al piöof belebe la sè 'mpinis e la tira réet tera e fói, ilura l'acqua la vée fò e la pasa giò réet ala strada 'nsema la gèra a destürbàa 'l pasàc' deli macheni e dela gèet.

Lè coma se l'acqua la völés dìi la sua e 'nsegnàm vargót, ma so ca se ghè amò vargüu ca'i na oia de capìi.

 

 

IL RUSCELLO (ROGGIA) E L'ASSE PER LAVARE

Tutte le contrade avevano la sua fontana dove si andava a prendere l'acqua con i secchi di rame il bacchio per portarle, questo prima che mettessero l'acqua in casa.

Vicino alla fontana c'era il suo lavatoio e l'acqua che scolava dalla fontana finiva nel lavatoio. e dopo dal lavatoio finiva nel ruscello; ma prima di costruire il lavatoio si metteva nel ruscello lasse per lavare (bradela) e si formava una pozza d'acqua con dei sassi e li si lavavano i panni stando inginocchiate davanti all'asse.

Prima si mettevano i panni in ammollo in un secchio con dentro del sapone sciolto nell'acqua.

Il sapone si fabbricava con il grasso del maiale, da un certo periodo in poi si comperava una polvere per lavare chiamata Tide.

I panni si sfregavano con il sapone e la spazzola, si insaponavano e poi si stendevano al sole sull'erba del prato per sbiancarli meglio.

Dopo ri raccoglievano e di nuovo si bagnavano, si sbattevano e si risciacquavano e in fine si storcevano e poi si stendevano sul filo ad asciugare, d'estate fuori al sole e d'inverno sul solaio ma quando faceva davvero freddo ghiacciavano e si impalavano e allora si portavano in cucina a finire di asciugare.

Anche i bambini giocavano volentieri con l'acqua, insomma la roggia era una gran bella cosa.

Da un certo momento quando si sono messi a lavorare la terra solo i vecchi, cosi per inerzia come passatempo o altrimenti come un secondo lavoro, la roggia non l'hanno più utilizzata; nessuno la tenuta pulita e adesso non scorre più nemmeno una goccia d'acqua.

Era rimasto solo il povero Dino che continuava a mantenerla efficiente.

Seguiva il percorso della roggia per cercare l'acqua da far scorrere, forse perché era rimasto un po' bambino, gli era sempre piaciuto interessarsi dell'acqua della roggia fin quando è scampato.

Aveva ragione, come sarebbe bello sentire ancora il rumore dell'acqua scorrere nel ruscello intanto che va verso il basso !

Invece adesso la roggia l'hanno sotterrata sotto l'asfalto della strada, così quando piove molto si riempe e tira dietro terra e foglie, allora straripa e l'acqua scorre sopra la strada assieme alla ghiaia a disturbare il passaggio delle auto e della gente.

È come se l'acqua volesse dire la sua e insegnare qualcosa, ma non so se c'è ancora qualcuno che ha voglia di capire.

 

 'l ghè nè amò