Lè nasüut 'l Geśü

libera interpretazione di Vittorio Crapella


Vocde di Paolo Piani

Lè nasüut 'l Geśǜ  

Táat tèep fà en de 'na téra ciamàda Palestina, en de 'n paés cimàat Nazareth, Maria 'nséma al Giuśèpe i va vèrs Betlemme par òl censimèet parché chèst l'era 'l paés dèla casàda del Giuśèpe.

Òl Giuśèpe 'l menàva l’àsnìi e l'ütàva àa la Maria a caminàa lónch la stràda.

Quànca ià idüt ol paés de Betlemme, Maria la tiráat ól fiáat.

Giuśèpe a mò da lóntáa la idüut ca 'l paés l'era già piée de géet.

Tüt 'l paés 'l pareva 'n marcáat e a Betlemme gh'era nóma 'na bètola par lògiàa.

Òl Giuśèpe 'l'à domandáat sa gh'era pòst par durmìi ma l'óstér 'l ghà respondüt chè l'era già tüt piée.

"La mia fèmna Maria la stà par avìch 'n rèdes, gh’è ca 'n àngol 'ndùa 'n pö paśàa la nòc’ ?"

Ilùra l'óstér 'l ghà dìc': "Ghóo nóma la masù, sa ulìi pudìi 'ndàa iló".

"Grazie", 'l ghà respondüt 'l Giuśèpe e 'nsèma a la Maria ià guidáat l’àsnìi vèrs la masù chè l'era scüra ma l'era 'nde 'n pòst tranquil, lóntáa dala cunfüśiù par ròscia de géet che gh'era 'n gìr.

Maria la cercáat da pósàa ma la senteva ca belebèe debòt l'arìs dàc' ala lüus òl sò rèdes speciàl.

Iscé en de 'n àngol de chèla maśù apröf al só àśen e ali vàchi, Maria l'a mès al mont ol sò rediśìi.

Maria 'l la ciapáat sǜ 'nbràsc’ e la gh'à dàc' 'n dìit sü la sùa màa piscèna e 'l popòo 'l ghè là streigiüda.

Giuśèpe 'l se 'ngiönögiáat apröf a Maria e la vardáat màma e fiöl, pò 'l ghà mès 'na màa süra la cràpina e 'l ghà dìc' : "Ben ruàat Gesü".

Maria la sgarbáat sǜ 'n scosàal, la fàc' itè fàśi lónghi e la faśat sǜ 'l Geśǜ pó la sistemáat òl piscén 'n manèra dulsa 'ndèla preśéf 'n mèz ala paia.

Sǜ li móntàgneti 'ntóren a Betlemme 'l fàva fréc’ e i pastór i cüràva li söi pégori e i se scoldàva col föoch ca órmài l'era quasi smorsáat.

E 'nden bàter d'öc i vìt 'na lüus stralüśènta che la 'nlümináat 'l cél e i sent 'na óos ca la diśeva de miga vìch pùra.

Sübet dòpo i pastór ià idüt en mèz a chèla lüüs 'n àngel che 'l diventàva sèmpre püsée ciàr e 'ntáat l' ósava: " Gh'ò 'na bèla nutìzia par vùu e par tüt òl mònt, lè nasüt ól Signor; 'ndìi a vidìl, 'l truarìi piegáat sǜ coi fàśi en de 'na preséf de 'na masù ilò 'nsèma a Maria e 'l Giuśèpe con àach l'asen e quai vàchi".

I pastór i varda vèrs in òlt e i vìt táac' àngei ca i lodava Dìo con chèsto cant: "Glòria a Dìo en cél e pàas en téra ai óm ca L'üu 'l ghè völ bée."

Òl sùu de chèl cant 'l fàva tremàa la téra ma a pòoch a pòoch al sè sbasàat e la lüüs la se smorsada e lè diventáat nòc’ e i pastór i se truàc' daparlór coi li sóoi pegóri.

" 'Nvà a cercàa 'stò rèdes a Betlemme", la dìc' üu di pastór e 'l ciapa òl sò bastù e tüc’ 'nséma iè 'ndàc' a Betlemme 'ndua ià truáat la masù con d'itè ól Bambìn.

I pastór i se remáac' 'ntóren ala preséf e ià idüt 'l piscén ridisìi apèna nàsüut tüt piegáat sǜ en deli fàśi, chevezzáat sura la pàia.

" Glòria a Dìo", ià dic' sotóos i pastór.

Òl Giuśèpe 'l ghà dìc' a lór: "Chèsto l'è ól Salvatór del mònt, 'l se ciàma Geśǜ ".

Maria là seràat i öc’ par durmìi a speciàa 'l dendómáa quànca 'l sò Geśǜ Bambin l'arès tornàat a vagìi

'Ndel cél de nòc’ 'l lüsìva 'na növa stèla ruada de cólp e l'era püsée grànda e lüśènta de tüti li òtri.

A chel tèep, en de 'n paés belebèe lóntáa quai óm sapiénc' , i Magi, i stüdiàva li stéli, i lìbri e dücümenc' véc’ par capìi chel che l'era sücés.

Üü dei Magi 'l ghà dìc': "Chèsta stèla la völ dìi sènsa dübi che l'è apèna nàsüut 'n Rè 'mportànt, üu de nöf."

I Magi i se méet in ànda par 'l viàc’ par andàa a truàa ól Rè nöf.

'Ndandoch réet ala stèla, i'era sücür da trual e ià töcc réet cóma regai àach òr, incèns e mirra.

Òt dì dòpo che l'era nasüt òl rèdes Maria e 'l Giuśèpe i ghà dàc' òl nóm de Geśǜ cóma 'l gh'eva dìc' l'àngel.

Sés stimani dòpo Maria e 'l Giuśèpe i ià cargáat l'àsèn par ndáa al Tempio de Geruśalemme.

'N regiór, de nom Simeone, 'l varda Maria e òl sò rèdes e lè 'ndàc' a piáa vèrs de lée, Maria la ghà dàc' 'l rèdes al regiór ca lè ciapa en bràsc’ e 'l dìs:

"Signór t'ée mantignüut la tua promèśa, 'ò idüut 'l Salvatór con i mée öc’ !".

Maria e Giuśèpe i'era tornac' a Betlemme e i pensava a tüti li róbi chè i ieva idüt e sintìit a Geruśalemme.

I trìi Magi 'ntáat iè ruàac' al palàz del rè Erode che 'l se fàc' maravéia quànch là sentüt chèl chè i ghà dìc': "Sire 'n sè 'ndàc' réet a 'na stèla e 'n se igüuc' a fàach vìśita al nöf rè chè l'è pèna nàsüut par adoral ".

Erode l'era ca táat contèet e 'l ciàma i prevec' e i maèstri dèla lége e 'l ghè domanda: "Diśem, 'ndi vòs lìbri véc’ ghè scriüüt sǜ en de quàl lööch la dè nàs òl rè Salvatór ?"

"A Betlemme", i ghà respondüt.

"Mi sóo l'ünech rè", la pensáat Erode, " L'òtro rè la da vès cupàat."

Erode 'l ghà dìc' ai trìi Magi: " Li nòśi scritüri li dis chè òl rè ca si réet a cercàa 'l se trua a Betlemme; 'ndìi ilò a cercàa 'l rèdes pó quànca li truáat femól savìi, iscé àa mi 'ndaróo a onóral".

I trìi Magi, lagàat 'l palàz, iè 'ndàc' a Betlemme, 'ntáat Erode l’era réet a pensàa a cóma fàa fò Geśü.

La stèla chè i'eva idüt prüma la lüśìva en cél cóma 'na frecia chè la segnava la stràda vèrs Betlemme 'nghée i se truàva Maria, 'l Giuśèpe e Gesü.

I trèi óm ià idüt la masù 'ndua 'l se truàva Maria, Giuśèpe e 'l rèdes e iè 'ndac' ilò.

Maria la ciapat òl rèdes 'n bràsc’ e Gesǜ la vardáat i óm chè i'era 'ndàc' a fach vìsita; i trìi óm i se 'ngiönögiàat denàz a lüü e 'l piscén la grignàat 'n pit.

I trìi Magi ilùra i ghà dàc' i regai chè i gh'eva pórtáat.

L'era tardi e i trìi i se fermac' par la nòc’, quànch dendómáa i se svegliac' i'era tüc’ agitáac'.

Üü de lór, 'ntáat che 'l se preparava par 'ndàa, 'l ghà dìc': " Me sóo 'nsommiat ca Erode 'l gha 'n méet ròbi brùti ."

"Àa mi", là dìc' 'n òtro, "pensi chè 'n duarìs ca tornàa a Geruśalemme da Erode."

" 'L pensi àa mi", la dic' 'l tèrs, " 'n va a cà par 'n òtra stràda ".

Chèla nòc’ àa 'l Giuśèpe la fàc' 'n sógn agitáat e 'l se desédàat de cólp chè l'era amò scür; la desedáat àa la Maria e 'l ghà dìc': " Maria leva sü, ò fàc' 'n brüut sógn: 'n àngel al ma dicc' ca 'l rè Erode 'l völ cupàa Geśü; ma da fugìi debòt".

Maria piéna de pùra la fàc' sǜ 'l fagòt con li róbi necesàri par 'l viàc’.

Pó la sentüt 'na óos chè la diseva de ca avìch pùra.

La pensáat a quànca la sentüut l'òtra volta chèla óos e la capiit che Dìo i'arìs compagnac'.

Maria e Giuśèpe ià cargàat sǜ 'l Gesǜ sura l'asen e iè scapac' ià vèers l'Egitt.

(libera interpretazione di Vittorio Crapella - 08-12-2018)

 

'l ghè nè amò

È NATO GESÜ

Tanto tempo fa in una terra chiamata Palestina, nel paese di Nazareth, Maria e Giuseppe vanno a Betlemme per

il censimento perché questo era il paese della dinastia di Giuseppe.

Giuseppe conduceva l'asinello e aiutava maria a camminare lungo la strada.

Quando ha visto il paese di Betlemme, Maria a tirato un sospiro di sollievo.

Giuseppe ancora da lontano aveva visto che il paese era già pieno di gente.

Tutto il paese pareva un mercato e a Betlemme c'era solo una locanda per alloggiare.

Giuseppe ha chiesto se c'era posto per dormire ma l'oste gli rispose che era già tutto pieno.

"Mia moglie Maria sta per avere un figlio, non c'è un angolo dove poter passare la notte ?"

Allora l'oste gli disse: "Ho solo la stalla, se volete potete andare lì".

"Grazie", gli rispose Giuseppe e assieme a Maria gridarono l'asino verso la stalla che era scura ma si trovava in un posto tranquillo, lontano dalla confusione della moltitudine di gente che era in giro.

Maria ha cercato di riposare ma sentiva che ben presto avrebbe dato alla luce il suo bimbo speciale.

Così in un angolo di quella stalla vicino al suo asino e alle mucche, Maria ha dato alla luce il suo bambino.

Maria l'ha preso in braccio e gli ha messo un dito sulla sua manina e il bambinello gliela stretta.

Giuseppe si è inginocchiato vicino a Maria e guardava la mamma e il figlio, poi gli ha messo una mano sulla testolina e gli ha detto: "Benvenuto Gesù".

Maria la stracciato un panno, ottenne delle fasce e fasciò Gesù poi lo sistemò dolcemente nella mangiatoia.

Sulle colline attorno a Betlemme faceva freddo e i pastori custodivano le loro pecore e si scaldavano col fuoco che ormai si stava spegnendo e improvvisamente hanno visto una sfavillante luce illuminare il cielo e si udiva una voce che diceva di non avere paura.

Subito dopo i pastori videro in quella luce un angelo che diventava sempre più chiaro e intanto urlava: " Ho una bella notizia per voi e per tutto il mondo, è nato il Signore; andate a vederlo, lo trovate avvolto in fasce in una mangiatoia di una stalla assieme a Maria e Giuseppe con anche l'asino e qualche mucca".

I pastori guardavano in alto e videro tanti angeli che lodavano Dio con questo canto: "Gloria a Dio in cielo e pace in terra agli uomini ai quali lui vuole bene".

Il suono di quei canti faceva tremare la terra ma a poco a poco si affievolì e la luce diminuì e diventò notte e i pastori si trovarono soli con le loro pecore.

"Andiamo a cercare questo bambino a Betlemme", ha detto uno dei pastori e prese il suo bastone e tutti assieme andarono a Betlemme dove hanno trovato la stalla con dentro il Bambino.

I pastori si sono radunati attorno alla mangiatoia e hanno visto il piccolo appena nato fasciato e sistemato sopra la paglia. "Gloria a Dio", dissero i pastori sotto voce.

Giuseppe disse loro: "Questo è il Salvatore del mondo, si chiama Gesù".

Maria chiuse gli occhi per dormire aspettando il mattino quando il suo Gesù Bambino avrebbe di nuovo vagito.

Nel cielo di notte di colpo luccicava una nuova stella ed era più grande e lucente delle altre.

Allora in un paese molto lontano uomini sapienti, i Magi, studiavano le stelle, i libri e i documenti vecchi per capire cosa era successo.

Uno dei Magi ha detto: "Questa stella significa senza dubbio che è appena nato un Rè importante, uno di nuovo".

I magi si misero in cammino per andare a trovare il nuovo Re seguendo la stella, erano certi di trovarlo e hanno portato con sè come regali oro, incenso e mirra.

Otto giorni dopo la nascita del bambino, Maria e Giuseppe gli diedero il nome di Gesù, come aveva detto l’angelo.

Sei settimane dopo, Maria e Giuseppe caricarono l’asino per recarsi al tempio di Gerusalemme.

Un uomo anziano, di nome Simone, guardava Maria e il suo bambino e si diresse lentamente verso di lei, Maria tese il bambino all'anziano che lo prese in braccio dicendo:

"Signore, hai mantenuto la tua promessa, ho visto il Salvatore con i miei occhi!"

Maria e Giuseppe tornarono a Betlemme ripensando a tutte le cose che avevano visto e udito a Gerusalemme.

I tre Re Magi intanto arrivando direttamente al palazzo del re Erode che si meravigliò quando sentì quello che gli dissero.

"Sire, abbiamo seguito una stella e siamo venuti a fare visita al nuovo re che è appena nato per adorarlo."

Erode non tanto contento chiama i sacerdoti e i maestri della legge e gli chiese:

"Ditemi, nei vostri libri antichi c’è scritto in quale luogo deve nascere il Re Salvatore ?".

"A Betlemme", gli fu risposto.

"Io sono l’unico re!", pensò Erode, "L’altro re deve essere eliminato!"

Erode Disse a tre Magi: "I nostri scritti dicono che il re che state cercando si trova a Betlemme; andate là a cercare il bambino, poi quando lo avrete trovato fatemelo sapere così anch'io andrò a onorarlo."

I tre Magi lasciarono il palazzo e si diressero a Betlemme mentre Erode stava pensando a come eliminare Gesù.

La stella che avevano visto prima splendeva in cielo come una freccia che indicava la strada verso Betlemme, dove si trovavano Maria, Giuseppe e Gesù.

I tre uomini videro l’edificio in cui si trovavano Maria, Giuseppe e il bambino e andarono lì.

Maria prese il bambino fra le braccia, il bambino guardò gli uomini che erano andati a fargli visita.

i tre uomini si inginocchiarono davanti a lui e il piccolo sorrise.

I tre uomini allora offrirono i doni che avevano portato.

Era tardi e i tre si fermarono per la notte, quando si svegliarono, la mattina dopo, erano tutti inquieti.

Uno di loro mentre si preparavano a partire disse: "Ho fatto uno strano sogno, Erode ha in mente brutte cose".

"Anch’io!", disse un altro, "penso che non dovremmo tornare a Gerusalemme da Erode."

"Lo penso anch’io", concordò il terzo.

"Torniamo a casa per un’altra strada."

Quella notte, anche Giuseppe ebbe un sonno agitato e si alzò improvvisamente che era ancora buio; svegliò dolcemente Maria e le disse:

"Maria alzati, ho fatto un sogno dove un angelo mi ha portato un messaggio poco bello dove il re Erode vuole uccidere Gesù; dobbiamo fuggire in fretta".

Maria Piena di paura preparò le cose necessarie per il viaggio.

Poi sentì una voce che le diceva di non avere paura.

Pensò a quando aveva sentito l'altra volta quella voce e capì che Dio era con lei.

Maria e Giuseppe sistemarono Gesù sull'asino e fuggirono in Egitto.