Li rani e chèl rospo d'èn virus

di Vittorio Crapella - 29-06-2020


LI RANI E CHÈL ROSPO D'ÈN VIRUS

Ghera 'na olta sü 'nde stà tera da paregi pàart li rani ca li girava giò ndèli pózzi, vargüni par guadagnàs ol lambaròt da vìif e d'òtri a noma par starmbolàa l'acqua e 'l pareva a tüt tranquil e li sbarcava ol lünari, 'mpóo giò e 'mpóo sü da l'acqua.

'Mbèl dì vargòt lè ndac' stòrt, quai rani ià cuminciàat cola tös püsé rauca dol solèt e ol gràgrà l'era bélébée stunàat cal pareva 'n laméet pü che gnàa 'n cànt.

Dopo pòoc dì 'na quai rana la crèpava ach e ilura i pastóor dèli rani ià capìit che la colpa l'era 'n rospo dèn virus.   Ghèra de fàa vargòt 'mprèsa prüma ca 'l fös tròp tardi, e iscè àli rani ai ghà dac' quatro  comandamèc' da rispetàa par miga spantegàa ol brüt rospo dèn virus.

Ol prüm l'era chèl de lavàs li màa, 'l segònt de ca 'ndàa 'ngìr, 'l tèers de stàa lontàa da li òtri rani e pó a dai sciac', ol quart de mèt la maschera.

Li rani e pó a i sciac', strimic' dala pura de murìi, i se mès sübèt a lavàs li màa, e fina ilò eri già usadi parchè li lavava pó già giò a i pée, visto che iera sèmpre giò par l'acqua.

A chèl da ca ndàa 'n gìr, quanca ià capìit ca ol lambarot ai ghè le portava aca cà, ai la acètàat a quai manèri come chèl de stàa 'npóo lòntàa dai otri.

Coli mascheri ghè stac' quai grani, prüma se'n truava ca, pó ghera chi ca ai diseva ca la 'ndava ca bée, 'nsóma le tua le mia lè morta a l'umbria e ognàntüu iarìs ulüut dìi e fàa a la sua manéra.

'Ntàat ol téep 'l pàsava e li rani con sü la maschera li se conoséva gnàa pü e quanca ià cuminciàat a pudìi 'ndàa 'n girónzola ià truàat coldéri con giò acqua bèla śèta e iscé iè 'ndaci giò imèz.

Li se vuardava atorèn, al ghè pareva gnàa véra de vès 'ndèn pòst iscè lüsent con chèl bèl colóor rös del ràm e chèla acqua ciara e sèta ca la sè 'ntorbolava ca pü.

Ai gheva pò promès che la maschera da lì a pòoch iarès poò pudüut batèla ià ma 'ntàat al pasa i mìis pò amò quindes dì e pò a mò d'òtri quindès ma ormai a li rani, 'mpóo parchè ai gh'è n'eva dàc' 'mpóo parchè ai gh'è n'eva promès, iera ilò ca li se lavava li màa 'ndèla acqua sèta giò ndèla còldera de ràm.

I pastor dèli rani 'ntàat ià pènsàat bée de pizàch sòta ol föoch ala coldera e a li rani, ca li gheva mai aüut l'acqua colda sóta i pée coma adès, li cètava òlentéra chèsto còlt del'acqua e püsée ca 'l creseva ol còlt al ghè vegneva sògn e quanca l'acqua la scòtava ormai l'era tardi; iera già ormai mèzi coci.

Moral dèla storia cérti òlti se vée fò dèla padèla par pò finìi itè 'ndèla bràsa parchè la pàr bèla róśa. 

LE RANE E QUEL ROSPO DI UN VIRUS

C'era una volta in molte parti sù questa terra, le rane che giravano giù nelle pozze, qualcuna per guadagnarsi il lombrico da vivere e altre anche solo per intorbidire l'acqua e sembrava tutto tranquillo e tiravano avanti un po' dentro e un po' fuori dall'acqua.

Un bel giorno qualcosa è andato storto, qualche rana ha cominciato con la tosse più rauca del solito e il gràgrà era molto stonato che pareva un lamento più che un canto.

Dopo pochi giorni qualche rana moriva anche e allora i pastori delle rane hanno capito che la colpa era un rospo di un virus.

Bisognava fare qualcosa in fretta prima che fosse troppo tardi, e così alle rane gli hanno imposto quattro comandamenti da rispettare per non spargere quel brutto rospo di virus.

Il primo era quello di lavarsi le mani, il secondo di non andare in giro, il terzo di stare a debita distanza dalle altre rane e anche dai rospi, il quarto era quello di mettersi la mascherina.

Le rane e poi anche i rospi, spaventati dalla paura di morire, si sono lavate subito le man, e fin lì erano già abituate perché si lavavano anche i piedi, visto che erano sempre giù nell'acqua.

Anche quello di non andare in giro, quando hanno capito che il lombrico glielo portavano anche a casa, l'hanno accettato in qualche maniera come quello di stare un po' distanziati dagli altri.

Con le mascherine hanno avuto qualche problema, prima non si trovavano, poi c'erano quelli che dicevano non andavano bene, insomma le tua è mia è morta all'ombra e ognuno avrebbe voluto dire e fare alla sua maniera.

Intanto il tempo passava e le rane con su la mascherina non si conoscevano nemmeno più e quando hanno cominciato a gironzolare hanno trovato dei calderoni con giù acqua bella limpida e così sono andate giù in mezzo.

Si guardavano intorno, non gli pareva nemmeno vero di essere in un posto così lucente con quel bel colore rosso del rame e quella acqua chiara e limpida che non si intorbidiva più.

Gli avevano poi promesso che la mascherina da li a poco avrebbero potuto gettarla via ma intanto passano i mesi e ancora quindici giorni e poi ancora quindici ma ormai le rane, un po' perché gliene avevano dato e un po' perché gliene avevano promesso, erano lì che si lavavano le mani nell'acqua limpida giù nel calderone di rame.

I pastori delle rane intanto hanno pensato bene di accendere sotto il fuoco alla caldaia e anche le rane, che non avevano mai avuto l'acqua calda sotto i piedi come adesso, accettavano volentieri questo caldo dell'acqua e più il caldo cresceva gli veniva sonno e quando l'acqua scottava ormai era tardi; erano già mezze cotte.

Morale della storia certe volte si viene fuori dalla padella per poi finire nella brace perché sembra bella rossa.