Lüciaröla

di Vittorio Crapella - 10-06-2019


Lucciola

'N puìi e 'na lüciaröla 

'N dì ´n puii piscén de chìi giàlc' tǜt alégro al ghà dìc' ala sùa màma sciǜta:

- " Màma ò decìis, ndóo a cercàa ´l tèsor, sò ca quáat ghe mètaróo a truàl, sò nóma chè ghóo de fàl.

- " Tèsor ? Quàl tèsor ?" la ghà domandàat la màma.

´L puìi la ca sentüt , órmài l'era già sül sentér, ciapàat ´ndi sṍö penśér.

-" Chi sà cóma 'l sarà 'l mè tèsor ? 'L lüsìsarà cóma la lǜna ? 'L peśarà cóma 'n cràp ?"

'L puii 'l caminava..'l caminava...

'L cercàva deréet ai sciǜch, 'l vardava sóta i sàs e 'ndi böc' deli piànti ma dól sò tèsor negǜn 'nsegn.

'L sùul l'era tramóntáat da pòoch e l’era réet a fàa scǜr quànca ´l puii là idüut 'na ròba lüsènta deréet an cèrfuiù pòoch lóntáa da lǜü.

- " Vìtel, lóo truáat bindìna !", 'l saltelava e l'ósava tüt contèet ´l puii.

- "Aiǜt ! aiǜt !", la sentüt lamèntàs.

- "Chée ? ´l mè tèsor lè réet a parlàa !", ´l puii lè restáat a bèch avèrt.

Trà i ràm dól cèrfuiù là idüut ´n animàl piscinìi. ´L sò tafanàri l’era réet a mandàa fò la lǜüs. L'era fanàtèch!

- "Chi ca te sée ?", 'l ghà domandàat.

- " Sóo 'na lüciaröla, me ciami Lusina. Sóo 'ncàstrada ´ndi ràm e ghè rui ca pǜ a ignìi fò", la ghà respondǜt.

- "Ciapa ca pùra! Te ǜti mi", la sclamàat ´l puii.

Là spostát ´n póo de ràm e la lüciaröla l'era de nṍf lìbera.

- " Grazia de vìm slavàda !" Lusina l'era contèeta.

Órmài l'era sìra, 'ndel cél li stéli ià cuminciat a pizás üna réet a l’òtra en póoch minǜc' ´l bosch 'l se fàc' scǜr e nigro.

´L puii 'l se vardat 'ntóren e:

- "Oo, noo ! Chè scǜr ! Cóma truaróo la stràda par tornàa a cà ?”

- "Te dè ca vìch pùra ! Adès te ütaróo mi", là dìc' Lusina, con 'na grignàdina e cola sùa lǜüs là fàc' ciàar 'n del sentér.

- "Iscé i fà i amìis !, i se üta 'nséma !", ià dic' i dùu.

'L puii e la lüciaröla iè diventáac' amìis.

Ruàat a ca, ala, sìra prǜma de ´ndàa a durmìi, ´l puii là parláat ala sùa màma:

- "Sóo ´ndàc' a cercàa ´l tèsor e ´ntáat che ´l cercàvi mè domandavi cóma 'l lüsìsarà e quáat ca 'l peśarà....

Pödevi ca però 'maginàa chè arési truáat ´l tèsor pǜ grànt al mònt:´n amìis !"

La sciǜta l'era contèta dól sò piscén puii e la sclamàat:

" E chè furtünáat ca te sée stàc', ´l tò amìis tèsor 'l lüsìs par davéra !"

by Vittorio Crapella 10-06-2019          

'l ghè nè amò

Il pulcino e una lucciola

Un giorno un pulcino piccolo, di quelli gialli, tutto allegro disse alla sua mamma chioccia:

– “ Mamma, ho deciso; vado a cercare il tesoro! Non so quanto ci metterò a trovarlo, so solo che devo farlo.”

– “ Tesoro? Quale tesoro?” chiese la mamma.

Il pulcino non la sentì, ormai era già sul sentiero perso nei suoi pensieri.

– “ Chi sa come sarà il mio tesoro? Brillerà come la luna? Peserà come una roccia?”

Il pulcino camminava.. camminava..

Cercava dietro i ceppi, guardava sotto i sassi e nelle cavità degli alberi, ma del suo tesoro nessuna traccia…

Il Sole era tramontato da poco e si stava facendo buio, quando il pulcino, vide una cosa scintillante dietro un cespuglio poco lontano da lui.

– “ Eccolo! L'ho trovato finalmente!” saltellava e gridava entusiasta il pulcino.

– “ Aiuto! Aiuto!” sentì a lamentarsi.

–“ Cosa? Il mio tesoro sta parlando!”, il pulcino rimase a becco aperto.

Tra i rami del cespuglio vide un animaletto piccino. Il suo di dietro stava emettendo la luce. Era fantastico!

– “ Chi sei?” chiese.

– “ Sono una lucciola, mi chiamo Lucina. Mi sono incastrata nei rami e non riesco più uscire”, rispose.

– “ Niente paura! Ti aiuto io”, esclamò il pulcino.

Spostò un po’ di rami e la lucciola era di nuovo libera.

– “ Grazie mille di avermi salvata!” Lucina era contenta.

Ormai era sera . Nel cielo le stelle cominciarono ad accendersi una dietro l’altra. In pochi minuti il bosco si è fatto scuro e nero.

Il pulcino si guardò intorno:

– “ O, no! Che buio! Come troverò la strada per tornare a casa?”

– “ Niente paura! Adesso ti aiuterò io.” sorrise Lucina e con la sua luce illuminò il sentiero.

– “ Così fanno gli amici! Si aiutano a vicenda!” dissero i due in coro.

Il pulcino e la lucciola diventarono amici.

Arrivato a casa, alla sera prima di andare a dormire il pulcino parlò alla sua mamma:

– “ Sono andato a cercare il tesoro e mentre lo cercavo immaginavo come brillerà e quanto peserà…

Non potevo però immaginare che avrei trovato il tesoro più grande al mondo: un amico!”

La chioccia era contenta del suo piccolo pulcino ed esclamò:

– “ E che fortunato sei stato, il tuo amico tesoro brilla per davvero! “