Morterasc'


libera interpretazione di Vittorio C. - 14-07-2018

Quel nome di Morterasc ha una storia.

Erasc', iscè 'l se ciamàva 'n pastór svìzer, stàva densǜ en de 'na bàita végia gió en fónt al vendül 'ndùa adès gh'è nóma rüini.

I pastór deli malghi ca i'à pascólat i mùut de chèla vàl, a la fìi dèla stagiù, par spartìs li fórmi de fórmai i fa 'na fèsta e l' Erasc' 'l conós 'na fiöla del paés e sübet i se piàs, cóma a dìi amór apèna idüt.

I paréec dèla fiöla i ulìva ca che i se metés 'nséma, prüma i ulìva che lüu 'l truàs 'n mester püsèe giüst par lée.

I dùu i se giüra eterno amór e lüu 'l va 'ndèla legiù straniera, lontàa da li sói móntàgni.

'Ntàat 'l fa cariera 'l diventa gradüat ma la fiöla la gh'à ca pü söi nutìzi e dal sconfort en pòoch tèep l'è mòrta.

Erasc' dopo 'n póo 'l tórna a Pontresina e 'l vèe a savìi la trista fìi del sò amór e sènsa fas conós da nigüu 'l va a basàa la tomba, 'l tórna a vidìi i pòst dèla sùa memoria e pó sparìs e nigüu i sa ca pü negöt.

Ma l'umbrìa dèla matèla la vagava sèmpre sǜ 'l magènc' itè 'ndel bait del làc' quànca 'l pastór, che adès 'l gh'à scià chèla bàita, 'l vava a cülàa 'l làc'.

L'era ilò cóma a vardàa se tüt 'l fódes en órden e sóta óos la diseva apèna: "mort Erasc' ".

'L pastór 'l s'era abitüat a vidila e sintìla, 'l ghe vava àa bèe, li vàchi li fava püsèe làc' e ogni ròba la creseva méi.

Quànca chèsto pastór 'l gh'à lagàat la bàita a 'n ótro 'l gh'à cüntàat sǜ la storia e 'l gh'à racómadàat de rispetàa la fèmna del "Mort Erasc' ".

La ca ulüut dàc a mèet e 'l gh'è 'ndàc' rèet a l'umbrìa dèla matèla fin itè amò n'dèl bàit e quànca 'la idüda ciapàa scià la càzza par tóo sǜ làc' da la coldéra, de cólp 'l gh'à domandàat: "ca te se réet a fàa ?"; e pò 'l gh'à dic' àa che 'l ulìva ca che d'ótri i tucàs 'l sò làc'.

L'umbrìa de chèla pöra s-ciàta mòrta, 'l l'è varda 'n póo con desprèz e compasiù e la sparìs ma 'l se laga sǜ 'n vèet di chìi fórt da tràa par aria tüt 'l paés.

Da ilùra l'èrba del pascól la creseva pòoch e a li vàchi li pareva süci, li fava talmèet pòoch làc' che chèla bàita de chèl mùut i'à duüt l'agàla pèrt e iscè en pòoch tèep 'l vendül e la glàsc' i l'à tràcia giò.

Amò adès i lè ciama Mùut pèrs e a vargü 'l ghe par amò de vidìi chèla umbrìa quànca sǜ da chili part òl tèep 'l se fà scür e 'l promèt nóma acqua e tompèsti.

 

'l ghè nè amò

Scritto originale

Erasc giovane pastore dell'0berland grigione, estivava in un casolare antico, di cui non sopravanzan che le ruine a piedi della ghiacciaja che lo invase.

Nella festa che i proprietarj delle mandre celebrano ogni anno quando devesi ripartir il ricavo comune del pascolo, conobbe una fanciulla del paese e presto s'inteser d'amore.

Però i parenti di esso non gliene vollero concedere la mano finch'egli non avesse una posizione degna di lei.

I due si giurarono eterno amore, ed egli s'arrolò in un reggimento a servigio straniero, via che molti Grigioni conduce a fortuna.

In fatto egli acquistò il grado di capitano ma la fanciulla non ne intese mai nuove, e intanto struggeasi nell'amor di lui, sicché fra breve morì.

Erasc tornò a Ponteresina, e chiedendo seppe la trista fine dell'amata, onde, senza farsi conoscer da alcuno, ne baciò la tomba, rivisitò i luoghi pieni di memorie, poi se n'andò e nessuno più ne seppe.

Ma l'ombra della fanciulla vagò sempre sull'alpe vicina, e il nuovo custode della baita la vedeva ogni sera venirvi, entrar dove si ripone il latte quasi per osservare se tutto fosse in ordine, poi esclamar con un sospiro Mort' Erasc.

S'abituò egli all'apparizione, e più dacché osservò che le vacche davan più latte e ogni cosa prosperava.

Quando il custode cessò al successore confidò quell'apparizione, pregandolo a rispettare la donna del Mort' Erasc.

Ma il novello volle ostentar coraggio, e la prima notte seguì pian piano l'ombra della fanciulla fin alla cantina, e quando la vide staccar una mestola e accostarsi ai bacini del latte, di colpo la interrogò cosa volesse, e gli disse che non sopportava che altri toccasse al suo latte.

La fantasma lo guardò fra disprezzo e compassione, e sparve tra lo schianto d'un turbine, che sovvertì il paese; e d'allora i pascoli scarseggiarono, e men riccamente produssero, le vacche, talché si dovette abbandonar quell'alpe, invasa ben tosto dalla ghiacciaja: e ancor la chiamano il Mont pers, e taluno crede veder l'ombra ricomparire quando il tempo fa cupo e turbinoso.

 

Leggenda sul Ghiacciaio del Morterasc'

 

Gruppo del Bernina - Leggenda sul Ghiacciaio del Morterasc'

Qui estendesi il vasto ghiacciaio del Morterasc'; non esteso come quello tra Berna e il Vallese, ma comprende pure il monte del Disgrazia in Valtellina e occupa un'area di 15,3 km²