'N gèet al và dal dotóor

di Vittorio Crapella - 23-10-2020


'N gèet al và dal dotóor

Ai l'è  cüntava 'n bòt, quanca ghéra amò i òrs sü par i nòs bósch.

'N gèet, 'mpóo sü de età, al va 'mbòt dal dotóor.

Chèsto al l'è visita bée e pò al ghè domanda coma 'l se sintiva.

Ol géet la rispót bèl 'ngalüzìit: "Mai stàc' iscè bée, me sóo tràc' 'nsèma a una de gioena e adès la spécia 'n sciàt e mi sóo davéra 'mbèlpóo contèet; e lüu dotóor, coma al le pènsa, coma al me trua ?"

'L dotóor al ghà pènsàat 'nàtem e pò al ghè dìs: "Adès öi cüntatèn üna, conósi 'n casciadù ca l'è sempri 'ndàc' a cascia da 'na vita. 'N dì al prepara 'l zaino par 'ndàa a cascia, 'nsèma an sò sòci, 'n giovanotàsc de ùu, e par sbaglio al pòst del s-ciòp l'infila giò l'ombrèla, e via, tüc' dùu sü par i bósch.

'N bèl momènt l'è scià dènaz 'n òrs ca al ghè se òlsa sü 'mpée, ilura ol casciadù de preèsa al tia sü dal zaino l'ombrèla, chèl ca lüu al pensava al födés ol s-ciòp, al l'è punta al òrs e ... pàm e l'òrs le cródat giò bàs stìnco".

Ol gèet, ca l'era ilò tüt ciapàat a scoltàa, sübèt de prèsa al fà: "Chèsta scióor dotóor la pó ca stàch, l'è stàc' de sücüur ol sò amìis ca la sparat col sò s-ciòp, òtro che l'ombrèla".

Ol dotóor a chèl pùnto al conclüt : "Brao te ghée resù, l'è 'ndàcia pròpi iscè, le stàc' 'l sò amìis".

'l ghè nè amò

Un signore va dal dottore 

La raccontavano una volta quando c'erano gli orsi su per i nostri boschi.

Un signore, un po' avanti con gli anni, va una volta dal dottore.

Questo lo visita bene e poi gli domanda come si sentiva.

Il signore, bello ingalluzzito, risponde: "Mai stato cosi bene, mi sono messo con una giovane e adesso aspetta un bambino e io sono davvero molto contento; e lui dottore cosa ne pensa, come mi trova ?"

Il dottore ci pensa un attimo e poi gli dice: " Adesso voglio raccontartene una, conosco un cacciatore che è sempre andato a caccia da una vita.  Un giorno prepara lo zaino per andare a caccia, assieme a un suo amico, un giovanottone di uno, e per sbaglio al posto del fucile infila giù l’ombrello, e via, tutti e due su per i boschi.

Ad un certo momento gli arriva d'avanti l'orso che si alza in piedi , allora il cacciatore di fretta tira fuori dallo zaino l'ombrello, quello che lui pensava fosse il fucile, e lo punta verso l'orso e ... pàm e l'orso cade per terra stecchito". Il signore, preso ad ascoltare, subito di fretta esclama: "Questa signor dottore non ci può stare, è stato di sicuro il suo amico che ha sparato con il fucile, altro che ombrello."

Il dottore a quel punto conclude: "Bravo hai ragione, è andata proprio in quel modo, è stato il suoi amico."