'Na òlta e adès

di Vittorio Crapella 12-05-2019


'na òlta e adès 

I nòś i mè pòrtàva 'nséma a remàscià 'l patǜsc’, a fàa la légna, a segàa l'èrba 'ndèl práat a mùisc li vàchi 'ndèla masù, a vendemiàa, e mè 'mparàva a üsàa ´l rastèl, ´l gèrlo, 'l sügürèl, la fòlsc’, a tiràch li téti ali vàchi, a üsàa la mèla, e pó e pó amò belebée d'òtro...

Adès i ghà ca pǜ tèep par pòrtàs réet i fiöi e tàac' de chi-sc', sé i ghà ca trà i pée la bòcia, i ghà i ṍc’ francáat sül "tablèt" 'ntáat ca i varda chi la moto cór, chi "batman" o´l "pokemun" de tùrno e iscé i'mpara chèl.

E dòpo táac' atènt de chiló e óció de ilò, tucàa ca chèsto o chèl ca l'è perìcólóos, la piànta la crès débòla e al prǜm vèet la darà giò bàs cóma 'n strepù.

Savìi üsàa la mèla, o mùiśc, o spacàa sǜ la légna, o segàa 'l práat, o pòrtàa 'l gèrlo, o remàscià li fói 'ndèl bósch, a chi ca 'l sirvìs ?; táat ghè sarà vargüu ca i pensa par lóor.

Lò cǜntàda-sǜ fàcela ma l'è ´n póo iscé.

 'l ghè nè amò

UNA VOLTA E ADESSO

I nostri ci portavano assieme a raccogliere lo strame, a fare la legna, a falciare l'erba nel prato, a mungere le mucche nella stalla, a vendemmiare e imparavamo ad usare il rastrello, il gerla, la scure, la falce, a tirare le mammelle alle mucche, a usare la roncola e poi e poi ancora molto altro...

Adesso non hanno più tempo per portarsi dietro i figli e molti di questi hanno lo sguardo bloccato sul tablèt mentre guardano chi la moto correre, chi batman o il pochemun di turno e così imparano quello.

E dopo tanti attento di qua e attento di là, non toccare questo o quello che è pericoloso, la pianta cresce debole e al primo vento cadrà a terra sradicata.

Sapere usare la roncola, o mungere, o spaccare la legna, o falciare il prato, o portare la gerla, o raccogliere le foglie nel bosco, anche serve; tanto ci sarà qualcuno che pensa per loro.

L'ho raccontata semplice ma è un po' così.