'Na strana divisiù


Trìi fradèi e 'na strana divisiù

Trìi fradèi per fàa la divisiù i gh'à de divit ündes cavài, ól testaméet al dis: al prüm 'l ghe va la metà dei cavài, al segónt la quàrta pàart e a l'ültem la sèsta pàart.

I se mèt réet a fà gió cünc ma i se ne ve ca a capo di negót, el ghe ve fó al prüm cìnch cavài e mezz al al segónt pòoc meno de trìi e a l'ültem men de dùu.

I ghe la fà ca 'ntràsen fó e i capis ca se póo ca smezàa sǜ i cavài e i cumincia quàsi a metès i màa adòs, ma en del fra tèep le scià 'n amìis a cavàl ca 'l se prèsta sübet a risolf la questiù e 'l mèt itè en dei cavài da divìt a 'l sò, iscè da ündes i diventa dódes.

I torna a fà gió i cünc e chèsta òlta i ghe ruàa e 'l ghe ve fó metà de dódes al prüm di fradèi ca 'l ciapa sèes cavài, 'n quàrt de dódes al segónd ca'l ciapa trìi cavài e l'ültem 'n sest de dódes ca 'l faà dùu.

Tüc contéc' parchè tüc i n'à ciapàt pusée de cóma ieva fàc' i cünc, i salüda l'amìis e ognantüu i va per la sua strada, üu con sèes cavài, l'òtro con trìi e l'ültèm con dùu e iscé la divisiù le stacia fàcia giusta, ündes cavài i'era e ündes i rèsta. A l'amìis 'l töl sǜ 'l sò cavàl e va a lûü contèt de vìi iütat i trìi fradèi a truàa 'n'acórdi.

  'l ghè nè amò

Tre fratelli e una strana divisione

Tre fratelli per fare la divisione devono dividere 11 cavalli, il testamento dice:

al primo va la metà dei cavalli, al secondo la quarta parte e al terzo la seta parte.

Incominciano a fare conti ma non ne vengono a capo di niente, gli viene fuori 5 cavalli e mezzo al primo, al secondo poco meno di 3 cavalli e all'ultimo meno di due cavalli.

Non sanno come fare e capiscono che non si può prendere un cavallo e smezzarlo e cominciano quasi a litigare, ma nel frattempo arriva un amico a cavallo il quale si presta a risolvere la questione e aggiunge anche il suo cavallo fra i cavalli da dividere, e così diventano 12.

Rifanno i conti e questa volta viene metà di dodici al primo dei fratelli che prende sei cavalli, un quarto di dodici al secondo che si prende tre cavalli e l'ultimo un sesto di dodici che fa due.

Tutti contenti perché ognuno ha preso più cavalli di quanto risultava dai loro calcoli, salutano l'amico e ognuno va per la sua strada, uno con 6 l'altro con 3 e l'ultimo con 2 e così la divisione è stata fatta correttamente, 11 cavalli erano e 11 restano.

Anche l'amico se ne va con il suo cavallo, anche lui contento di aver aiutato i tre fratelli a trovare un accordo.

Ascoltala dalla voce di Aldo Paindelli