Ol cuscrìt

traduzione dal libro Nembro di Graziano Murada


di Vittorio C. 13-12-2020

Ol cuscrìt

La rógia par 'n tòchèl la me cór a fiànch 'ntàat ca 'ndóo´ngiò vèrs a Feit; 'l sùu de chèl'acqua, ilò réet prüma de ruàa, la me pòrta àla lǜüs, itè par la crapa, regòrc' 'ndormentàac'.

O magàri l'è véra 'l cuntràri, l'è 'l tèep pasàat ca ià piacàat 'ndèl léc’ dèla nòc' e mi sóo nóma 'l casciadù dèla mia mèet.

'L vée a gala la figǜra dè 'n cuscrìt, ca cóma i dìs i alpìi, l'è 'ndàc' inàaz tròp debòt.

Üna dè chìli figǜri ca, prǜma ca al rués chi dei servizi sociai, ai fava pàart de chi divèrs, di stràmbi, che amò nóma miga tàat fà, i viveva 'ndeli nòsi cuntràdi.

Adès i vegnarés ciamàac' con chèl brùt modo de dìi ''diversamèet 'n gamba''.

A chèl tèep, vès divèrs fìn da quanca s'è naseva sensa vìi pudüut scirnìi par entèndes, al fàva pàart dèla vita de tüc' i dì.

La mia generaziù l'à cundìvis giṍch, asnadi, grignàdi coi divèrs ca i stava 'ndèli nòsi cuntràdi e ca, al cuntràri dè 'ncöö, i fàva pàart con tüc' i òtri dol mónt ca'l ghè girava 'ntóren.

I'era ca 'n'orbèda magra dèl paées, ma i fava pàart dèla famiglia de tüc' e par chèsto tignüuc' n' consideraziù, bùu dè rént i dì pǜsé vìif e colorac'.

Coli lóor stòri i ghè ruava a tiràt fò 'n grignàdina a quànca li giórnàdi i'era grisi par li fadighi.

Parché 'l lóor mónt l'era a cólóor sensa tac' tribüléri.

Iscé l'era àach par ol mè cuscrìt.

Al ghè piaséva l'acqua e 'l sò rumóor quanca la scóreva 'ndeli rógi ca lùu 'l cürava cóme 'n pastóor li soi vàchi.

L'era 'l rè dèi rógiài de acqua ca i pasava gió fìn giònfónt ala vàl.

I sṍö penśéer i sṍö 'nterés i'era ligàac' al mónt de l'acqua e l'iva 'mparàat a tignìi nèt li rógi e rógiài.

Par chèsto d'estàat quànca ghera ol beśógn dè bagnàa quai pràat l'era abòt ciamàa l'óm dèla rógia par fàa contèet lǜü e àa 'l pràat.

PS:

Lóo cunusüut bée a mi quanca sevi 'n bagaiòt e lùu amò 'n rèdès e al vigniva itè a Zapèl 'n sèma ai sóo.

L'era sempri contéet e l'era bùu de fach sü la cùcola a chi 'mpóo cóma lùu par pudìi fàa 'na grignada.

Quanca l'incuntravi chilò al piàa, a òlti col sò ràas de foi sèchi per fàch léc' ai sóo còo de vàchi, al grignava amò prüma de domandàm se me regordavi de itè a Zapèl de quanca 'n cercava l'ümaghi.

Regòrdi àach quanca, riferìit a ùu coóma lùu, al ma dìc': "L'è cóma ol paröl cal schèrsa la pignàta"; chèsto al fà capìi ca a sò modo al seva de vès "divèrs" ma 'ndè stès tèep al ghè piaseva vès cunsideràat cóma tüc' i òtri.

 

 'l ghè nè amò

Il coscritto

La roggia per un brevissimo tratto mi corre a fianco mentre scendo verso Feit; il suono impresso dall'acqua verso la meta finale risveglia e porta alla luce ricordi assopiti da tempo.

O forse è vero il contrario: è il tempo trascorso che li ha messi nel letto dell’oscurità e io sono solo il killer della mia memoria.

Riaffiora la figura di un coscritto che, come dicono gli alpini, è andato avanti: troppo presto.

Una di quelle figure che, prima dell’avvento dei servizi sociali, appartenevano alla categoria dei diversi, degli strambi che, anche solo nel recente passato, abitavano le nostre contrade.

Ora verrebbero chiamati, ma soprattutto catalogati, all’interno di quel terribile termine di diversamente abili.

A quel tempo, la diversità fin dalla nascita e non quella scelta per intenderci, era parte integrante del vissuto quotidiano.

La mia generazione ha condiviso giochi, esperienze, risate con i diversi che abitavano le nostre contrade e che, al contrario di oggi, facevano parte, a pieno titolo, del mondo che li circondava.

Non erano al margine della società, ma al centro di essa e per questo tutelati, rispettati, capaci di rendere i giorni più variegati e variopinti.

Riuscivano, con i loro racconti, a strappare un sorriso anche quando le giornate erano grigie.

Perché il loro mondo era a colori. Lo era anche per il mio coetaneo.

Amava l’acqua ed era attratto dal suono dei ruscelli che lui custodiva come il pastore le sue mucche.

Era il re dei piccoli corsi d’acqua che scendevano a valle.

I suoi pensieri, i suoi interessi erano legati al mondo acquatico e alla sua attitudine nel governare e deviare il flusso dei piccoli rigagnoli.

Per cui, d’estate, quando nasceva la necessità di irrigare qualche prato bastava chiamare l’uomo della roggia, per rendere felice lui e anche il prato.

PS:

Lo conosciuto bene anch'io quando ero un giovincello e lui ancora un bambino e veniva sul maggengo Zappello con i suoi genitori.

Era sempre contento ed era capace anche di criticare qualcuno un po' come lui per poter fare una risata.

Quando l'incontravo qui al piano, a volte con la sua grossa gerla di foglie secche per il giaciglio delle sue mucche, rideva ancora prima di farmi la domanda se mi ricordavo di Zappello quando cercavamo lumache.

Ricordo anche quando, riferito ad uno cole lui, mi disse: "è come il paiolo che scherza la pentola"; questo fa capire che a suo modo sapeva di essere "diverso" ma nello stesso tempo gli piaceva essere considerato come tutti gli altri.