Òl ràgn imbruiù


di Vittorio Crapella - 21-08-2018

ÒL RÀGN IMBRUIÙ

Quànca òl ràgn la truat 'na gràata de üa iscè dùlsa ca i vava ilò véspi, àvi e àa móschi, la pensàat de spostàs de cà pròpi ilò sǜ chèla gràata, iscè da pudìi 'mbróiàa tüc' chi ca i se pugiàva sùra a sciüsciàa fò 'l zücher dai gràa de l'üa.

Prónta la cà növa òl ràgn 'l se mès sǜ sùra al sò fil sutìl a speciàa ca vargüu i rués.

Tüc' i dì 'l ghe soltàva adòs cóma 'n ladrù a chi pòri animài, lóor i seva ca che ilò gh'era a òl ràgn.

Al pàśa 'n dì e pó 'n òtro e pó 'n òtro amò e 'l vée 'l dì dèla vendèmia e quànca i tàia giò còla mèla la gràata de üa àa 'l ràgn 'l va giò 'nsèma a li òtri gràati e 'nsèma a chili 'l vée a lüü sgnicàat giò en dèla tìna.

Iscè a l'üa l'è ignüda 'na gàbola e 'n lasc' par l'imbruiù del ràgn, a lüü, gné pǜ gné meno, l'è finit cóma li véspi, li àvi e li móschi.

(by Vittorio C. - 21-08-2018)

 

'l ghè nè amò

 

 

IL RAGNO IMBROGLIONE

Quando il ragno ha trovato un grappolo d'uva così dolce che attraeva vespe, api e anche mosche, ha pensato di spostarsi di casa proprio li sopra quel grappolo, così da poter imbrogliare tutti quelli che si appoggiavano sopra a succhiare fuori lo zucchero dagli acini d'uva.

Pronta la casa nuova il ragno si mette sopra il suo filo sottile ad aspettare che arrivasse qualcuno.

Tutti i giorni gli saltava addosso come un ladro a quei poveri animali, loro non sapevano che li c'era il ragno.

Passa un giorno e poi un'altro e un'altro ancora e arriva il giorno della vendemmia e quando tagliano con la roncola il grappolo d'uva anche il ragno finisce con gli altri grappoli e assieme a questi anche lui viene schiacciato giù nel tino.

Così anche l'uva è diventata un imbroglio e un laccio per l'imbroglione del ragno, anche lui, né più né meno, è finito come le vespe, le api e le mosche.