Sóo ca 'ndàc' a scṍla


di Vittorio Crapella 10 ottobre 2019

Sóo ca 'ndàc' a scṍla

Sóo nàsüut e visüut trà li cràp, ghò idǜut táati róbi.

La mia màma la ma ´nsegnàat a onoràa ´l Signór, ol mè pà 'l ma ´nsegnàat 'na ròba sücǜra, chèla dè vès e dè vìif da galantóm.

Ò ca cunusüt - ('l völeva dì da belebée aprṍof) - 'nòtra fémna al dè fó dela mia.

Óo durmìit sǜ li tàoli dól baladù e sùra ´l muntù dól fée, fìna al dì dól mè matrimoni.

Quáata salǜt e quáata calma ghò üut; ò mài bégáat con negǜu, gné sò chée ca 'l völ dìi ´nrabbias o, sà me 'n rabbi sóo cóma ´l fǜlmen: dòpo la saèta ´l cél 'l torna sǜbet saré.

A stàa ´nséma coli bèsti ghò ´mparáat a vès bùu coi óm e sevèer con mè stèś.

La mia fèmna la ma fàc' nṍf fiöi, dùu, alpìi, iè mòrc' al frónt, ǜü l'è mutilàat.

Sóo ca 'ndàc' a scṍla parché chiló la ghera ca, chèla dól paés l'era tròp lóntàna.

Ma ó ´mparáat stèś táati róbi; ghóo ca da dàch ´n palànca a negǜu, tǜc’ ai me öl bée e i vée a truàm par ciacolàa´nséma, àa i sciór, parché i dis ca sóo ´n óm dè giüdìzi.

Ol giüdìzi l'óo ciapáat dala óos fòrta dól mè véc’ pà, dali cutizàdi dè la mia màma e dala dǜra fadìga dè tǜc’ i dì col ´l gèrlo sǜ li spàli .

Ò ca leigiüut òtro, nóma´l grànt lìbro ca te idǜut àa ti stadómàa, sèmpri urìit, chèl dól cél col sùul o cola la tómpèsta, cola la lǜna o coli stéli.

Chèl di pèsc nìgri e di làres vérc', del' acqua pǜra, dela vàca ca la pascóola, del'àigola ca la ula, dela bólp chè la roba li galìni: Ol grànt lìbro dól Signór.

 

 'l ghè nè amò

NON SONO ANDATO A SCUOLA

Sono nato e vissuto tra le rocce, ho visto tante cose.

Mia madre mi ha insegnato ad onorare il Signore, mio padre mi ha inculcato una certezza infallibile, quella di essere e di vivere da galantuomo. Non ho conosciuto —( voleva dire molto da vicino) — altra donna all'infuori della mia.

Ho dormito sulle tavole del del solaio e sopra il mucchio del fieno, sino al giorno del mio matrimonio.

Quanta salute e quanta calma; non ho mai litigato con nessuno né so cosa voglia dire arrabbiarsi o, se mi arrabbio, mi comporto come il fulmine: dopo lo scoppio, un cielo serenissimo.

Dalla convivenza con le bestie ho imparato ad essere buono con gli uomini e severo con me stesso.

Mia moglie mi ha fatto nove figli; due, alpini, sono morti al fronte, uno e' mutilato.

Sono analfabeta, perché non c'era la scuola quassù e quella del villaggio era troppo lontana .

Ma ho imparato lo stesso tante cose; non devo un soldo a nessuno, tutti mi vogliono bene e vengono a trovarmi per contarla in compagnia, anche i "sciori", perché dicono che sono un uomo di giudizio.

Il giudizio l'ho appreso dalla voce severa del mio vecchio padre, dalle sculacciate di mia madre, dalla dura fatica di tutti i giorni con la gerla sulle spalle.

Non ho letto altro, solo il gran libro che hai visto stamane anche tu, sempre aperto, quello del cielo col sole o con la tempesta, con la luna o con le stelle, quello degli abeti neri e dei larici verdi, dell'acqua pura, della vacca che pascola, dell'aquila che vola, della volpe che ruba le galline: il gran libro del Signore.