Stori 'nventàdi da véra

di Vittorio Crapella - 31-08-2020


La prùma le chèsta

Ntàat ca di rèdès e dèli s-ciàti li giügava col tioltàól e ai grignàva tüc' cóntéec', se sintiva da lontàa a bagiàa 'n càa e 'n'òtro al càinava.

Le stàc 'n canaiüsc ca 'l ghéva tiràat 'n sàs al póor cagnìi, ma 'n matél, ca'l là idüut, al ghà óśàat réet sübèt, e quanca l'è ruàat ilò apröof al ghà baiàat réet belebée e a la fìi al ghà dic':

"Fàl pò ca pü parchè 'notra òlta te cütizi dal bùu".

Ilura ol canaia la töc' sù e l'è scapàat de corsa e l'è 'ndac', tüt 'nsürìit, a piacàs deréet a dei scialésc' ca i gheva sù i ràm talmèet lónch ca i 'ndava a tólómbola.

'Nchèla al pasava da ilò 'n'òtro rèdès ca al ghèva scià 'l tulìi dol làc' ca'l lüsiva dal nöof ca l'era.

Chèsto rèdès, 'mpóo stimìit, al vardava chìi dol tioltàól e a chìi dèla pigòlsa ma al caminava sènsa vardàa 'n ghée ca'l metéva i pée.  

Iscè al s'è 'nbrunsonàat, la ciapàat 'na scapüsciada e l'è 'ndàc' lüu, ol tulìi e pò a 'l làc'.

L'è levàat sù de corsa, coma par miga fàs idìi e al vardava ol tulìi nöof, sensa pü ol sò làc' e al lüsiva ca pü iscè, al s'era fàc' te 'na bèla borgna.  

Stò póor bagai al s'è mès a caragnàa, al pareva quasi ol cagnìi de prüma.  

Ormai l'è üt scià sübèt scür, la nòc' l'è ruada  a l'impruis e ognantüu iè 'ndàc' a cà sùa 'n ghée iè speciàva 'n ciapèl de manèstra con giò li verdüri; carótoli, sèler, faśṍi,  tartìfoi a tochèi e ach 'n pìt de gabǜs.

 

E chèsta la segonda

Ol Gioanìi al ghè ca, l'è 'ndàc' inustùra 'a fàa ràas de patüsc'...

la töc' réet a 'l scighèz parchè se par cas al trua ca òtro, 'l tàia pò scià quai brasciöi de brönzeli...

Trighèt 'n'ösös... tè bièt vargòt ?

'N gòt dèl nòs, lè 'mpóo magro ma mi ghóo itè ol bucàto al mè pàr bùu...

Pèna 'n pìt, pós ca bìen tàat, al me mèt brüsóor al stómèch...

Oh sàntuli ! te n'dóo nòma mèz bicéer, al pó ca fàt màal...

Lè miga màal, al me pias, forsi al sènt apèna 'n zìch de sofrèch...

Tè pò sentüut de l'otréer chée ca lè sücès ?

Già, tàs giò, sà 'l me rencrès de chèl póor gèet, lè dèrocàat a lüu ilò-réet 'nchèla piudiscia ca l'era 'ndàc' giò a ol poro Pedo...

Lè 'ngrand brùt pòst, pasàa ilò cargac' con sù ol campac' piée de dasöl le pericolóos...

Beh adès 'ndóo pò a tacàc sù ol biaròt par i vedéi, stadomàa ghè no cach dàc...

Vén pò amò a truam...

Saludèm pò ol Gioanìi..

Sensòtro al sarà fàc'.

 

al ghè ne amò

La prima è questa

Intanto che dei bambini e delle ragazzine giocavano con l'altalena basculante e ridevano tutti contenti, si sentiva lontano abbaiare un cane e un altro a guaire.

È stato un ragazzaccio che gli tirato un sasso al povero cagnolino, ma un ragazzotto, che ha visto, gli ha urlato subito di smetterla,

e quando è arrivato li vicino l'ha sgridato parecchio e alla fine gli ha detto:

"Non farlo mai più perché la prossima volta te le suono davvero."

A quel punto il ragazzo è scappato di corsa, tutto mogio, andando a nascondersi dietro dei salici con i rami talmente lunghi che penzolavano.

Nel mentre passava di lì un altro ragazzino con in mano un secchiello del latte che luccicava dal nuovo.

Questo giovinetto, un po' impaurito, guardava quelli delle altalene a bascula e a dondolo mentre camminava senza guardare dove metteva i piedi.

Così si è inciampato cadendo a terra lui, il secchiello e anche il latte.

Si è rialzato di corsa, quasi per non farsi vedere e osservava il secchiello nuovo, senza più il suo latte, che non luccicava più come prima, si era un po' ammaccato.

Questo povero ragazzo si è messo a piangere, pareva quasi il cagnolino di prima.

Ormai si è fatto subito scuro, la notte è arrivata all'improvviso e ognuno è tornato a casa sua dove li attendeva una scodella di minestra di verdura; carote, sedano, fagioli, patate a pezzetti e anche un pochino di cuore di verza.

E questa è la seconda

Giovanni non c'è, è andato un po' di tempo fa a raccogliere un gerla grossa di strame ... si è portato dietro il falcetto perché se non trova altro, taglia poi qualche bracciata di felci...

Fermati un attimo... bevi qualcosa ?

Un goccio del nostro, è leggero ma io mi son abituata al quel sapore e mi pare buono...

Appena un goccio, non posso berne troppo, mi crea bruciore allo stomaco...

Oh santo cielo ! te ne do solo mezzo bicchiere, non può farti male...

Non è male, mi piace, forse sente un pochino di zolfo...

Hai poi sentito dell'altro ieri cosa è successo ?

Già, taci, come mi rincresce di quella povera persona, è caduto rovinosamente anche lui nei pressi di quel sasso scosceso dove era ruzzolato anche il povero Pietro...

È un gran brutto posto, passare di li, con la grossa gerla piena di strame di foglie di pini e larici sulle spalle, è pericoloso...

Beh adesso vado a preparare il beverone per i vitelli, questa mattina non gli ho dato ancora nulla...

Vieni poi ancora a trovarmi...

Salutami poi Giovanni...

Sicuramente sarà fatto...