Trei 'nvensiù

di Vittorio Crapella 09-06-2019


Trei 'nvensiù  

Li trei 'nvensù püsée 'mportànti dei ültem 100/150 àgn, ca ià cambiàat la storia, iè stàc' ol mótór, l'alternatór par la corènt e la radio con tüt' quant 'l gh'è gira 'ntóren.

Da la lûüs dela lûm 'n se pasàat a chèla fàcia coli lampidìni, l'è cuminciàat iscè ól tèep deli fàbrichi 'ndùa tüt e tüc' i laórava de bòt a fà sǜ ròbi növi, e póo a mò màcheni növi par pudìi cór püsèe 'mprèsa amò.

'N se pasàat dala lègna par ol fôöch del fuglàa e ach dèla pìgna al gàas e al gasoli par scoldàa li cà.

'N pòoch àgn ià lagàat andàa iscè magènch e 'mpoo tüta la campagna par pudìi 'ndàa a fàa d'òtro itè 'ndéli fàbrichi.

Iscè par parec' àgn i gh'à rüàat, chi pü chi meno, a crumpàa 'na machena par möes 'n gìr, tüti li ròbi üsadi itè per cà cóma la "lavatrice", la radio, ol telefon, la televisiù e póo 'l compiuter e ach ól telefunìi.

Chìsti ròbi 'n de pòoch tèep iera miga nóma ad uso familiar ma ognantüu i gheva 'l sò, iscè 'l crèseva i cunsüm.

Tüc' i lavorava sempre püsée e püsée de bòt par fàa 'n prèsa a mèet ià sòldi per pudìi pò spéndei par tôö amò ròbi növi, 'ntàat ól sistèma 'l girava e 'l crèseva àla grànda.

L'è pò ignüut 'l momènt che tüc' i gheva la machèna, dènt par ogni cà ghera tàat de tüt, doi o tre televisiù, ognantüu i gheva due celular e 'n compiuter e pò e pò....

Ma bindina l'è ruat 'l momèet ca la gèet la crumprava sèmpre de meno, se póo ca cuntinuàa a tôö robi növi tüc i dì.

´Ndel fratèep ól costo del'energia, li spéśi par i telefon, par l' machèna e li tàsi iè crèsudi talmèet tàat ca i ghèi i bastava pü.

I laoràva táat e'n prèsa par pó nóma scampàa àa sé iera circóndac' da táata ròba-nṍa.

'N se tórnàac'´n pràtega al pùnto de partènsa de quànca se laoràva la téra par vìch i prodóc' nòma par pudìi scampàa ma laoràa la téra órmài 'l ghè pias a póoch.

Tüti chisti 'nvensiù sé li ghe fódes ca stàci li 'ndàva 'nventàdi, li ghà fàc' sognàa, cór śvelc' en machèna e quáati ciacolàdi al cèlular quàac' "sms" e adès chè la córsa la pàr finìda 'l rèsta nòma de tornàa dapè dal principi en origén.

di Vittorio Crapella 09 giugno 2019

Tre invenzioni

Le invenzioni importanti degli ultimi 100/150 anni che hanno rivoluzionato la storia sono state il motore a scoppio, l'alternatore/motore elettrico e la radio con annessi e connessi.

Dalla luce delle candele si passò alla luce delle lampadine e iniziò nel contempo l'era industriale che ci permise di correre e comunicare sempre più in fretta.

Si passò dalla legna per il fuoco di cucina e riscaldamento al gas e al gasolio.

Molti passarono dall'attività agricola a quella industriale anche perché dall'industria arrivarono presto le macchine agricole per produrre di più spendendo meno fatica.

Si riuscì così nei decenni ad acquistare l'auto di famiglia, gli elettrodomestici per la casa, la radio, il telefono , il televisore, lo stereo, il computer, il cellulare.

Alcuni di questi prodotti ben presto divennero non più di famiglia ma personali accrescendo così la richiesta e il loro numero.

Tutti lavoravano sempre di più e più in fretta per guadagnare più soldi per comprare nuovi prodotti e il sistema era sempre in crescita ma venne il giorno che tutti avevano l'auto e in ogni casa c'erano almeno due televisori e ognuno aveva almeno due cellulari e un computer e la casa era super accessoriata e cominciarono a comprare di meno cose.

Si ebbero le prime avvisaglie che il mercato stava andando in crisi e allora inventarono gli incentivi per rottamare auto e quant'altro per far comprare prodotti nuovi e mantenere così i consumi e i posti di lavoro.

Nel frattempo i costi dell'energia, le spese per telefoni, per l'auto e le tasse sono cresciute al punto che gli stipendi non bastavano; si lavorava tanto e in fretta per poi appena sopravvivere anche se circondati da tanta tecnologia.

Si ritornò praticamente al punto di partenza di quando si lavorava la terra per avere i prodotti per sopravvivere ma lavorare la terra piace a pochi.

Invenzioni che se non ci fossero state andavano inventate, ci hanno fatto sognare, correre veloci in auto e quante chiacchierate al cellulare, quanti sms e ora che la corsa pare finita non ci resta forse che tornare alle origini.

 

 'l ghè nè amò