Trìi bośàc'... sǜ la piàza dèla géśa

di Dario Bormolini e Giacarlo Casello - anni 1987


Trìi bośàc'

<<Gelindo>> - Bundì... Bondìi come la va la vita ?

<< Bùndi >> - Eh, an tira pó ià. E ti te sée chilò a fàa?

<<Gelindo>> - Ma... ho pó sentüt e leigiüt sü par chìli carti, ca 'l rua pó òl capèlàà. Sóo ignüt sǜ dal preòst a vidìi sa le pó vera...

<< Bùndi >> - Ah, 'l sarà pó ca crétin òl preòst!

<<Gelindo>> - Oh, 'l pó vès stàc' i rèdes a fàa 'n quai schèrs o 'na quai asnáda...

<< Bùndi >> - Scià... scià...ca 'n va sǜ dal preòst ! e iscé an ghè scula fò 'n gót en cantina ...

<<Lisandro>> - Veèi ! ... chi che parla de cantina ?... l'è chi la cantina! Òl preòst al ga sǜ la cantina öida ! G'ho chilò mi da bagnàa òl bèch !

<<Gelindo>> - E ilura te l'è saüda a ti dol capèlàa ca 'l rua ?

<<Lisandro>> - Già Ah, l'ho pó sentüda a mi ! Ma da fan de tàac' prevèec'. Ah, l'è ca abot üu ca 'l völ già cambiàa òl mont da parlüu ? Se pó al ne rùa 'n òtro, mè sta frèsch !

<<Gelindo>> - E par la pü, se gh'ò miga leigiüt màal, la da vès 'n livignàsch, e i livignàsh iè tròp de géśa !

<< Bùndi >> - 'Nvece i bośàc' i pèra ca andàa a mèsa: nùu òm 'n gh'à pó sèmpre da laoràa da la domàa a la sira e póa de nòc' par la pü, e li nósi femni iè püsée baitozi dol diaol e iè pósèmpre réet a ciaceràa...

<<Lisandro>> - Tas giò ca ho idüut la Gilda e gh'ò pó cüntat sǜ de sto capèlàa e la se metüda réet a dìi: "Ma cara Madóna ... ma cara Madóna.."

<<Gelindo>> - Bhe, làghela bói ca la vée còcia, coli ciceri deli femni, 'ntàat òl nòs capèlàa lè 'n livignàsch e chèsto lè ' bèl vantàc' par i nòs redès ca 'l ghè portaràa òl cicolàat de chel bùu... par nùu òm al portarà i toscani e li zigaréti iscé 'n füma tüc' en barba al onorevol Trabùch !

<< Bùndi >> - E nùu 'n cambi 'n ghè farà 'mparàa a bif 'n tràc' de chèl bùu, de chèl che fà cantàa la Violèta.... Uhei ! ma de fàla 'na cantaàda ?

<< Tutti >> - E se sun ciòch ... l'è scià 'l bośàc' ....

<<Gelindo>> - Spèrem ca 'l capèlàa al sè scandalizi miga a sentìi de chisti cansù.

<< Bùndi >> - A propòset de cansù e de filastròchi, stàa bée a sintìi: là ca da vés parmalós, quanca i nós redès ai cüntarà sǜ chèsta filastròca. Pécia c'ha ciami la mia canaiüscia, Geltruda ! Vén scià chilò a cuntàa sǜ chèla dól capèlàa.

<<Geltruda>> - Din dón dàn, lè mòrt òl capèlàa co la buca vèrta, piena de maschèrpa !

<<Lisandro>> - La maschèrpa 'n gh'è la farà pruàa al capèlàa sü par la val de Tógn 'nsema la pulenta taràgna e li luganeghi fréschi...

<<Gelindo>> - Però miga chili de sanch o chili de pàsola ca iüsa i livignàsch !

<< Bùndi >> - Béh, béh ... la vaghi cóma la vaghi... òl Gelindo al laga i braghi.

<<Lisandro>> - Al sè regordi née ca chi da nùu, dai tempórai, al ghè òl mèzo de fai scapàa.

<<Gelindo>> - Già, già ! Quanca 'l suna òl "Gigiù" de Montagna, la "Baiuna" d'Albosagia e la campanela dela Sasela òl diaól al scapa ià da chèla.

<< Bùndi >> - E nùu 'n và da chèsta... vèrs òl piàa de sóta 'n ghè dìs al capèlàa: "Arivedes giò 'n cantina" !

(Dal libro "Albosaggia" di Sosio D. e Paganoni C.)

Tre di Albosaggia

Buon dì Abbondio, come va la vita?

Eh, si tira avanti. E tu sei qui per fare ?

Ma ..,  ho sentito e letto  (Voce Viva), che arriva il cappellano.  Sono venuto dal parroco a vedere se è poi vero....

Ah, non sarà mica cretino il prevosto !

Oh, può essere stato i ragazzi a fare uno scherzo o una qualche asinata...

Dai .. dai  che andiamo su in casa del prete ! e così gli beviamo un goccio in cantina...

Vei ! ... chi è che parla di cantina ? ... è qui la cantina ! Il parroco ha la cantina vuota ! Ho qui io da bagnare il becco !

Allora hai saputo anche tu del cappellano che arriva ?

Già, ho sentito anch'io ! Ma per farne cosa di tanti preti. Ah, non basta uno che vuole già cambiare il mondo da solo ? Se poi ne arriva un altro, andiamo bene !

E per di più, se non ho letto  male, deve essere un di Livigno, e quelli di Livigno sono molto di chiesa !

Invece quelli di Albosaggia non hanno tempo per andare a messa: noi uomini abbiamo poi sempre da lavorare dalla mattina alla sera e poi anche di notte per di più, e le nostre donne sono più furbe del diavolo stanno poi sempre a chiacchierare ...

Taci che ho visto la Gilda e gli ho raccontato del nuovo cappellano e lei si è messa a dire: "ma cara Madonna.. ma cara Madonna.."

Bhe, lascia stare che viene lunga, con le chiacchiere delle donne, intanto il nostro cappellano è uno di Livigno e questo è un bel vantaggio per i nostri bambini che gli porterà il cioccolato di quello buono... per noi porterà i toscani e le sigarette così fumiamo in barba all'onorevole Trabucchi !

E noi in cambio gli faremo imparare a bere di quello buono, di quello che fa cantare la Violetta.... Ueh ! dobbiamo fare una cantata ?

E se sono brillo... è arrivato quello di Albosaggia....

Speriamo che il cappellano non si scandalizzi a sentire queste canzoni.

A proposito di canzoni e di filastrocche, stammi bene a sentire: non deve essere permaloso, quando i nostri ragazzetti canteranno questa filastrocca.  Aspetta che chiamo  mia figlia, Geltrude ! vieni qui a cantare quella del cappellano.

Din don dan, è morto il cappellano con la bocca aperta, piena di ricotta !

La ricotta glie la faremo provare al cappellano su per la Val di Togno assieme alla polenta taragna e le salsicce fresche...

Però non quelle di sangue o quelle passe che usano quelli di Livigno !

Bhe, beh .. vada come vada .. il Gelindo lascia i pantaloni.

Si ricordi che qui da noi, dai temporali, c'è il rimedio di farli scappare.

Già, Già ! Quando suona la campana Gigiù di Montagna , il campanone di Albosaggia e la campanella della Sassella il diavolo scappa da quella.

E noi andiamo da questa... verso il piano di sotto gli diciamo al cappellano: "Arrivederci giù in cantina" !

 

 'l ghè nè amò