Üu 'n póo sórt

di Vittorio Crapella


ÜU 'N PÓO SÓRT  

I marès dic' de pasàa dal cartaceo al dit.

Varda che te gharée sentüt mal, i'arà vulüt dìi "dal cartaceo al digitale".

Al pò vès, sóo 'n póo stóren, ghè senti ca tàat bée ma a t'ògni manéra 'l mè sembra ca 'na ròba pròpi giusta.

Lè sèmpre 'na grant pastrügnàda, 'na ròba strógia, àa se pàsi col didal lè sempre 'na ròba de mèrda.

Mi sóo pò ca parchée con stì inovaziù se paśa dal mei al pègio, e pensàa che me truavi iscè bée con chèla càrta bèla sutìla, a mò mei deli fói de lavàzi.

 

 'l ghè nè amò

UNO UN PO' SORDO

Mi hanno detto di passare dal cartaceo al dito.

Guarda che avrai capito male, avranno voluto dire "dal cartaceo al digitale".

Può essere, sono un po' sordo, non ci sento tanto bene ma in ogni modo non mi sembra una cosa proprio giusta.

È sempre una grande pasticciata, anche se passo con il ditale è sempre una cosa di merda.

Non so perché con queste innovazioni si passa dal meglio al peggio, e pensare che mi trovavo così bene con quella carta bella sottile, ancor meglio delle foglie di romice.

by Vittorio C. 04-12-2018