Chisciöla


Pulènta colda coi té 'mèz 'n tòchèl de formai miga tròp stagunàat (magari a 'n fètal de bütéer 'nsèma)
tüt seràat scià dala pulenta a forma de bòcia e pugiàat sura la brasa bèla viva dol fuglàa (o camì);
giràla 'n bòt par fàa ignìi 'npìt tüt brustùlìit, 'ntàat ca'l delegua chèl ca ghè itè 'mèz.

polenta calda che racchiude al suo interno un pezzo di formaggio non troppo stagionato (con magari anche una fettina di burro)
tutto racchiuso dalla polenta a forma di palla da appoggiare sopra la brtace bella viva del focolare o del camino;

girare una volta per abbrustolire il tutto, intanto che si sdciolga bene quanto contenuto in mezzo.

 

Con lo stesso nome 

 

Si intende una pietanza preparata con 3 parti di farina di grano saceno, una parte di farina bianca, acqua, sale, formaggio casera.

Mettere in una terrina le farine, aggiungere acqua fino a rendere il composto denso e filante aggiungere sale e formaggio fatto a pezzetti.

Mettere il composto in una pentola di ferro non prima di aver aggiunto abbondante olio evo.

Cuocere a fuoco basso con coperchio e girare quando la parte superiore comincia ad addensarsi.

Servire con insalata e salumi. 

by Roberto Paruscio ricetta di sua nonna.