Chisciöla


Ciapaa scià na bela braca de pulenta colda, slargala fó ‘n pit, metech sura 'n tòchèl de formai miga tròp stagunàat, ma bel sauriit e pó aa ‘n fètal de bütéer, seraa scia la pulenta e fa su na bocia.

Met la bocia de pulenta sura la brasa bèla viva dol fuglàa (tegnela salt con na forcheta u pugiela su ndena griglia);
girela 'n bòt da na part e ‘n bot da l’otra par fàla brustùlìi 'ntàat ca'l delegua chèl ca ghè itè 'mèz.

Prendi una bella manciata di polenta calda, allargala un po’,mettici sopra un pezzetto di formaggio non troppo stagionato ma saporito e una fettina di burro, richiudi la polenta a formare una palla.

Metti la palla di polenta sulla brace viva del focolare (tienila con una forchetta o appoggiale su una griglia);

girala da una parte e dall’altra per farla abbrustolire intanto che quello che c’è dentro si scioglie.

 

Con lo stesso nome 

 

Si intende una pietanza preparata con 3 parti di farina di grano saceno, una parte di farina bianca, acqua, sale, formaggio casera.

Mettere in una terrina le farine, aggiungere acqua fino a rendere il composto denso e filante aggiungere sale e formaggio fatto a pezzetti.

Mettere il composto in una pentola di ferro non prima di aver aggiunto abbondante olio evo.

Cuocere a fuoco basso con coperchio e girare quando la parte superiore comincia ad addensarsi.

Servire con insalata e salumi. 

by Roberto Paruscio ricetta di sua nonna.