Garibaldi


‘n óm al gà dac’ ‘n pasac’ ‘n machena a ‘n africaa, quanca ‘l fava li cürvi de gran velocità l’africaa ‘n poo strimìit al diseva GARRIBALDI, GARRIBALDI e l’óm al pensava chesto chilò al vìt GARIBALDI dapartüt.

Dopo ‘n poo l’à fac’ ’na cϋrva püsèe de corsa del solèt e al s’è ribaltàat, ilura l’africaa l’à dic’:

te l’ho detto GARRIBALDAVI.

Un uomo da un passaggio in macchina ad un africano, quando faceva le curve con velocità l'africano un po' spaventato diceva: "Garibaldi, Garibaldi !"

L'uomo pensava che questo vedesse Garibaldi ovunque.

Dopo un po' fa una curva ancora più in fretta  di prima e si ribalta, allora l'africano esclama: "Te l'ho detto garibaldavi ".