La balila


LA BALILA

‘N gerarca fascista l’era ‘ndac’ a Roma a sintìi ‘l discors del Duce.

‘ntaat cal parlava l’è pasàat ‘na Balila e ilura ‘l Duce l’à dic’:

"Oggi ne passa una, domani dieci e dopodomani 100".

Quanca ‘l gerarca l’è tornàat al so paes l’à ripetüut ‘l discors del Duce e ‘ntàat cal parlava l’è pasàat

‘na vegia ca la cercava la carità e ‘l gerarca, cal sera ca nencurgiϋt, l’à dic’:

‘ncṍö al ne paśa ϋna, dumàa al ne paserà dees e dopodumàa cent.

Chi ca iera ilò a scoltàa i se ‘nrabbiàat e i l’à scorsàat a legnadi.

LA BALILLA

Un gerarca fascista era andato a Roma a sentire il discorso del Duce.

Intanto che parlava è passato una Balilla (macchina) e allora il Duce disse:

"Oggi ne passa una, domani dieci e dopodomani cento".

Quando il gerarca è tornato al suo paese ha ripetuto il discorso del Duce e intanto che parlava è passato

una vecchia che cercava la carità e il gerarca, che non si era accorto, disse:

oggi ne passa una domani ne passeranno dieci e dopo domani cento.

Chi lo stava ascoltando si sono arrabbiati e l'hanno fatto scappare a bastonate.