Lè grisa

di Vittorio Crapella 22-01-2023


Si gnàmò stüf de sintìi chèla parolüscia "green" spendibèl sùl teritori?;

pensée quati olti li sentüda 'mpóo a ca spoposet...

Ol vìi 'l va ca bée parché le rós, ol füm parché le grìis,

'l làc' lè bianch e ai le fà li vachi ca li bìif tata de chè l'acqua

ca'l ne rèsta ca pü gnàa de fà la dòcia dói olti al dì.

I saiòc chi ai va bée, iè "green", 'l va bée a li camoli e pó a i grì-i a se chìsc' iè nigri.

'N bòt iera püsé "green" de adès, par secoi e secoi tüt 'l girava atoren al légn, 'l föch, 'l fèr.

Quanca ià cuminciat a pütüràa li gelosìi de "green" la facénda la se fàcia sèmpre püsé grisa.

Non siete ancora stanchi di sentire quella parolaccia "green" spendibile sul territorio?; pensate quante volte l'avete sentita un po' anche a sproposito.

Il vino non va bene perché è rosso, il fumo perché è grigio,

il latte è bianco e lo fanno le mucche che bevono tanta di quell'acqua

che  non ne resta più nemmeno per fare la doccia due volte al giorno.

Le cavallette vanno bene, sono "green", vanno bene anche i vermi e poi anche i grilli anche se questi sono neri.

Una volta erano più "green" di adesso, per secoli e secoli tutto girava attorno al legno, il fuoco e il ferro.

Quando hanno cominciato a pitturare le imposte di "green"  la faccenda si è fatta sempre più grigia.