Trii amanc'


‘Na femna l’à gheva trii amanc' ‘n dì ià invidac’ tüc’ trii.

‘l prüm al se ciamava DELL’ACQUA, ‘l segónt DELLA GENTE e ‘l ters PADRETERNO.

Quanca l’à sentϋt ca'l ruava ‘l so óm l’a piacàat ‘l prϋm itè ‘nden armari, ‘l segónt derèet a ‘na tenda e ‘l tèrs sǜ ‘n den ϋs-cera.

Quanca l’è ruat l’óm l’à idǜϋt ca gió bas al ghera ‘n póo de acqua ilura la dic’ "dell’acqua 'n cà mia", e DELL’ACQUA l’è salta fò da l’armari, "della gente 'n cà mia" e DELLA GENTE l’è ignǜϋt fò da deréet a la tenda ilura l’à olsàat i ṍc al ciel e l’à dic’ "padre terno varda gió" e PADRETERNO l’à urìit l’ϋs-cera e la vardàat gió.

Una donna aveva tre amanti e un giorno li ha invitati tutti e tre.

Il primo si chiamava Dell'acqua, il secondo Della Gente e il terzo Padreterno.

Quando ha sentito arrivare suo marito ha nascosto il primo in un armadio. il secondo dietro una tenda e il terzo su in un abbaino.

Quando è  arrivato il marito ha visto dell'acqua sul pavimento e allora disse:" dell'acqua in casa mia", e Dell'acqua uscì dall'armadio, "della gente in casa mia" e Della Gente uscì da dietro la tenda, allora gridò alzando gli occhi al cielo: "Padreterno guarda giù" e Padreterno aprì l'abbaino e guardò giù.