Bachèti de ombrela


Ol Mario di Buac’ l’era üu ca ‘l ghe piaseva fa schèrs. En di la piantáat giò bachète de ombrela 'ndel prat d’in om ca l ghera antipatec.

I à lagadi vaza sù noma tri ghèi, quant ca chel om la cuminciáat a segaa al ghe se zernava sempre la folsc’e al doeva cuntinuàa a mulala.

Ol Mario, piacáat derèt a n scialèsc’ al se pisava adòs dal grignàa.

Il Mario di Büac' era uno a cui piaceva fare scherzi. Un giorno ha piantato bacchette d'ombrello nel prato di un signore che gli era antipatico.

Le ha lasciate avanzare su dal terreno solo tre centimetri, quando il signore ha cominciato a falciare la falce perdeva l'affilatura e non tagliava e doveva continuare a molarla.

Mario, nascosto dietro ad un salice, si faceva la pipì addosso dal ridere.