L’ asen è ‘l margot


'Na olta ‘n asen e ‘n margòt ai sè incuntràat al trivi de fuentes, l‘asen l’a cuminciat a 'nterogáa:

_ Ei margot ‘n dua te ‘ndée?

_ ‘Ndo a Milàa parché i valtelines iè amò selvadech, ai me sbàtt da tuti li part, sü 'n di müur in mèzz a li stradi, 'nvece a Milàa i dupera panéc' pulìic', prüfümac' e mulisii coma bombáas; e ti ‘ndua te ‘ndée?

_ mi torni in Valtelina parchée ho sentüut a dii ca tüc' i asen iè fà sindech.

Una volta un asino e il muco del naso si incontrano al trivio di Fuentes, l'asino a interrogare:

 Ei, muco dove vai ?

Vado a MIlano i valtellinesi sono ancora selvatici, mi sbattono da tutte le parti, sui muri in mezzo alle strade, invece a Milano adoperano fazzoletti puliti, profumati e soffici come bambagia; e tu doive vai ?

Io torno in Valtellina perché ho sentito dire che tutti gli asini li fanno sindaci.