L’asen a spala


Pà, mama e fiöl ai vava al mercàat con l’asen. La géet la diseva:

-l’asen öit e lor trii a pè.

Ilura ol fiöl l’e montat sü 'ndèl asen. La brigada la criticava:

-dùu véc a pè e l gioen a caval de l'asen

Ol fiöl l’e ‘ngnüut giò e l’è montat sü ol pà. I tiis de butéep a i sentensiava:

- al gà ca vargogna mandàa a pioti la vegia e ‘l redes

Ilura l ’e montàat sü la femna, e tüc a i diseva:

-la regiora la gha ca cöor, la manda a pè ol regior e l bagai

Ilura i è montac’ sü tüc’ trii sü 'ndel asen

-Póoro asen, ai le cröva gió

Stuf da sintii sti critichi, l’om denaz, la femna e ‘l redes deret, i a ciapàat sü l’asen en spala.

Chi ca i e ‘ncuntrava ai restava a buca verta parchè ai seva ca pü che dii

Padre, mamma e figlio vanno al mercato con l'asino.  La gente diceva:

"L'asino vuoto e loro tre a piedi."

Allora il figlio è montato sull'asino. Li criticavano ancora:

"Due vecchi a piedi e il giovane a cavallo dell'asino".

Il giovane è sceso ed è salito il padre.  I bontemponi sentenziavano:

"Non ha vergogna mandare a piedi la vecchia e il bambino".

Allora è salita la donna e tutti dicevano:

La madre non ha cuore, manda a piedi il vecchio e il ragazzo.

Allora montano sull'asino tutti e tre.

"Povero asino lo fanno soccombere".

Stufi di sentire critiche, l'uomo davanti e la donna col figlio dietro prendono l'asino a spalle.

Chi li incontravano rimanevano a bocca aperta perché non sapevano più cosa dire.