'Na femma e ol Rè de Cipro


Una donna e il Re di Cipro

Dunca i de savì che quanca gh'era ol prüm Rè de Cipro, dopo ca 'l Goffré de Büglion l'à liberàat la Tèra Santa, l'è sücèss ca 'na fèmma de Guascógna l'èra 'ndàcia par devuziù, al Sànt Sepolcro.

'Ndèl tornàa 'nréet l'è pasada da Cipro e ilò 'l ghè stàc' 'n balòss ca al ga fàc' 'n gran desprézi.

Lee, ca la pödeva ca viagiò chèla balòsada, l'à pensàat de 'ndàa dal Rè, ma gh'è stàc' vargüü ca i ghà dìc' ca la podeva sparmìi la fadiga parché ol Rè l'éra 'nscé 'n minghèrlo de üu sènsa negüna conclusù ca al se ne lagava fà a lüu de tüti li sòrt, iscé ca 'l pödeva ca scoldàsela par i òltri.

'Nscé tüc' chì ca i gheva vargót sül stómech ai se sfogava col fàch a lüu 'n quai desprézi.

La femma a sentìi stì róbi, de già ca la ghera ca òltro da fàa, pàr consolàs 'n de 'na quai manera la s'è mèsa 'n cràpa de 'ndàa a cüntaghèla sü stès.

L'è 'ndacia da lüü e 'n méz a na caragnada la ghà dic':

< Òh lüü, mi sò minga vignüda chilò parché ghabi spèransa ca lüu l'àbes da vendicàa  la figüra ca i mà fàc' a mi, ma 'n scambi 'l preghi piscì de dìm coma 'l fa lüu a viàgò i desprézi ca ò sentüut ca i ghé fà a ca lüü.

Iscé me tegnaroo a mi 'n còrp 'l desprézi, ca 'l mè tucàat, con tàata pazièsa; 'l le sà ol Signor se sarìsi contèta de fàch 'n règàal a lüü, pòsto ca 'l gàbes bùni spàli.

'L Rè, ca l'èra sempre stàc' iscé manfrèch e pigro, 'l s'è coma desedàat fö, e a bùn cünt, là cuminciàat a faghèla pagà a chì ca i gheva fàc' la balosada a chèla femna e pò l'è ügnüut 'n càa de Dio cuntra tüc' a chìi ca i ghè mancava de respètt. 

 

Al coreva l'àn 1875

 

Dunque dovete sapere che quando c'era il primo Re di Cipro, dopo che Goffredo di Buglione ha liberato la Terra Santa, è successo che una signora di Guascogna, era andata per devozione, al Santo Sepolcro.
Nel ritorno è passata per Cipro e lì c'è stato un furbastro balordo che gli ha fatto del male.

Lei, che non poteva sopportare questa malefatta, ha pensato di andare dal Re, ma qualcuno gli ha detto che poteva risparmiarsi la fatica di andare perché il Re era un poverino di uno sconclusionato che si lasciava fare di tutto pure lui, e che non poteva certo pensare agli altri.

Così tutti quelli che avevano qualcosa di dire si sfogavano anche loro facendo delle malefatte.

La donna a sentire queste cose, già che aveva tempo, per consolarsi in una qualche maniera, si è messa in testa di andare ugualmente a raccontargli la sua storia al Re.

È andata da lui e mentre piangeva gli ha esposto:

<O signore, io non sono venuta qui perché spero che prenda a cuore la mia vicenda e si vendichi per quello che mi hanno fatto, ma lo prego almeno di dirmi come fa lei ad accettare tutti i soprusi, di cui ho sentito parlare, che fanno pure a lei.

Così mi terrò anch'io in corpo, con tanta pazienza, quanto mi hanno fatto; lo sa il Signore se sono contenta di fargli un regalo a lui, supposto che lo accetti.>

Il Re, che era sempre stato inconcludente e pigro, si è come svegliato da suo sopore, e a buon conto ha cominciato a condannare chi aveva fatto del male alla donna e poi è diventato cattivo contro tutti quelli che gli mancavano di rispetto.