Òl Brunìi di Cup


Ol zio Bruno, ca l’era in om de bùu cöor, ai ghe diseva al Brunii di Cup , cal stava ca iló a curàa la ròba, coma i fava taac, pronc’ a scorentaa a i rèdes ca i pruava magari a töo gió en pir marüt dal sò pirer.

Lüu l’era contèet da daghen a ca i òtri de la sua ròba sènsa pretent nient. Chel pòoch ca'l podeva, se sa.

L’era en “barba” cioè al s’era ca sposàat, ma l’era ‘n om de compagnia e al ghè piaseva grignàa e schersàa.

Par chi che pasava da ca sua, al ghera sempre en calès de vii da bìif e na quai matòcada da cünta sü; e sa iera róbi seri chili ca 'l diseva, al ghè fava sü istess 'na quai cucola schersosa.

Ónsi de sapiènza e, ‘nsema, de lengérèeza sfazada, ca la vita la pesa già abòt…

Lo zio Bruno, che era un uomo di cuore,   gli diceva al sign. Brunii di Cup, , che non stava li a curare il raccolto come facevano tanti , pronti a far scappare i bambini che magari provavano a cogliere una pera matura dal suo pero.  Lui era contento di poter dare qualcosa anche agli altri senza pretese.   Si sà, quel poco che poteva.
Era un uomo non sposato, era un uomo di compagnia e gli piaceva ridere e scherzare.
Per quelli che passavavano da casa sua  c'era sempre un calice di vino da bere e una qualche storiella scherzosa da raccontare ; e se raccontava cose serie trovava comunque un qualche commento scherzoso.
Once di sapienza insieme a un po' leggera che la vita è già a sufficinza pesante di suo.