Òl gelindo

di Vittorio Crapella - 03-02-2021


Quanca ol Gelindo, itè a Zapèl, al quistiunava cola Rusina, 'n bòt lóo sentüu dìi: "'ndóo a fàn üna"; al töl sù el và...

Mi, aa se seri amò piscèn, quasi me seri 'n pìt preocupàat parché pensavi adès chèsto lè bùu de 'ndàm a tràs giò 'ndèl Saltöc ('n brùt pòst, 'n brich sótà i prac' de Zapèl).

La direziù l'era chèla ma ruàat 'n dua al cumincia i prac' al travèrsa ià e al và itè 'ndèla córt dèla Miglia di Chèca.

Ò tiràat sù ol fiàat; al ghéva de fàn üna, forsi a dói ma almanch l'era ca chèl ca pensavi mi.

al ghè nè amò

Quando Gelindo, sul maggengo Zappello, questionava con la signora Rosina, una volta l'ho sentito dire: "Vado a farne una"; e poi si allontana.

Io, anche se ero ancora piccolo, quasi mi ero un poco preoccupato perché pensavo, adesso questo è capace di andare a buttarsi dal precipizio chiamato Saltoggio (un brutto posto, un burrone appena sotto i prati di Zappello).

La direzione era quella ma arrivato in cima ai prati cambia direzione e dopo poco entra nel gabinetto della signora Emilia.

Ho tirato un sospiro di sollievo; doveva farne una, magari anche due ma almeno non era quello che pensavo io.