Palaz de Roma


A Roma i a fàc' sü en palaz de cinch piaa. Ol di prüma de l’inauguraziù a i se nencurgiüt ca 'l mancava i gabinec’ e giometri e architec’ ai seva ca pü cosa fa. En opreari al ga dic’:

- Mi gàris 'n’idea

- parla ca ‘n te scolta

- al pian taré mi metaris i contadii, lóor ai va ‘ndi cáap a fàa i sò besógn

- al prüm piaa me mèt i democristiaa, lor i è vinti agn ca i è al Gabinet ma i a càac fac’ nient

- al segond piaa me met i comunisti, l’è vint agn ca i vol ‘ndàa al Gabinet ma i tegn düur

- al ters piaa me mèt i americaa, lóor ai fù tüt en scatola

- a l’ultem piaa i republicàa, i è quatro gac’ ai po 'ndàa sü 'ndel tec a fala.

A Roma hanno costruito un palazzo di cinque piani. Il giorno prima dell'inaugurazione si sono accorti che mancavano i servizi igenici e i geometri e architetti non sapevano più cosa fare. Un operaio gli ha detto:

"io avrei una idea"

"parla che ti ascoltiamo"

"al piano terra mettrei i contadini, loro vanno al gabinetto nei campi;

al primo piano mettiamo i democristiani, è ventanni che vogliono andare al Gabinetto ma non hanno fatto nulla;

al secondo piano mettiamo i comunisti, è ventanni che vogliono andare al Gabinetto ma tengono duro;

al terzo piano mettiamo gli americani, loro fanno tutto in scatola;

all'ultimo piano mettiamo i repubblicani, sono quatro gatti e possono farla sul tetto."