Persech da pelàa


'N contadii l’era rognáat par 'n termen col sò visii de cà. Tüc’ dùu i a mès sota‘ n aocat.

'N dì l’a pensáat da portàch 'n cavagnöl de pèrsèch e l’a truat 'l aocat sentáat giò 'n de'n taulii de ‘n osteria 'nsèma l’aocat del so nemis.

L’aocat l’a töc’ sü dal cavagnöl dùu pèrsèch e üu ‘l ghe la ‘nvidáat al sò colega:

"üu a ti e üu a mi…."

Ol contadii l’a capit l’antifona e l’è 'ndàc' a fa pàas col sò visii.

<< Sciocchi e ostinati fanno ricchi gli avvocati >>

Un contadino aveva litigato per un termine di un confine con il suo vicino di casa.  Tutti e due hanno incaricato un avvocato.

Un giorno ha pensato di portargli un cesto di pesche e ha trovato l'avvocato seduto in un tavolino di un'osteria assieme all'avvocato del suo nemico.

L'avvocato ha preso dal cesto due pesche dandone una al suo collega.

"Una a me e una a te..."

Il contadino ha capito l'antifona ed è andato a fare pace col suo vicino.

<< Sciocchi e ostinati fanno ricchi gli avvocati >>