Curiera
Corriera

òtri

Curiera che 'n ghéva en bòt = corriera che avevamo una volta

anni '50 /60 del secolo scorso

Regòrdi chè la se fermàva defó dela scṍla dól Tursciù par speciàa li maèstri chè li dóeva ´ndàa-sǜ par tornàa a Sóndri e 'na òlta, ´ndel fratèp a mótór smorsáat, ´n gheva ciapáat acqua dala viśìna fóntàna, mèsa a fiànch dela stràda, e öidada ´ndel tǜbo de scarèch dela curiera; apèna guidadór là inviáat ´l mótóor chi ca l'era restáat iló deréet 'l se truáat sbrofáat da´n schìz de àcqua bèla nìgra.

Ricordo che si fermava fuori la scuola elementare del Torchione in attesa delle maestre che dovevano salire per tornare a Sondrio e una volta, nel frattempo, a motore spento, avevamo preso dell'acqua dalla vicinissima fontana, situata a lato della strada, e versata nel tubo di scappamento della corriera. Appena l'autista avviò il motore chi era rimasto li dietro si trovò spruzzato da un getto di acqua bella nera.