Laresù
Larice grosso

vegetai

grosso larice molto datato situato "al bosc del lac"

andach a tòren al fà 7.4 metri müsurat al pedagn ol 4-8-2019 da Marco Carassali

al Meriggio dipinto con lares

 

bosco di larici

 

Òl larès

Nel territorio montano di Albosaggia sopra i 1000 metri ci sono tanti boschi di larici; essi crescono grandi e attecchiscono anche su pendii ripidi e dirupi, le radici aggrappate ai sassi; come fanno a stare in piedi, è un mistero

Su 'ndela montagna de Albosagia al ghè sù taac’ bósch de larès; lóor ai vée sù aa sù par li péndégi e sù ‘ndi catapiz, con li radìis tacadi ai sàss, còma ai faaghes a stàa mpée s’ol sa ca.

Spesso camminando nei boschi in primavera, dopo la neve invernale e dopo periodi di maltempo, si trovano molti larici sradicati e caduti, a ostruire il sentiero; sono alberi grandi ma delicati i larici

Tati ólti de prümavéra te gla fé ca a pasàa réet al séntér, dai larès crodac’ gió sota la niif ü trac’ gió dai stratèp, li radiis a l’aria; ì è pianti grandi ma delicadi i larès.

Ma ce n’è uno speciale che vive ancora forte, altissimo, dopo tanto tempo. Io lo ricordo ancora uguale, oggi come la prima volta che l’ho visto, più di 50 anni fa. Il suo tronco è enorme, ci vogliono diverse persone per abbracciarlo; la sua età va misurata non in anni, ma in secoli. Il grande larice del bosco del lago.

Ma al ghe ne ü straurdinari, ca l’è amó vif, fort è grant dopo taat téep. Mi m’ol regordi compagn adès coma la prüma olta ca l’ó idüt è l’è pasáat püsé de 50 agn. Òl só pèdagn l’è iscé gròos ca l ghé ól quatro u cinch personi par brascial scià.

L’è ol larèsù del bósch dal lach.

19-11-2018 di Anna Gherardi