Penàc'
Zangola

arnes

prüma del penàc' da fàa giràa gh'èra chèsto chilò sùra da fàa andàa sù e giò = prima della zangola rotativa c'era questo qui sopra da muovere su e giù

 

penàc' par fàa l' bütéer, se öida giò la pana, se sera bèe 'l üs-ciöl e se fàa giràa con la manèta de fèr = zangola per fare il burro, si versa al suo interno la panna poi si chiude con l'apposito tappo a vite e si fa ruotare con la maniglia di ferro.

La panna sbattendo al suo interno dopo una mezzora circa si divide in burro e latte chiamato lac' pen.

 

Sbroiàa gió en del penàc': si versava 5 o 6 litri di acqua bollente poi si chiudeva il buco e si faceva girare un momento per lavare l'interno del penàc' dai residui del làc’ del bütéer detto anche làc’ pèn.

Aneddoto:

Un signore quando faceva il burro e lo estraeva dal penàc' ne lasciava un poco di nascosto dalla moglie un po' avara per usarlo come condimento aggiuntivo o nel riso o nella minestra.

Ma una volta, la moglie ignara di quanto nascondesse il marito, pensò bene di procedere alla pulizia e la Sbroiàt gió endel penac.

Il burro nascosto dal marito ovviamente si sciolse con l'acqua bollente.