Ol fùlèt

di Vittorio Crapella 07-10-2022


Li mai vìst ol fulèt? 

Mi l'ò idǜut 'l fulèt, 'n sera 'ndèl bósch a taiàa légna mi 'l Toni di Ciapèla  e 'l poor Mènec di Strecia.  
L'era scià sìra e 'n sera réet a tornàa a baita, quànca 'l Mènec 'l se mèt a grignàa: 
"Ehi, chée ca´l ghè fòiló?"                                                      
Me varda e 'n vìt aprṍöf àla stràda, 'ncrusciulù sùra 'n sàs 'n umìi pìscen, n'eserìi tǜt rós con scià 'n matùchìi de pèza àa chèl tǜt rós.                                                          
Al me vardava e'l grignàva, pò 'l se mès a cór trà li piànti, 'n póo 'ndàva e 'n póo 'l tornàva, l'era śvèlt cóma 'n somèlegh.
Dòpo quai atèm l'è 'ndàc' ià dol tǜt.
Ol diréet 'n sè 'ndàc' a cüntagla al preòst ca lè ignüut a binidìi ol pòst.

Non l'avete mai visto il folletto?

Io l'ho visto il folletto. Eravamo nel bosco a tagliare legna, io, il Antonio di Ciapela ed il povero Mènec di Strecia.

Era sera e stavamo tornando alla baracca, quando il Mènec si mette a ridere: "Ehi, che cosa c'è laggiù?".

Noi guardiamo e vediamo, accanto alla strada, accovacciato sopra un sasso, un omuncolo, piccolo, un esserino tutto rosso, con un pagliaccetto pure tutto rosso. 
Ci guardava e rideva, poi si è messo a correre tra le piante, un po' andava ed un po' tornava, era veloce come un lampo.

Dopo qualche attimo è scomparso del tutto. 
Il giorno seguente siamo andati a riferirlo al parroco che è venuto a benedire il posto.