Strii
Streghe

òtri

Magada <-- link con testo e audio

Giuseppe Napoleone Besta la descrive così: “Molti, anche non da tanti anni, giuravano aver veduto la Maga della Valle, in pieno giorno, piccina piccina, brutta e vecchia come l’orco, con un sol occhio in mezzo alla fronte, la quale, stando inginocchiata sulle sponde del torrente, sciacquava le budella dei bambini che aveva rapito dalle culle delle villane in campagna, e man mano che nettava quelle intestina, le inghiottiva d’un fiato.

_________________________________

Dona dol giöch <-- link con testo e audio

_________________________________

La Pèlaröla  di Elisa Periti            ascolta la registrtazione di Anna Gherardi

Fó ndi Strepaz al ghera na femna ca la filava la lana tüc’ i dì pó aa densira. ala lüüs de la lum. La laorava a filaa par tuti li famigli del Tuesciù.

Ina sira tardi l’era amó reet a filaa quand ca l’è ruuat ‘na vegiatina ca la s’è mesa reet a vaidala, tuuta sirvizeòla. La poora femna l’a s’è ca nencurgiuda ca l’era la Pelaröla. Entaat la vegia la dis su vargot ca ‘s capis ca, sóta óos e la lana la se fila gió ‘ndin emeus. La femna, tuta contéta la va de corsa a töö dotra lana su n camera.

Ol so om, ca l’è amó sveglio, quant ca la femna la ghe dis chel ca l’è reet a faa nsema a chela vegiàta iscé brava, al capis chi ca l’è: la Pelaröla ca la maia la pel de la geet.

Ilüra al piaca la femna sota ol lec’,al stanga la porta è la fanestra e ‘l specia ca la stria la se sfüfes da speciaa.

Dopo ina buna urascia ai seet ca la va defó e ca la ósa: Ba!, quaat ca ó penàat par vìch la tua pèl e chèl pòrch al t'à salvàat.

 

"Nella contrada Barbagli viveva una donna che passava le giornate filando la lana fino a tarda sera, per tutte le famiglie del Torchione. Una sera mentre stava ancora filando al lume di candela, una vecchietta bussò alla porta e le offri il suo aiuto per filare la lana. La buona donna accettò con piacere, non si era accorta purtroppo che si trattava della terribile Pèlaröla.

Questa pronunciò sotto voce, per non farsi sentire alcune parole magiche, poi fece alcuni gesti rapidi e in quattro e quattrotto la lana finì. Allora la buona donna tutta contenta andò in camera da letto a prenderne dell'altra. Il marito che era già coricato vedendola ancora alzata le chiese cosa stesse facendo.

La buona donna rispose che prendeva altra lana perché una buona vecchina era venuta ad aiutarla. Il marito capì subito che la buona vecchina altro non era che la Pelarola, che si nutriva di pelle umana. 

L'uomo impaurito, nascose sua moglie sotto il letto chiuse a chiave la porta sprangò la finestra e attesero che la Pèlaröla stanca di aspettare se ne andasse.

Dopo una lunga attesa la sentirono allontanarsi urlando: Ba!, quant ca ó penàat par vìch la tua pèl e chèl pòrch al t'à salvàat (Ah! quanto ho penato per avere la tua pelle e quel porco ti ha salvata)."

________________________________

Ol bèch         ascolta la registrazione  di Anna Gherardi

Li Piani dol Bech i è ité par i bosch sura Mantegù.

Ai diss ca su nde chili piani al ghe stava en diaoleri, al pareva en bosc’ ma pusé grant e groos da faa pura e l’era catiif, al ciapava li besti ,ma aa la geet e i è maiava.

Pusé d’ina olta i óm dol paés,i eva cercaat da cupal, ma tuti li olti ca i partiva par ‘ndaa a ciapal al tornava ca pü ‘nreet nügüü.I spariva!

Nügüü ai go l’a mai facia a ciapal. Dopo, en bel dì, ai l’a pó truaat mort….da la vegiadaa.

 

 Le Piani del Bèch (la traduzione italiana è Pianure del Caprone) sono delle pianure situate nei boschi soprastanti il maggengo Mantegone, situato a 1000m slm nel comune di Albosaggia.

La storia del Bèch (storia del caprone) è una leggenda nota agli albosaggesi tanto quanto la leggenda della Magada.

In base ai racconti, in queste pianure viveva un gigantesco e pericoloso caprone (il Bèch, appunto) che minacciava i viandanti, i pastori e i loro animali.

Pare che più di una volta gli uomini del paese si fossero coalizzati per uccidere il pericoloso animale, ma ogni volta che una spedizione partiva per la caccia, nessuno faceva più ritorno. 

Infine, semplicemente, il caprone fu trovato morto presumibilmente di vecchiaia.

________________________________

Ol rèdès sül pirèer e la stria   <-- link

__________________

Li puri     <-- link

________________________________

Storia véra

Ma non esistono solo miti e leggende. Nella storia c'è stato anche il tempo delle streghe, quando persone dai comportamenti originali o non convenzionali venivano condannate, in certi casi addirittura al rogo.

Nel 1634 in Albosaggia una certa Margherita di Albosaggia venne incolpata di essere una strega