Al tèep deli strìi 1634

Al tempo delle streghe 1634 (libera interpretazione di Vittorio Crapella - 12-09-2018)


Voce di Anna Gherardi

LA MARGHERITA DE ALBOSAGIA  

A òlti 'n se lamenta ma a pensàch a chili che ià paśàt 'n bòt gh'è de vès contec' de cóma 'n sè adès.

A nòma chèla póora Margherita del 'Bosagia 'ndel 1634 la ca visüt tàat bée.

I l'eva mèsa dité 'n presù a Sondri e, 'n chèl àn, 'n del mìis de lüi, la s'è malàda, iscè ól dótòr Lavizar dopo vila visitàda l'à dic' che l'era pó ca tàat malada ma ól pericól püsée grànt l'era quànca l'arés duüt mèt al mònt, vèrs la fìi de aóst, ól rèdes che la speciàva.

'N chi àgn ilò l'era ól tèep deli inquisiziù, i vedeva strìi da parégi pàart, e àa la Margherita 'nséma a òtri trei fémni ià ciapàdi e mési dité.

L'inquisitór F. Rangone, vignüt da Piacenza, al gh'arès fàc' ól procès apèna la s'arès guarida.

La malatia dela Margherita l'era püsée 'n del sentimèet ca gnàa 'n del fisèc; l'era 'n bél póo 'nsürìda per vì pèrs ól sò morós Giacom. I ghè dava la cólpa da vès 'na strìa e lüu l'era mòrt parchè lée la gheva fàc' 'n incantésem e dàc' 'n màa al diàol. L'era belebèe 'n solènch per truàs iscè 'n malùra e savìi àa ca la sarés mòrta 'ntàat ca ól sò rèdes al sarìss naüut.

Ma ndel stès tèep la se consolàva a pensàa a la mòrt iscè da pudìi 'ndàa a truàa ól sò Giacom.

Dòpo 'n póo la pareva guarida e iscè l'inquisitór 'l le ciàma a respónt a li sóoi domandi.

Al ghe domanda se l'è véra che 'nsèma a li òtri strìi sü al Stelvi la balàva col diàol e sa la gheva dàc' l'anima e àa ól corp a lüü.

Lée la gh'à dic': "Scior, mi sóo 'ndàcia fò da 'l Bòsàgia nòma quànca vegnevi a Sondri par vènt i ööf, ghislù o quài verdüri del nòś òrt; parchè me parlìi del Stelvi? che sò ca gnàa 'ndùa 'l se trùa. Me fóo maravèia a sintìi parlàa de strìi e de diàol che mi sóo ca nient, mi sóo sèmpre stàcia 'na brava s-ciàta con tàata südiziù e se me credìi ca domandich al me preòst Ranghieri."

A chìsti paroli ól Rangone coli sóo idéi 'l dis: "òtri strìi a vòs dic' sii sèmpre li püsée cristiani e püsée püri de tüc'; vulìi mai cüntàa sü chel cha l'è véra. Ilura l'è ca véra gnàa ca ghi dàc' giò pólverini e fàc' murìi ól vòs morós che 'l völeva spósàt ....".

La Margherita, ca prüma l'eva respondüut cola calma, la se mèsa réet a ósàa:

" Pös ca sintili chisti ròbi, coma arès pudüt fà murìi chel ca gh'evi de püsée càar a stò mònt e aa lüü 'l me öleva bée e a 'st'ùra al m'arìss già maridàda ?

Mi fàa murìi ól pà del rèdes che gh'ò adòs ? Mi sóo ca cóma se fà a di sü certi ròbi.

Ól me Giacom l'è mòrt parchè 'l gheva itè 'n cràpa vargòt de brüt, 'l me diseva che a òlti 'l senteva itè cóma la bràsa 'n del scèrvel".

Con tüti chisti ròbi che l'à dic' i'arès duüt credèch, 'nscàmbi i gh'à dic': "Adès te tornèt dité 'n presù ma debòt 'n te ciàma amò e se te cüntèt ca sü la verità me dupererà i strümènc' par tormèntat."

'L pàsa pòoch dì e i ghe fà dapé li stesi domandi e la Margherita la cùntinua a dìi che le ca véra, 'ntàt la rèclama.

Iscè cóma i gh'eva prometüt, i l'è porta 'n del lócal dei tormènc'; i'era ilò per ligàla quànca ól nótar, üu de chi ca 'l gheva amò 'n póo de cör, quanca l'à idüut la Margherita smòrta, sbatüda e col vètro iscé groos, ai è ferma tüc', " prüma ma de sintìi ól dótòr e àa la comàara."

Ól parér del dótòr Lavizar al podeva ca vès tàat bél, iscè l'è stàc'; l'à dic' ca l'era própi snervàda e ca da iló a pòoch al s'ariss pó nàsüt ól ridisìi.

La sira del 25 aóst la Margherita la sdólóràva e ormai l'era püsèe de ià che de scià, la comàara la capìit che gh'era pü negòt da fàa.

Iscè ià ciamàt a ól canònèch; la Margherita la gh'eva amò la fòrsa de dìi li ültimi paròli, "mi ò ca fàc' niènt de màal, gh'ò nòma vulüt bée al me Giacom e i völ ca credem...".

A la fìi, 'l 26 dendómàa a bunùra, ol rèdes l'è póo nasüt mòrt e a lée sübet dòpo l'à tirat l'ültèm suspir.

(libera interpretazione di Vittorio C. - 12-09-2018)

LA MARGERITA DI ALBOSAGGIA 1634

A volte ci si lamenta ma a pensare a quelle che hanno passato un tempo bisogna essere contenti di come siamo adesso.

Anche solo quella povera Margherita di Albosaggia nel 1634 non ha vissuto tanto bene.

L'avevano messa in prigione a Sondrio, in quell'anno, nel mese di luglio, si era ammalata, così il dottore Lavizzari dopo averla visitata, ha detto che non era poi tanto ammalata ma il pericolo maggiore era quando avrebbe partorito, verso fine agosto, il figlio che portava in grembo.

In quegli anni era il tempo delle inquisizioni, vedevano streghe da molte parti, e anche la Margherita insieme ad altre tre donne furono prese e messe in galera.

L'inquisitore F. Rangore, venuto da Piacenza, l'avrebbe processata appena guarita.

La malattia di Margherita era più a livello dei sentimenti che fisico; era parecchio dispiaciuta per aver perso il suo fidanzato Giacomo.

La incolpavano di essere una strega e lui morto perché lei gli aveva fatto un incantesimo e consegnato nelle mani del diavolo.

Era molto triste per trovarsi così in malora e sapere anche che sarebbe morta durante il parto.

Ma nello stesso tempo si consolava a pensare alla morte così da poter andare a ritrovare il suo Giacomo.

Dopo un po' pareva fosse guarita e così l'inquisitore la chiama a rispondere alle sue domande.

Gli chiese se fosse vero che assieme alle altre streghe su allo Stelvio ballava con il diavolo e se gli avesse dato l'anima e il corpo a lui.

Lei gli ha rispose: "Signore, io sono uscita da Albosaggia solo quando venivo a Sondrio a vendere uova, mirtilli e qualche verdura del nostro orto; perché mi parlate di Tonale ? che non so nemmeno dove si trova.

Mi meraviglio a sentire parlare di streghe e di diavoli che io non so nulla, sono sempre stata una brava ragazza timorosa e se non mi credete domandate al mio prevosto Ranghieri."

A queste parole il Ranghieri con le sue idee gli disse: "Voi streghe a vostro dire siete sempre le più cristiane e le più pure di tutti; volete mai raccontare la verità. Allora non è vero nemmeno che gli avete dato polverine e portato alla morte il vostro fidanzato che voleva sposarvi.."

La Margherita, che aveva taciuto fino allora, urlò:

"Non posso ascoltare queste cose, come avrei potuto far morire quello che avevo di più caro a questo mondo e anche lui mi voleva bene e mi avrebbe a quest'ora già maritata ?

Io far morire il padre del bimbo che ho in grembo? Non so come si possono dire certe cose.

Il mio Giacomo è morto perché aveva nella testa qualcosa di brutto, mi diceva a volte che sentiva come la brace dentro il cervello".

Con tutte queste cose che ha raccontato avrebbero dovuto credergli, invece gli dicono:

"Adesso torni in carcere ma presto ti chiamiamo ancora e se non racconti come è andata adopereremo gli strumenti di tortura."

Passano pochi giorni e ancora vogliono sapere quello che Margherita continua a negare e intanto reclamava.

Così come gli avevano promesso, la portano nel locale delle torture; stavano per legarla quando il notaio, uno di quelli che ancora aveva un po' di cuore, ha visto Margherita smorta, pallida e col ventre grosso così fermò tutti, "prima dobbiamo sentire il dottore e anche la levatrice".

Il parere del medico Lavizzari non poteva essere tanto bello, così è stato; ha detto che era proprio sfinita e che a poco sarebbe poi nato anche il suo bimbo.

La sera del 25 di agosto la Margherita ebbe le doglie e ormai era più morta che viva, la levatrice ha capito che non c'era più nulla da fare.

Così chiamò il canonico, la Margherita aveva ancora la forza di dire le ultime parole, "io non ho fatto nulla di male, ho solo voluto bene al mio Giacomo e non vogliono credermi.."

Alla fine, il 26 di mattino presto, è nato morto e anche lei poco dopo spirò.