Bośàgia Végia

di Paolo Piani 30-04-2021


Bośàgia Végia

Bośàgia, al tèep di fée

de brava géet l’era piée,

coma d’estàat èn furmighèer:

i óm con la fòlsc’ e ‘l codèer

 

su par li rivi già a bunùra a segàa,

e li fémmi ca li portava da disnàa,

e pó a tra-fó li ‘ndani li se fermava,

e dopomesdì se muntunava …

… parchè l’era iscé ca se usava!

 

La domàa dòpo se trava-fó i muntuscìi,

òl Nicèto con la Curubina, la Dilèta con l’Angilìi,

quant ca òl pràat l’era süc’ da la rośàda,

òl Tillio con la Restéa, òl Basilio con la Àda …

… l’era própi viva la cuntràda!

 

Dopo marènda òl fée s’èl voltava,

iscè ca da tuti li part bée ‘l secava,

e quanda sül tardi l’era sèch da mac’,

üu a la òlta se partiva còi campàc’ …

…òl Bèrto, la Marièta, la Ida e ‘l Pietro di Freràc’!

 

Deréet a li cà, i pràac’ i è ‘mpée,

se fava la gróva par portàa gió ‘l fée:

ecco le piena, curìi ca l’è ùra …

… e tüc’ i rèdes i ghe salta sü sùra!

 

Òl fée ‘ndèla masù ‘l vava spandùut:

òl Valdo di March, te le cunusùut?

Con la Silvia, la Brüna e ‘l Bóndi,

de gran fadighi i n’à fac’ a óndi!

 

Anca òl Bepo e la Emma di Brüna

i confondeva ol sùul con la lüna:

ensèma a la Dina, òl Sergio e l’Antònia,

sempre a fàa mestéer sensa parsimònia!

 

Chèl da laoràa come bésti, l’éra destìno:

òl Renso con l’Enrica, la Sandra còl Pepìno,

i à fac’ de li gran fadighi e di gran strüsc’:

finìit réet a fée, i cuminciava a fàa patüsc’!

 

Parché quasi tüc’ ‘na vaca i tegnéva,

òl Nilo e la Dirce aretüra òl lac’ i vendéva;

e li fémmi iera li pusé bravi a cagiàa,

li fava fòrmai bùu e tèndro da maiàa …

… porteghèn èn tochèl al Fónsi da sagiàa!

 

Dàghen èn tochèl a ca ‘l Gioanìi,

come ‘l Batista, tanto bunàsc’,

e al póor Giubèrt di Pelusìi,

ca ‘l me tegneva sóta ‘n bràsc’!

 

La muìgeva la vaca con la sadèla

anca la Lina di nòs Ciapèla,

e la culava òl lac’ col culìi,

ensema al Lino di Paulìi,

 

‘ntàat ca la Livisa la pizzava òl flugglàa

par viàa su vargót da maiàa,

e doposcièna al ghè piaseva cuntàla

con la mia mama ca l‘andava a truàla:

sempri su stóri de pùra la vava a finìi

…e iscè de nòc’ mi stentavi a durmìi!

 

Fra li tati persóni ca ma ulüut bée,

chìsti de sücür pós ca lagàa ‘ndrée:

la mia zia Enia con la Pierina,

òl zio Franco e la zia Pina,

ca sèmpre i vegneva a vaidàa

par ògni mestéer ca ghéra da fàa!

 

Adès li rivi dèl Bośàgia Végia li ghé na ca pü de pràac’ gnè de tèrmen: tüt l’è ‘ndàc’ a bósch!

Se sènt ca pü  martelàa li fòlsc’, gnè mulàli con la préda; se vit ca pü gèet che rampa coma càori sü par li rivi còi campàc’, se sènt ca pü  la mùseca de mila óos che se cór réet ‘… nòma òl rümóor di tratóor, granc’ e poténc’ coma chi ca se dupèra èn Pianüra Padana!

Iè rèstàac nòma i pràac ‘ndèl piàa, i ünech ca se pó segàa sensa fadica!

Al ghéva resù òl Luigi de la Eva: i è viàac’ scià scàrs i mac’ al Bośàgia!!!

'l ghè nè amò

Albosaggia Vecchia

Albosaggia, al tempo della fienagione

era piena di brava gente,

come un formicaio d'estate:

gli uomini con la falce e la cote

 

su per per i pendii già a falciare a  buonora

e le donne che portavano il desinare,

si intrattenevano a sparpagliare  l'erba,

e al pomeriggio si ammucchiava il fieno ...

... perché l'usanza era  così !

 

Il giorno dopo si tornava a spandere il fieno dei mucchietti

il Aniceto assieme alla Cherubina, la Diletta con Angelo,

quando il prato era asciutto dalla rugiada,

Attilio con Restea, Basilio con Ada ....

... la contrada era proprio viva !

 

Dopo il pranzo il fieno veniva rivoltato,

così da poter essiccare bene tutte le parti,

e quando sul tari era (secco da matti), ben secco,

uno alla volta si partiva con il campàc' (grossa gerla) ...

... Alberto, Marta, Ida e il Pietro di Freràc'!

 

Dietro le baite, i prati sono ripidi,

si tirava giù il fieno sistemato su dei rami di pino (gróva):

ecco è piena correte che è ora ....

... e tutti i ragazzini gli saltavano sopra !

 

Il fieno nella baita andava sparso, un mucchio a quadro:

Valdo di March, l'hai conosciuto ?

Con Silvia, Bruna e Abbondio,

di grandi fatiche ne hanno fatte molte!

 

Anche Bepo e Emma di Brüna

confondevano il sole con la luna:

assieme a Dina, Sergio e Antonia,

sempre a lavorare senza parsimonia!

 

Quello di lavorare come bestie, era il destino:

Remo con Enrica, Sandra con Peppino,

hanno lavorato e faticato molto:

finito la fienagione, cominciavano a raccogliere lo strame
(patüsc')!

 

Perché quasi tutti tenevano una mucca,

Nilo e Dirce addirittura il latte vendevano:

e le donne erano le più brave a fare il formaggio,

facevano del buon e tenero formaggio da mangiare ...

... portategliene un pezzo ad Alfonso da assaggiare!

 

Dategliene un pezzo anche a Giovanni,

come il Battista, tanto buoni,

ed anche Gioberto dei Pelusii,

che mi prendeva a braccetto!

 

Mungeva la mucca con la secchia

anche Lina di Ciapèla,

e filtrava il latte con con il colino,

assieme a Lino di Paulii,

 

intanto che la Luisa accendeva il fuoco nel focolare

per preparare qualcosa da mangiare,

e dopo cena gli piaceva contarla

con la mia mamma che andava a trovarla:

sempre sulle storie paurose andava a finire

... e così di notte facevo fatica a dormire!

 

Fra le tante persone che mi hanno voluto bene,

queste di sicuro non posso dimenticarle:

mia zia Enia con Pierina,

lo zio Franco e Pina,

che sempre ci aiutavano 

nei lavori che dovevamo fare!

 

Adeso i pendii di Albosaggia Vecchia non hanno più prati
e nemmeno i ceppi dei confini: tutto è diventato bosco!
Non si sente più pestare il martello per fare il filo alla falce, nemmeno affilarle con la cote; non si vede più gente che si arrampicano come capre su per i pendii con la gerla, non si sente più la musica delle mille voci che si rincorrevano... solo rumore di trattori, grandi e potenti come quelli che si usano in pianura Padan!

Sono rimasti solo i prati in piano, gli unici che si possono falciare senza fatica!

Aveva ragione il Luigi della Eva: "cominciano a scarseggiare i matti in Albosaggia!!!"