'L Catamarù


di Paolo Piani 

voce di Anna Gherardi

'L Catamarù.

Un uomo ? Un mito!

 

L’Albosagia l’è 'n gran paés

bèl, duls e ben distées:

de front a Sondri al se sdraiàat

coma ‘na s’cèta col so ‘nnamoràat 1)

 

Tüt vért la gha ol scosàal 2)

con tati scarséli, ognüna 'n regàal:

sciaresi a Macc, fonch in estàat, 3)

marù in Otore me na mai salvàat, 4)

 

e amò: acqua buna en quantità

che tò la siit sensa disparità

a chi iè posàac’, e a chi iè strach, 5)

ai sciori, ai póréc’, ai caori e ai vachi.

 

De prümavera ol prüfüm di rübii 6)

al fa ignìi oia de dàa basii

a tüc’ chi ca i pasa par i nòs sentéer

sia per buu tèep che per mestéer.

 

Ma l’è quanca ‘ l fiuris i malacrii 7)

ca de totolas se urìs mai finii: 8)

la pasiù la te ciapa, ol müs’c’ al fa da lec’, 9)

a scisciolàa ‘n de li oregi al vée i brösöi dal frec’ ! 10)

 

Ah che Paradìis ‘sto Paés:

par fan n’otro iscè al ghèn völ dées!

Tüt chèl c’ó dic’ al basta e avanza

a dach a notro post gran rinomanza!

 

Ma a nùu no,

a nùu no,

a nùu no,

a nùu propi no!!!

 

L’è ca chèla la quistiù ca 'nse famóos

e i óm di otri Paés iè iscè gelóos!

Franco ‘l so nóm, dèt Catamarù,

n’óm pericolóos coma sèt calaurù! 11)

 

Tüc’ ai maligna par ol sò difèt,

ca'l sarìs , parlando con rispèt,

ca ‘n mèz ai do gambi, chili veri,

al ghè n’eva n’otra come 'n palferi! 12)

 

Li fémmi dèl paés, caminando rasènt al müur,

li fava de tüt par 'ncuntral al scür:

chèl cà ‘l sücedeva en de chi moménc’,

se pó noma pènsal dai sguisöi e laménc’! 13)

 

Apèna cà ‘l Catamarù l’è spiràat,

i óm dèl paés ià trac’ sül fiàat:

ogni fèmma l’è tornada al so fugglàa, 14)

àa sa ogni tàat se sènt a susrpiràa!

 

Par tramandàa ai gióegn ‘sto avenimènt,

dèl nòs Catamarù al rèsta ol munümènt,

ca al fa bèla mostra en de la piazza principal;

‘na roba semplice: sòta doi züchi e sura en pal! 15)

Paolo Piani

NOTE

1) s’ceta- sc si pronuncia come in scatola: ragazza

2) scosàal: grembiule

3) fonc: funghi

4) marù: castagne della qualità “marroni”

5) posàac’: riposati

6) rubii: robinie, acacia

7) malacrii: rododendri

8) totolas: farsi le coccole

9) müs’c – s’c si pronuncia come in scatola: muschio

10) a scisciolàa ‘n de li oregi al vée i brosóöi dal frec’! – sussurrare parole dolci all’orecchio, fa venire i brividi di piacere!

11) calaurù: calabroni (un detto popolare recita che se ti pungono sette calabroni, muori)

12) palferi-lungo, grosso e pesante attrezzo in ferro, che serve per fare i buchi nella vigna, onde mettere i pali di sostegno della vite.

13) sguisöi e laménc’ – gridolini e sospiri di piacere

14) fugglàa: focolare

15) züchi: zucche

IL FRANCO

Un uomo ? Un mito!

 

Albosaggia è un gran paese

bello, dolce e ben disteso:

di fronte a Sondrio si è sdraiato

come una ragazza con il suo innamorato.

 

Tutto aperto ha il grembiule

con tante tasche, ognuna con un regalo:

ciliege a maggio, funghi in estate,

marroni in ottobre non ne abbiamo mai salvati,

 

e ancora: acqua buona in quantità

che toglie la sete senza diseguaglianze

a chi è riposato, a chi è stanco,

ai signori, ai poveri, alle capre e alle mucche.

 

Di primavera il profumo delle robinie

fa venir voglia di dare baci

a tutti quelli che passano per i nostri sentieri

sia per passeggiate che per lavoro.

 

Ma è quando fiorisce i rododendri

che di coccolarsi non si vorrebbe mai finire:

la passione ti prende, il muschio che fa da letto,

sussurrare nelle orecchie vengono i brividi dal freddo !

 

Ah che paradiso questo paese:

per farne uno così ce ne vogliono dieci !

Tutto quello che ho detto basta e avanza

a dare ad un altro posto notorietà !

 

Ma a noi no,

a noi no,

a noi no,

a noi proprio no !!!

 

Non è quella la questione per cui siamo famosi

e gli uomini degli altri paesi sono così gelosi !

Franco è il suono nome, chiamato Catamarù,

nome pericoloso come sette calabroni !

 

Tutti malignano per il suo difetto,

che sarebbe, parlando con rispetto,

che in mezzo alle gambe, quelle vere,

ne aveva un'altra come una grossa verga di ferro !

 

Le donne del paese, camminando radenti al muro,

facevano di tutto per incontrarlo al buio:

quello che succedeva in quei momenti,

si può solo immaginarlo dai gemiti e lamenti !

 

Appena il Franco è spirato,

gli uomini del paese hanno tirato un sospiro di sollievo:

ogni donna è tornata al suo focolaio,

anche se ogni tanto si sente a sospirare !

 

Per tramandare ai giovani questo ricordo-avvenimento,

del nostro Franco rimane il monumento,

che fa bella mostra nella piazza principale;

una cosa semplice: sotto due zucche e sopra un palo !

 

'l ghè nè amò

 

Link esterno su FB