L'11 màrs 2020


di Anna Gherardi - 11-03-2020

L'11 màrs 2020

L'era l’11 de màrs dól 2020,

li stràdi i'era ṍidi,

li bóteghi seradi,

la ğéet la 'ndava ca pü 'ngìr, 

ma la prümavéra la seva ca negót.

 

E i fiór i cuntinuàva a sbociàa,

´l sùul a lüsìi,

al tornàva li róndeni,

ol cél al se coloràva dè ròośa e dè blṍ,

al diventàva scǜr sèmpri pǜsé tardi

e dendómáa la lǜüs la bateva itè debòt dali fanèstri.

 

L'era l’11 de màrs 2020,

i bagài i stüdiàva colegac' a "DISCORD" ;

lè stac' l’àn ca se pödeva 'ndà-fó de cà nóma par fàa la spéśa;

dòpo pòoch ià seráat sǜ tǜt,

àa i ufìzi.

 

I sòldac' ai cuminciava a giràa,

 a controlàa la géet e i cunfìi, 

parché ghéra ca pǜ spàzi  par tǜc’ ´ndei óspedài 

e la ğéet la se malava,

ma la prümavéra ´l lè  seva ca

e li ğèmi li cuntinuàva a bütàa fò.

 

L'era l’11 de màrs dól 2020,

tǜc’ iè stàc' mès en quarantena; 

i nòni, li famigli e àach chi gióegn,

ilùra la pùra la ghéra davéra,

e li giórnàdi li pareva tǜti stèsi.

 

Ma la prümavéra ´l lè  seva ca,

e li rṍśi iè tornadi a fiurìi;

se scopèert ´l piasé dè maiàa tǜc’ ´nséma,

ma a metro un da l'otro;

dè scrìf e lagàa lìbera l’immaginaziù;

dè léisc e ulàa cola la fantasia.

 

Ghè  stac' chi ca là 'mparáat 'notro modo de parlàa,

chi ca'i se mès a stüdiàa,

chi ca ià ulüut finìi i esam ca'l mancàva par la tesi; 

chi ca là capìit dè savìi ulìi bée davéra,

chi ca ià piantàat ilò dè ès ignorant,

chi ca là seráat la botega.

 

Chi ca là lagàat la móróśa

par ósàa l’amore par 'l sò miglior amìis, 'l mónt. 

Ghè  stac' chi ca lè diventáat dótòr

par ütàa tüc' chi ca 'n domáa l'arìs aüut beśógn; 

lè stac' l’àn 'n dua se capìit quàat lè 'mportant vìch la salǜt,

e vìch vargüu apröof ca'l te öl bée.

 

L’àn 'n dua ´l mónt lè parüut fermàs

e l’economìa lè deròcàda,

ma la prümavéra ´l lè  seva ca,

e i fiór ià lagat ´l pòst ai frǜc' 

e  pò lè ruàat ´l dì dèla liberaziù.

 

'N sera ala televisiù

e ´l prǜm ministro là dìc' dapertüut ca'l pericòl l'era finìit 

e chè ´l virus l'eva pèrs, 

chè i italiàa tǜc’ ´nséma  ieva vèigiüut,

e ilùra 'n se ndac' de fò sǜ la stràda 

co'li làgrimi ai ṍc’.

 

Sènsa mascheri e guànc' 

a brasciàa-scià la gèet, 

cóma sa'l fós 'l nòś fradèl; 

lè stac' ilùra ca lè ruàat l’estàat,

parché la prümavéra ´l lè  seva ca.

 

Là cuntinuáat a vèsech

nonostant tǜt,

nonostant ´l virus,

nonostant  la pùra,

nonostant  la mòrt.

 

Parché la prümavéra ´l lè  seva ca 

e la 'nsegnàat a tǜc’ 

la fòrsa dèla vìta.

 

di Anna Gherardi                                   'l ghè nè amò

 

 

L'11 marzo 2020

Era l’11 marzo del 2020,

le strade erano vuote,

i negozi chiusi,

la gente non usciva più,

ma la primavera non sapeva nulla.

 

Ed i fiori continuavano a sbocciare

ed il sole a splendere,

e tornavano le rondini, 

il cielo si colorava di rosa e di blu,

diventava buio sempre più tardi

e la mattina le luci entravano presto dalle finestre socchiuse.

 

Era l’11 marzo 2020,

i ragazzi studiavano connessi a discord; 

fu l’anno in cui si poteva uscire solo per fare la spesa; 

dopo poco chiusero tutto,

anche gli uffici.

 

L’esercito iniziava a girare,

a presidiare le uscite e i confini, 

perché non c’era più spazio per tutti negli ospedali 

e la gente si ammalava,

ma la primavera non lo sapeva

e le gemme continuavano ad uscire.

 

Era l’11 marzo del 2020,

tutti furono messi in quarantena obbligatoria;

i nonni, le famiglie e anche i giovani, 

allora la paura diventò reale,

e le giornate sembravano tutte uguali.

 

Ma la primavera non lo sapeva,

e le rose tornarono a fiorire; 

si riscoprì il piacere di mangiare tutti insieme,

ma a un metro di distanza uno dall'altro;

di scrivere lasciando libera l’immaginazione;

di leggere volando con la fantasia.

 

Ci fu chi imparò una nuova lingua,

chi si mise a studiare,

chi riprese l’ultimo esame che mancava alla tesi;

chi capì di amare davvero,

chi smise di scendere a patti con l’ignoranza,

chi chiuse il negozio.

 

Chi lasciò la fidanzata

per urlare l’amore  per il suo migliore amico, il mondo. 

Ci fu chi diventò dottore

per aiutare chiunque un domani ne avesse avuto bisogno;

fu l’anno in cui si capì l’importanza della salute,

e degli affetti veri.

 

L’anno in cui il mondo sembrò fermarsi 

e l’economia andare a picco, 

ma la primavera non lo sapeva,

e i fiori lasciarono il posto ai frutti

e poi arrivò il giorno della liberazione.

 

Eravamo alla tv

e il primo ministro disse a reti unificate che l’emergenza era finita

e che il virus aveva perso,

che gli italiani tutti insieme avevano vinto,

e allora uscimmo per strada 

con le lacrime agli occhi.

 

Senza mascherine e guanti

abbracciando il nostro vicino, 

come fosse nostro fratello;

fu allora che arrivò l’estate,

perché la primavera non lo sapeva.

 

Ed aveva continuato ad esserci

nonostante tutto,

nonostante il virus, 

nonostante la paura, 

nonostante la morte.

 

Perché la primavera non lo sapeva

ed insegnò a tutti 

la forza della vita.

 

sèmpre sǜ chèl argomèet