La Befana

di Paolo Piani


LA BEFANA

 

La ………. l’è réet a preparas 1)

par ulàa sura i téc’ de Trias: 2)

la va sül dòs a ciapàa la scorsa

con la sua scϋa e la sua borsa! 3)

La sua borsa l’è propi gréva: 4)

l’ha calcàat giò roba fin cà la podéva,

carbù, carameli e cicolàat,

segont ognantüu coma al se comportàat!

Ma anca 'n surìis par  chi ca l’è sfürtünàat,

ma aa ‘na carezza par chi l’è malàat,

'n basii par chi l’è sùul e sènsa amӧor:

cà tüt chèsto l’è méi d’en gran dotӧor!

Ecco: l’è partida come ‘na schégia 5)

ma la noc’ l’è scüra e lée l’è végia:

la se scapüsciada ité en d’en sass, 6)

e come en salam le ula giò bass, 7)

la va a rebandéi fin giò la Sasèla, 8)

la se ‘mponta sül müur de la singèla: 9)

dal cuntracolp al ghè ula la mercansia …

… en Albosagia al piӧof règai come par magia !!! 10)

ih ih ih Paolo Piani

NOTE

1) al posto dei puntini, ognuno può inserire il nome della moglie, della fidanzata, ecc.

2) ulaa = volare

3) scϋa = scopa

4) gréva = pesante

5) come na schégia = velocissimamente

6) scapüsciada = inciampata

7) ula giò bass = cade per terra

8) rebandei = capitomboli rovinosi

9) singèla = sagrato

10) piӧof = piove

LA BEFANA

... si sta preparando

per volare sopra i tetti di Triasso:

va sul dosso a prendere la rincorsa

con la scopa e la borsa !

La sua borsa è davvero pesante:

ha schiacciato giù roba fin che poteva,

carbone, caramelle e cioccolato,

in base a come ognuno si è comportato !

ma anche un sorriso per quelli sfortunati,

ma anche una carezza per chi è ammalato,

un bacio per chi è solo e senza amore:

tutto questo è meglio di un gran dolore !

Ecco: è partita come una scheggia

ma la notte è scura e lei è vecchia:

si è inciampata in un sasso,

e come un salame e caduta in terra,

va a rotoli fino giù alla Sassella,

si ferma sul muro del sagrato:

dal contraccolpo gli vola tutta la roba della borsa...

..in Albosaggia piovono regali come per magia !!!

 

 'l ghè nè amò