La mèla

di Paolo Piani


LA MÈLA

'n bosàc' sènsa la mèla

l'è cóma en ciél sènsa 'na stèla !

L'è cóma en gióanòt sènsa mórósa:

se vìif stèś... ma che vita noiósa !

 

Par 'n Bosàc' la mèla l'è la sùa miè:

en càas de besógn, sèmpre la gh'è.

L'è cóma la binzìna par òl motór,

l'è cóma la rizèta par òl dotór !

 

Sènsa la mèla al fà miga 'n pàs,

sèmpre al controla prima de 'nviàs:

d'istinto la màa la va gió en scarsèla

par vidìi sa gh'è gió la sùa mèla !

 

Tàat l'è afiziùnàt a stò gràn atrezzi

ca a-i l'è difènt con tüc' i mèzzi:

'n de mila ocasiù l'è òl sò sóstegn...

.. e lǜü, al màrca 'l nóm sül manèch, de lègn !

 

Sènsa la mèla, al ghe mànca 'na màa,

cóma al forést 'l so Paés lontàa !

Cóma 'n redès ca al carezza la màma,

stès lǜü, con la préda, 'l mula la làma !

 

Àach quànt ca al fà 'l sò pisól, dòpo maiat,

lǜü, l'è l'òm püsèe pacifèch del creat:

al se 'nsomnia.. al grigna.. la màa gió scarsèla:

'ntàt ca al dòrma al carezza la sùa mèla !

Paolo Piani

 'l ghè nè amò

 

LA RONCOLA

Uno di Albosaggia senza la roncola

è come un cielo senza una stella !

É come un giovanotto senza fidanzata:

si vive ugualmente ... ma che vita noiosa !

 

Per uno di Albosaggia la roncola è la sua moglie:

in caso di bisogno, c'è sempre.

É come la benzina per il motore,

è come la ricetta per il dottore !

 

Senza la roncola non fa un passo,

sempre controlla prima di avviarsi:

d'istinto la mano va giù in tasca

per controllare se c'è giù la sua roncola !

 

Tanto è affezionato a questo grande attrezzo

che lo difende con tutti i mezzi:

in mille occasioni è il suo sostegno...

... e lui scrive il suo nome sul manico, di legno !

 

Senza la roncola, gli manca una mano,

come al forestiero manca il suo Paese lontano !

Come al bambino che accarezza la mamma,

anche lui con la cote, affila la lama della roncola.

 

Anche quando fa il suo riposino , dopo mangiato,

lui è l'uomo più pacifico del creato:

sogna.. ride... la mano in tasca:

intanto che dorme accarezza la sua roncola.

chilò la mèla cüntada