La ràna e la vàca

di Paolo Piani


Quarta Favola di Fedro ....

LA RANA E LA VACA

En dì de Somartii ‘na rana al süul la se scoldava; 1)

l’ha idüut ‘na vàca cà la pascolava,

granda e grosa e con la pansa piena:

la se vardada en dèl spèc' e la se facia pena!

La tacàat a biif a pü non pòs,

fin cà la sügàat sǜ tüt ól fòs: 2)

la varda la vàca, la varda 'l màar,

la ciama i fiöi, la ciama en notàar:

ghera pü acqua sǜ tüta la tèra,

abòt par veisc' ‘sta màta guèra! 3)

Al ghe ignüut da piaisc', la sé tacàat al vii, 4)

al ghe sciopàat la pansa … orfan i ranii !

(Paolo Piani)

_____ NOTE _____

1) Somartìi – Autunno

2) sugàat sǜ tüt ól fòs – prosciugato tutto il fosso

3) ghera pù acqua sǜ tüta la tera, abòt par veisc ‘sta mata guera – non c’era acqua sull’intera terra,

sufficiente per vincere questa sfida scellerata!

4) Al ghe ignüut da piaisc – Le venuto da piangere

 

LA RANA SCOPPIATA E IL BUE

Un giorno la rana vide un bue al pascolo

e presa da invidia per tanta grandezza

gonfiò la pelle rugosa. Poi chiese ai suoi figli

se fosse più grossa del bue : risposero di no.

Tese di nuovo la pelle con sforzo maggiore

e chiese ancora chi fosse più grande; risposero : il bue.

Alla fine, esasperata,

mentre cercava di gonfiarsi ancora di più,

il suo corpo scoppiò e così morì.

Chi non ha possibilità e vuole imitare il potente,

finisce male.

(Fedro)

 

 'l ghè nè amò